laRegione
la-piazza-finanziaria-ticinese-si-sta-stabilizzando
Settore parabancario in leggera crescita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 ore

La Abn Amro taglia il 15 per cento dei dipendenti

La banca olandese lo pianifica per i prossimi quattro anni. Punta a risparmiare 700 milioni di euro
Economia
4 gior

Occupazione ancora in calo in Ticino. Più solo a Zurigo

Nel terzo trimestre del 2020 il nostro cantone segna un -1,5%. Le differenze regionali sono marcate: la Regione del Lemano ha registrato un +0,9%
Economia
5 gior

Clariant sopprime altri mille posti di lavoro

Questo taglio va ad aggiungersi all'annuncio di febbraio riguardo a 600 posti eliminati entro la fine dell'anno dal gruppo chimico basilese
Economia
1 sett

Svizzera, edilizia e industria soffrono a causa del covid

Il settore secondario ha conseguito un fatturato, nel terzo semestre, in calo del 6%. Lo rende noto l'Ufficio federale di statistica
Economia
1 sett

Germania, Thyssen taglia 11 mila posti di lavoro

L'industria del metallo ha annunciato la misura, che sarà attuata nel giro di tre anni. Una decisione da ricondurre all'impatto del coronavirus sui mercati
Economia
1 sett

Swiss ha un nuovo Ceo, lo svizzero-belga Dieter Vranckx

Il manager 47enne nominato oggi al vertice del consiglio d’amministrazione. Proviene da Brussels Airlines, ma in passato ha già lavorato per Lufthansa.
Economia
1 sett

Causa pandemia, in calo i prelievi ai bancomat in Svizzera

Secondo Six, nel 2020 atteso un calo del 20-25% dei prelievi di contante. Entro 5 anni il numero dei bancomat potrebbe essere il 30-40% in meno
Economia
2 sett

Il più grande accordo di libero scambio con la Cina

Quindici Paesi dell'Asia-Pacifico hanno firmato l'intesa commerciale storica. L'influenza di Pechino crescerà di molto
Economia
16.11.2020 - 17:390
Aggiornamento : 18:14

La piazza finanziaria ticinese si sta stabilizzando

Secondo l'annuario 2019 del Centro studi Villa Negroni il processo di concentrazione in atto nel settore bancario cantonale è stato ‘meno rilevante’

Nel 2019 il settore bancario ticinese è stato caratterizzato da una “certa stabilità”, mentre quello parabancario ha registrato (dati del 2018) “una lieve crescita degli indicatori”. È quanto emerge, in estrema sintesi, dall'annuario statistico ‘La piazza finanziaria ticinese 2019’ del Centro studi Villa Negroni pubblicato in questi giorni. 

Negli ultimi anni nel settore bancario ticinese è in atto un “processo di concentrazione della struttura”, si legge in un comunicato. Processo che tuttavia l'anno scorso è stato “meno rilevante rispetto al passato: si registra solo la diminuzione di una unità della categoria delle banche in mano straniera che mantengono comunque un ruolo preponderante”. Nel 2019 è anche stato confermato “il freno alla riduzione del numero di sportelli iniziata una decina di anni fa”. Stando all'analisi, quest'ultimo dato dimostra “che la ristrutturazione della presenza sul territorio di punti di vendita bancari sembra essere ridimensionata”. L'annuario confronta anche i dati ticinesi a quelli nazionali: l'anno scorso gli istituti presenti sul territorio ticinese erano 39, ovvero il 15,9% di tutti quelli presenti nella Confederazione. Gli sportelli, invece, erano 177 (il 5,9% del totale).

La nota sottolinea inoltre che pure “il personale bancario diminuisce in maniera inferiore rispetto alla riduzione media dei precedenti cinque anni”, precisando che “una parte di questo personale confluisce, e confluirà, nel settore parabancario“. Nell'ambito di quest'ultimo settore (gli ultimi dati statistici disponibili risalgono al 2018), “le attività finanziarie sono svolte da 878 aziende (in crescita) impiegando complessivamente 2'715 addetti: le attività d’intermediazione e consulenza, seguite per rilevanza dalla gestione di fondi e da quella di patrimoni, continuano a rappresentare i tre principali ambiti di attività dove è presente quasi il 90% delle aziende”. Secondo l'analisi è poi “sostanzialmente stabile il numero di aziende attive come commercialisti: 2'306 unità con 5'651 addetti (in crescita questi ultimi)”. Per quanto riguarda invece le attività immobiliari, esse “contano 822 aziende che occupano 1'497 impiegati: entrambe le voci sono in crescita”. Inoltre, “con 324 aziende, cresce anche il settore assicurativo che con 1'730 addetti denota un ritorno occupazionale ai livelli precedenti alla contrazione del 2017”.  

“Rimane fondamentale il monitoraggio degli aggiustamenti quantitativi fra le sue componenti, per poter rispondere efficacemente ai cambiamenti che ne conseguono, con lo sviluppo delle relative competenze professionali necessarie”, conclude il comunicato.

© Regiopress, All rights reserved