laRegione
in-svizzera-stagna-la-fiducia-dei-consumatori
(Ti-Press)
Economia
05.11.2020 - 08:000
Aggiornamento : 12:10

In Svizzera stagna la fiducia dei consumatori

Percezioni negativi per il futuro dell'economia e del mercato del lavoro. Frenano anche gli acquisti importanti

Dall’estate di quest’anno la fiducia dei consumatori in Svizzera ha subìto una sostanziale stagnazione. Tutti i sottoindici inclusi nel calcolo continuano ad attestarsi al di sotto della media pluriennale. Rispetto al sondaggio svolto in estate nessuno ha registrato un miglioramento significativo. L’andamento dell’economia e la situazione sul mercato del lavoro sono percepiti come sfavorevoli. Nel mese di ottobre l’indice relativo al clima di fiducia dei consumatori si è attestato a −13 punti collocandosi quasi al livello di luglio (−12 punti) e confermando una percezione negativa. Entrambi i valori sono nettamente al di sotto della media pluriennale (−5 punti).  A mettere in evidenza questi dati è l'ultimo sondaggio della Segreteria di Stato dell'economia (Seco) pubblicato oggi. giovedì.

Rispetto a luglio le aspettative sull’andamento generale dell’economia non sono migliorate: l’indice parziale è di −14 punti, valore che segnala una dinamica congiunturale inferiore alla media. Rispetto all’ultimo sondaggio i consumatori intervistati valutano in modo molto più negativo l’andamento dell’economia negli ultimi dodici mesi (−94 punti).

La situazione del mercato del lavoro è percepita come molto sfavorevole. L’indice relativo alle previsioni sulla disoccupazione (112 punti) rimane fermo vicino al suo livello storico, raggiunto durante la crisi economico-finanziaria. Inoltre, per la terza volta di seguito la sicurezza dei posti di lavoro ottiene una valutazione più negativa rispetto al rilevamento precedente (−122 punti).

Per quanto riguarda la propria situazione finanziaria, tendenzialmente le persone interpellate esprimono giudizi più negativi rispetto all’estate. Mentre le aspettative sulla propria situazione finanziaria sono rimaste sostanzialmente stabili (−7 punti), l’indice relativo alla situazione finanziaria degli ultimi dodici mesi ha subìto una lieve flessione (−15 punti). Entrambi gli indici si collocano nettamente al di sotto della media pluriennale. Di conseguenza, la propensione agli acquisti importanti rimane ampiamente al di sotto della media, con il sottoindice che si attesta a −16 punti. Tra le cause principali probabilmente la grande incertezza.

© Regiopress, All rights reserved