credit-suisse-le-incertezze-restano-elevate
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Credit Suisse inasprisce le condizioni per gli hedge fund

In particolare Credit Suisse sta passando da requisiti di margine statici a dinamici, scrive l'agenzia Bloomberg facendo riferimento a Insider
Economia
2 gior

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale

L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 920,55 a 937,40 miliardi. Quinto incremento consecutivo.
Economia
2 gior

Fmi: finora la Svizzera ha gestito bene la pandemia

Il Fondo monetario internazionale per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8% per la Svizzera
Economia
4 gior

Credit Suisse, prevista perdita di 900 milioni

Il n°1 dell'investment banking Brian Chin e la "Chief Risk and Compliance Officer" Lara Warner lasciano i loro ruoli rispettivamente a fine mese e oggi
Economia
1 sett

Conti cantonali meglio del previsto

In 17 Cantoni superate le aspettative. Il Ticino per il prossimo anno calcola un rosso di quasi 231 milioni
Economia
1 sett

Credit Suisse negligente nell’assicurare fondi Greensill

Lo affermano all’agenzia Reuters fonti insider vicine al dossier. La liquidazione ammonterebbe a 10 miliardi di franchi
Economia
1 sett

Il programma di investimenti Usa fa gola alle aziende svizzere

Gran parte degli analisti ritiene che l'economia elvetica trarrà vantaggio dal programma di investimenti americano
Economia
1 sett

Acquisizioni, Firestone Building passa a Lafargeholcim

Il gruppo franco-svizzero rileva ditta statunitense specializzata in coperture per tre miliardi di franchi. Il via libera all'accordo dalle autorità Usa
Economia
1 sett

Autogrill cede le attività autostradali americane

Le ha rilevate un consorzio guidato da Blackstone Infrastructure Partners per 375 milioni di dollari
Economia
1 sett

Medacta, maggiori ricavi nonostante il calo delle vendite

Il produttore di dispositivi ortopedici ha registrato un utile netto di oltre 40 milioni di franchi.
Economia
1 sett

La Finma ridà libertà di fare acquisizioni a Julius Bär

L'autorità di vigilanza ha revocato il divieto temporaneo imposto l'anno scorso a causa di gravi carenze nella lotta contro il riciclaggio di denaro
Economia
07.04.2021 - 15:270

Credit Suisse: le incertezze restano elevate

Dopo l'annuncio delle perdite legate al fallimento dell'hedge fund Archegos e i cambi in direzione la situazione resta incerta

Anche dopo aver reso noto ieri l'ammontare delle perdite legate al fallimento dell'hedge fund statunitense Archegos Capital Management e la partenza di due membri della direzione, le incertezze attorno a Credit Suisse restano elevate. Osservatori ritengono che la grande banca resterà sotto pressione anche nei prossimi mesi a causa dell'insolvenza della società finanziaria britannica Greensill Capital e dei dubbi sul suo modello d'affari.

Secondo gli analisti di Goldman Sachs, da un punto di vista a lungo termine l'annuncio più importante di Credit Suisse non è stato né l'importo delle perdite legate ad Archegos - 4,4 miliardi di franchi - né l'estromissione del numero uno dell'investment banking Brian Chin e della "Chief Risk and Compliance Officer" Lara Warner, quanto piuttosto l'annuncio del consiglio d'amministrazione (Cda) di condurre inchieste sulle due vicende, nell'ambito delle quali è anche questione "di conseguenze più vaste e di trarre insegnamenti".

Gli esperti della banca d'investimenti americana si aspettano a lungo termine una modifica della strategia aziendale di Credit Suisse, con una presa di rischi nettamente inferiore ed ostacoli maggiori per l'avvio di nuovi affari. Ciò dovrebbe pesare sulla performance operativa dell'istituto nell'esercizio corrente ed oltre.

Anche il presidente della direzione Thomas Gottstein ha confermato in un'intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung" di partire dal presupposto che con il nuovo presidente del Cda Antonio Horta-Osório verrà effettuato anche un riesame della strategia. "Quel che possiamo già dire sin d'ora è che ridurremo ulteriormente i rischi da certi ambiti dell'investment banking". Di certo ne faranno parte le attività di "prime service", ossia i servizi per gli hedge fund.

Tra gli analisti è minima anche la speranza che la perdita legata ad Archegos rappresenti la fine degli oneri straordinari per Credit Suisse nell'anno in corso: soprattutto in relazione alla liquidazione dei fondi di finanziamento della catena d'approvvigionamento (supply chain finance) di Greensill potrebbero sorgere costi elevati.

Le perdite sono stimate tra uno e tre miliardi di dollari e in linea di principio dovrebbero essere assunte dagli investitori. Ieri sera l'agenzia Bloomberg ha in effetti riferito, basandosi su informazioni di insider, che i vertici di Credit Suisse non hanno intenzione di rimborsare i propri clienti per le perdite. Nell'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung" Gottstein ha sottolineato che gli acquirenti erano "investitori professionisti".

Ma anche se dovessero accollarsi interamente i costi da soli, in seguito alla vicenda la banca rischia - oltre a danni alla reputazione - lunghe vertenze giuridiche. Gli analisti di JP Morgan. ad esempio, si aspettano che in relazione a Greensill nei prossimi due anni Credit Suisse dovrà costituire accantonamenti per cause legali pari a circa due miliardi di franchi.

Si potrebbero aggiungere nuove condizioni da parte degli organi di regolamentazione. A metà marzo l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha ad esempio chiesto alla banca di rafforzare i fondi propri. Altre misure della FINMA potrebbero essere un incremento della soglia minima per la quota di capitale ponderata per il rischio CET1 dal 10 all'11%, ritengono ad esempio gli analisti di Société Générale.

Di conseguenza gli esperti vedono nero anche per i versamenti di capitale agli azionisti quest'anno e potenzialmente anche nel 2022: ieri Credit Suisse aveva annunciato la sospensione del programma di riacquisto di azioni proprie e anche il taglio del dividendo da 29,17 a 10 centesimi. Gli analisti si attendono sempre più che il dividendo non verrà aumentato (o solo di poco) anche l'anno prossimo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved