unione-svizzera-arti-e-mestieri-stop-subito-alle-restrizioni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Un sonoro ceffone per Wall Street

Gli investitori non avevano compreso che, con un’inflazione al 7% e un’economia al galoppo, un tasso d’interesse quasi a zero sarebbe un sacrilegio
Economia
1 gior

La sindrome giapponese di Pechino

Il default del secondo più grande costruttore del Paese può essere una svolta che avrà conseguenze di lungo periodo sull’economia internazionale
Economia
1 sett

Vendite Rolls-Royce, il 2021 ‘un’annata fenomenale’

Il celebre marchio delle auto di lusso non sente la crisi del settore: consegnati 5’586 veicoli, con un aumento del 49% rispetto al 2020
Economia
1 sett

Bns verso un utile di 26 miliardi nel 2021

Risultato migliore delle attese. Una somma totale di 6 miliardi di franchi sarà versata per un terzo alla Confederazione e due terzi ai Cantoni
Economia
2 sett

Tornano ad aumentare i prezzi in Svizzera:+ 0,6% nel 2021

Il valore medio è il più alto dal 2018. A pesare soprattutto il costo dei prodotti petroliferi e degli affitti delle abitazioni, meno cari i farmaci
Economia
2 sett

Per ricchezza, Elon Musk secondo solo a John D. Rockefeller

Anno d’oro per il multimiliardario Ceo di Tesla, in un livello di fortuna collettiva delle 500 persone più ricche del globo cresciuta di mille miliardi
Economia
3 sett

In Svizzera la parola finanziaria dell’anno è ‘greenwashing’

Cade sull’ecologismo di facciata la scelta di una giuria istituita da Finews.ch e da Natixis Investment Managers
Economia
3 sett

Bilancia dei pagamenti, eccedenza da record

Si tratta del valore più elevato dall’inizio delle serie statistiche della Banca nazionale svizzera dal 1985
12.04.2021 - 11:040
Aggiornamento : 12:24

Unione svizzera arti e mestieri: stop subito alle restrizioni

Per l'Usam il Consiglio federale tiene conto solo di considerazioni sanitarie e non di fattori come la politica economica e le questioni sociali

a cura de laRegione

Fine immediata del lockdow: la chiede l'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), che ha presentato oggi la sua "valutazione critica della situazione".

Per l'organizzazione mantello delle PMI svizzere, l'approccio del Consiglio federale alla crisi si basa quasi esclusivamente su considerazioni sanitarie e non tiene conto di fattori importanti come la politica economia e le questioni sociali.

La crisi del coronavirus è uno "stress test" per la Svizzera, la sua economia e il suo sistema socio-politico, ha dichiarato in una conferenza stampa a Berna il direttore dell'Usam, Hans-Ulrich Bigler. La vera sfida nell'affrontare la pandemia "è soppesare obiettivi contrastanti e trovare un equilibrio tra gli interessi in gioco".

Il piano per una "ripartenza intelligente"

"Test a tappeto, vaccinazioni, tracciamento dei contatti e piani di protezione sono gli elementi che rendono possibile una fine immediata del lockdown e delle misure nefaste che l'accompagnano", secondo la consigliera nazionale e vicepresidente dell'Usam Daniela Schneeberger (PLR/BL).

Queste misure - ha ricordato Schneeberger - fanno parte del piano per una "ripartenza intelligente" ("smart restart") che l'Usam aveva già elaborato durante il primo lockdown e che sono state approvate del Parlamento e inserite nella legge Covid.

Per Schneeberger, il meccanismo applicato ai casi di rigore cela un importante conflitto fra i vari obiettivi. Creando l'illusione di una normalità economica, incoraggia il Consiglio federale a prolungare le chiusure. "I costi di questa politica vengono però rimandati nel futuro", afferma la vicepresidente.

"Coinvolgere le parti sociali"

Per il ticinese Fabio Regazzi, presidente dell'Usam e consigliere nazionale del PPD, il Consiglio federale è prigioniero di scenari ansiogeni e paralizzanti. Sembra intrappolato in una spirale di microgestione che porta a misure assurde e contraddittorie.

"Riteniamo che la task force scientifica faccia parte del problema e non della soluzione", ha inoltre detto Regazzi. Task force che, per il presidente dell'Usam, non ha più alcuna legittimità democratica e i cui membri cercano troppa attenzione da parte dei media.

Regazzi ha quindi ribadito la richiesta di coinvolgere le parti sociali nella ricerca di soluzioni per far fronte alla pandemia. A suo avviso, è necessario istituire uno stato maggiore, con i rappresentanti dei vari dipartimenti, degli uffici federali, dei cantoni, come pure della società civile, e in particolare i partner sociali.

Rivedere la legge sulle epidemie

"La Svizzera si trova per la prima volta confrontata con una situazione d'emergenza ai sensi della legge sulle epidemie", ha dichiarato la consigliera nazionale e membro del consiglio direttivo dell'Usam Diana Gutjahr (UDC/TG).

La deputata ha detto che intende presentare proposte mirate di emendamenti in occasione dei prossimi dibattiti parlamentari. Nel frattempo, occorre "mettere fine immediatamente alla politica fallimentare delle chiusure".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved