laRegione
o-la-borsa-o-la-vita-la-finanziarizzazione-della-vita-quotidiana
In Ticino va peggio che oltre Gottardo. Nel riquadro Léna Pellandini-Simányi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Shanghai, meta gettonata per i capitali stranieri

Secondo la Commissione municipale per il commercio, nei primi nove mesi dell'anno sono state istituite 38 sedi di multinazionali finanziate dall'estero
Economia
2 gior

Effetto pandemia, volano i giganti del web (a parte Twitter)

Il numero dei nuovi cinguettii è il più contenuto dal 2017 (solo un milione di utenti in più). Si attestano a 2.74 miliardi gli amici di Facebook
Economia
2 gior

Lvmh compra i gioielli di Tiffany (con lo sconto)

L'intesa mette fine a una vertenza fra le parti: dopo lo scoppio della pandemia, il colosso francese aveva fatto un passo indietro, mandando a monte le nozze.
Economia
2 gior

Samsung Electronics fa boom nel terzo semestre

Significativo balzo in avanti dell'utile netto (+48,8%) del più grande produttore di chip di memoria al mondo che rafforza la propria posizione
Economia
2 gior

Swisscom: performance in lieve calo dopo nove mesi

Le cifre del gigante delle telecomunicazioni sono comunque migliori del previsto anche se fatturato e utile netto sono diminuiti
Economia
2 gior

Credit Suisse: utile di 546 milioni nel terzo trimestre

Buoni risultati nel terzo semestre per la banca rispetto alle cifre degli altri istituti a livello nazionale
Economia
3 gior

Crollano i consumi, la Svizzera ‘anticipa’ il lockdown

Ristoranti e negozi sono aperti, ma la gente si tiene lontana e solo i supermercati girano a pieno regime
Economia
4 gior

La pandemia minaccia l'industria svizzera del cioccolato

Calo del 14,3% del giro di affari fra gennaio e agosto. Chocosuisse chiede che si agisca sulle 'misure protezionistiche dannose per la piazza elvetica'.
Economia
4 gior

PostFinance sopprime 130 impieghi ma ne vuole creare 80

Oltre a investire in nuovi settori di attività, l'azienda mira anche a rendere più efficienti i processi e le strutture esistenti
Economia
4 gior

Svizzera, per Novartis cresce il fatturato ma cala l'utile

Resi noti i risultati del gigante farmaceutico renano durante il terzo trimestre. La divisone generici Sandoz ha segnato un calo
Economia
4 gior

Implenia, a rischio 250 posti di lavoro in Svizzera

Un piano di ristrutturazione del gruppo prevede tagli del personale anche nel nostro Paese
Economia
5 gior

Pandemia oppure no, gli orologi si acquistano sempre in negozio

Gli acquirenti di orologi svizzeri continuano a preferire le boutique fisiche. Anche se un'ampia maggioranza delle aziende produttrici è pessimista sul futuro.
Economia
6 gior

Chi ne ha tanti, li spende di più di un anno fa

L'emergenza sanitaria dirada le occasioni di uscita e i consumatori più facoltosi acquistano merce più costosa che nel 2019. Il settore del lusso festeggia.
Economia
1 sett

Intel, tonfo in borsa dopo i risultati trimestrali

Il titolo del produttore di microprocessori perde l'11% dopo la presentazione di conti sotto le aspettative degli analisti
Economia
1 sett

Huawei punta a una forte espansione in Svizzera

Crescita nonostante la pandemia. I dipendenti passeranno da 300 a 550 entro la fine del prossimo anno
Economia
1 sett

Caso Bsi, la Finma ha rivisto al ribasso la sanzione

Dagli iniziati 95 milioni a 70 milioni di franchi. È l'importo dell'utile indebito confiscato dalle autorità nella vicenda del fondo sovrano malese 1MDB
Economia
1 sett

La ricchezza degli svizzeri 'poco toccata dalla pandemia'

Secondo uno studio di Credit Suisse la crisi del coronavirus – in linea generale – non ha inciso sui risparmi
Economia
1 sett

I consumatori chiedono un ‘bollino di riparabilità’

Secondo un sondaggio dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori gli svizzeri sono pronti a pagare di più per prodotti riparabili
Economia
1 sett

Nestlé: risultato solido dopo i primi 9 mesi

Crescita del 3,5% per la multinazionale svizzera, nonostante la crisi pandemica
Economia
20.09.2020 - 20:400

O la borsa o la vita: la finanziarizzazione della vita quotidiana

La sociologa dell'Usi Léna Pellandini-Simányi ci spiega le conseguenze di una vita ormai colonizzata da mutui, carte di credito, fondi.

Mutui, carte di credito, fondi pensione: oggi star dietro a queste cose tocca pressoché a tutti, a meno che non si sia abbastanza ricchi da poter pagare qualcuno per farlo. Sociologi ed economisti la chiamano ‘finanziarizzazione della vita quotidiana’: ma a parte quel mucchio di contratti ed estratti conto alla fine del mese, cosa significa davvero? E quali sono le conseguenze per le nostre vite, specie in un Cantone dove le finanze delle famiglie ‘normali’ sono più fragili che altrove? Lo chiediamo alla sociologa Léna Pellandini-Simányi, docente presso l’Istituto di marketing e comunicazione aziendale dell’Università della Svizzera italiana, che al tema ha appena dedicato un saggio pubblicato sul ‘Routledge Handbook of Critical Finance Studies’.

Prima di tutto, le basi: di cosa stiamo parlando?

Assistiamo a un utilizzo crescente di prodotti finanziari – azioni, fondi, obbligazioni, carte di credito, mutui… – da parte di tutti, a livello globale: le famiglie si muovono sempre di più sui mercati finanziari. La finanziarizzazione della vita quotidiana si riferisce a questa tendenza, ma anche al cambiamento culturale che accompagna questo fenomeno.

In che senso?

Si nota una tendenza a leggere la realtà da un punto di vista del rendimento finanziario: ad esempio non si sceglie una casa solo perché la troviamo bella e confortevole, ma diamo sempre più importanza al suo valore futuro; oppure andiamo in palestra se l’assicurazione personale ci fa uno sconto sui premi. Un sacco di aspetti della vita che un tempo non avevano rilevanza finanziaria, ora ce l’hanno.

Che cosa ha generato questa finanziarizzazione ‘esistenziale’?

Si tratta di un fenomeno che varia in intensità a seconda dei paesi. Anche se lo si riscontra perfino in Cina, la sua incidenza comincia a diventare visibile nei paesi anglosassoni con l’imporsi di privatizzazioni e riduzioni delle funzioni dello Stato, tra anni Settanta e Ottanta. Ed è sempre più legato alla globalizzazione dei mercati.

C’è chi ha parlato di ‘keynesismo privatizzato’.

Infatti: la riduzione del welfare state in molti paesi ha costretto gli individui a farsi carico di quello che una volta faceva lo Stato. Ad esempio indebitarsi per mantenere i consumi in un momento di crisi, o attrezzarsi per avere fondi a disposizione in caso di disoccupazione o una volta anziani.

Qualcuno dirà che è meglio così: impariamo a comportarci da persone più responsabili, prendendoci cura delle nostre finanze.

Il problema è che l’importanza degli aspetti finanziari nella nostra vita non significa necessariamente che ci stiamo trasformando nell’homo oeconomicus, nel soggetto razionale sognato da alcuni economisti e politici. Una cosa è dover fare costantemente scelte e valutazioni finanziarie, un’altra è saperle fare, sia per mentalità che per conoscenze.

Quali sono i rischi per chi è più debole?

La finanziarizzazione della vita quotidiana finisce per colpevolizzare chi non riesce a ‘gestirsi’. Inoltre, lo stesso accesso ai prodotti finanziari rischia di essere discriminatorio, ad esempio se dipende dalla salute, dall’estrazione sociale o da altre categorie che distinguono e isolano un gruppo sociale dagli altri: per questo sarebbe importante che si superasse il calcolo di rischio individuale e si fornisse un accesso al credito basato su criteri più universali, per evitare un aumento delle diseguaglianze.

Com’è la situazione in Svizzera?

Si tratta di un caso particolare. Da una parte, la sua ricchezza si traduce naturalmente in forti investimenti finanziari: le persone non tengono i soldi nel materasso. Dall’altra, però, questi investimenti rimangono piuttosto tradizionali: non si vedono il tipo di marketing finanziario e la spinta verso nuovi prodotti d’investimento cui si assiste ad esempio in Gran Bretagna, dove si promuovono molto strumenti come i mutui digitali e le piattaforme d’investimento web; qui questo fenomeno è ancora agli inizi. Inoltre lo stato sociale resta più forte che altrove.

E in Ticino?

In termini di salari medi rispetto alle altre regioni svizzere, il Ticino è il più ‘povero’ e affronta le maggiori diseguaglianze. Questo spiega probabilmente perché ha il più alto numero di famiglie indebitate: oltre la metà. Una situazione ancor più problematica tra i giovani. Data la situazione, c’è anche una maggiore ‘finanziarizzazione’, soprattutto col ricorso a strumenti di credito. Questo non si traduce però in una maggiore ‘alfabetizzazione’ finanziaria: anzi, mentre nella Svizzera tedesca gli studenti escono dalla scuola con un livello relativamente alto di competenze nella gestione del denaro – e si dimostrano effettivamente più capaci in materia –, nella Svizzera romanda e in Ticino le competenze sono molto meno sviluppate.

Un'accoppiata pericolosa.

Qui la maggioranza delle persone è spinta a gestire una situazione finanziaria oggettivamente più difficile con molte meno capacità di farlo rispetto ad altri cantoni. Questa situazione è resa ancora più difficile dal fatto che il sistema bancario ticinese si è storicamente concentrato sul private banking: servizi ad hoc per clienti con grandi patrimoni. I prodotti rivolti alla famiglia media sono piuttosto basilari e naturalmente meno su misura.

Si tratta di una tendenza irreversibile?

Dopo la crisi del 2008 scatenata da investimenti ‘tossici’ legati ai mutui, molti governi, molte istituzioni finanziarie e l’Unione europea hanno compreso che certi eccessi creavano un grande rischio sistemico, e questo ha portato ad esempio a una maggiore regolamentazione delle banche. Abbiamo visto allora qual era l’errore: si stava cercando di combinare la responsabilità individuale con un sistema globale talmente complesso che neppure gli esperti erano riusciti a capirlo. Una via d’uscita – che in parte si sta già percorrendo – è quella di togliere almeno una parte del rischio finanziario dalle spalle degli individui, che dovrebbero essere ritenuti responsabili solo delle scelte che possono effettivamente fare. In questo senso ritorna importante il ruolo dello Stato.

© Regiopress, All rights reserved