il-covid-ha-colpito-le-aziende-svizzere-ma-meno-del-previsto
A trarne un vero vantaggio, la farmaceutica e l'informatica (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
4 gior

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
6 gior

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
1 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
1 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
17.08.2020 - 17:22
Ats, a cura de laRegione

Il Covid ha colpito le aziende svizzere, ma meno del previsto

Secondo gli analisti non si è manifestato lo scenario peggiore. Gli utili sarebbero migliori delle stime e il futuro è meno nero

La crisi del Covid-19 ha colpito duramente le aziende svizzere, ma finora le conseguenze sembrano essere meno gravi di quanto preventivato dagli analisti. Stando a una valutazione dell'agenzia Awp, quasi l'80% delle società che hanno presentato i dati semestrali entro venerdì scorso hanno registrato cali del fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019.

Guadagano le case farmaceutiche e il settore informatico

Tra le poche aziende a trarre beneficio dalla pandemia ci sono quelle farmaceutiche e quelle attive nel settore informatico, come il grossista Also o il produttore di accessori per computer Logitech, che hanno beneficiato del boom del lavoro a domicilio. Anche le società alimentari hanno superato bene la crisi.

In media un terzo in meno

In molti altri settori, invece, la pandemia non ha inciso solo sulle vendite, ma anche sui ricavi. Circa la metà di loro ha guadagnato meno, mediamente un terzo di meno. Un'azienda su sei è addirittura scivolata nelle cifre rosse. Tra queste troviamo società attive nel settore dei viaggi come Dufry, nonché le aziende industriali Bobst, Feintool, Tornos e Schmolz+Bickenbach.

Finora non si è però manifestato lo scenario peggiore. Le società quotate si sono spesso comportate meglio di quanto gli analisti avessero previsto. In termini di vendite, ad esempio, due società su tre hanno superato le stime medie del consenso degli analisti. Una su quattro ha superato anche le previsioni più ottimistiche.

A pesare anche il franco forte

Gli effetti valutari hanno però avuto un impatto più forte del previsto, secondo Stefan Meyer, di Ubs. Per molte aziende, il franco forte ha pesato sulle vendite.

È chiaramente difficile fornire delle cifre, afferma da parte l'analista della della Banca cantonale zurighese Andreas Müller. La recessione attuale è praticamente senza precedenti, e probabilmente non c'è mai stato un crollo così rapido prima d'ora. Spesso le aziende non sono in grado di valutarlo e non forniscono alcuna indicazione, aggiunge.

Sono soprattutto gli utili ad essere migliori delle stime, aggiunge Müller. I costi sono diminuiti notevolmente, con il lavoro a tempo ridotto da un lato, ma anche altri effetti, come le spese di viaggio molto basse o i costi di marketing azzerati.

Futuro più roseo

Per l'insieme dell'anno, gli analisti non vedono più le cose così nere come durante il lockdown. Malgrado ciò il risparmio dei costi andrà esaurendosi, prosegue Müller. Il lavoro a tempo ridotto sarà probabilmente usato meno e le spese di viaggio potrebbero tornare ad aumentare.

È probabile che gli oneri a medio termine si facciano sempre più sentire. Le sorprese positive del primo semestre non si ripeteranno quindi nella stessa misura nel secondo semestre, secondo gli analisti interpellati da Awp. I consumi privati recupereranno velocemente, mentre il turismo soffrirà ancora a lungo della crisi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved