laRegione
Nuovo abbonamento
meno-fallimenti-grazie-alle-misure-adottate-da-berna
Nonostante la pandemia (Ti-Press)
Economia
10.08.2020 - 10:220

Meno fallimenti grazie alle misure adottate da Berna

Tra marzo e luglio il numero di aziende che hanno dovuto chiudere i battenti è diminuito del 21% rispetto al 2019. Dimezzato in Ticino

Le misure adottate dalla Confederazione per evitare un'ondata di fallimenti aziendali legati alla pandemia di coronavirus sembrano aver dato i loro frutti: tra marzo e luglio, il numero di aziende che hanno cessato l'attività è diminuito del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. Lo indica uno studio del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (Kof) e dell'ufficio di Consulenza Bisnode B&D.

Nell'artigianato e nell'edilizia il numero di fallimenti è calato in media del 32%, indicano gli autori dello studio. Questi ricordano comunque che la situazione non può definirsi rosea e che la recessione è 'evidente' in tutte le regioni. A livello cantonale si osservano divergenze significative. Il numero dei fallimenti si è dimezzato in Ticino, ma è sceso solo del 10% nella Svizzera centrale. Le statistiche mostrano anche un aumento dei casi in Vallese tra giugno e luglio, che però non è considerato significativo.

Da un punto di vista settoriale, sono il commercio all'ingrosso e al dettaglio a essere particolarmente colpiti. L'industria alberghiera e il turismo hanno tenuto bene, il che è solo una mezza sorpresa secondo gli specialisti di Kof e Bisnode. Questi due settori hanno sofferto delle restrizioni imposte dalle autorità, ma hanno fatto largo uso dei cosiddetti 'crediti-Covid'. L'accesso facilitato al lavoro ridotto - una delle misure a sostegno dell'economia decise dal Consiglio federale - ha così permesso di evitare un buon numero di fallimenti. Non si tratta però di un 'cessato allarme', avvertono Kof e Bisnode: alcune chiusure sono state solamente rinviate.

Gli autori dello studio ricordano inoltre che durante le precedenti crisi economiche il numero di fallimenti di imprese non è cambiato improvvisamente, ma piuttosto gradualmente. Sottolineano inoltre che questi numeri sono molto volatili da un mese all'altro.

© Regiopress, All rights reserved