laRegione
Nuovo abbonamento
il-gigante-farmaceutico-bayer-perde-9-5-miliardi
Cifre negative
Economia
04.08.2020 - 10:050

Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi

Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.

Il gigante farmaceutico tedesco Bayer ha registrato una perdita netta di 9,5 miliardi di euro nel secondo trimestre, mentre il costo delle battaglie legali sui suoi diserbanti a base di glifosato è salito. Il forte calo degli utili è stato registrato in quanto sono state registrate voci speciali per 12,5 miliardi di euro, in gran parte a causa della massiccia liquidazione concordata dalla società a giugno. Nello stesso periodo dello scorso anno, Bayer ha registrato un utile netto di circa 400 milioni di euro. Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia di coronavirus ha pesato sui prodotti farmaceutici.

Molte procedure mediche non essenziali sono state rinviate e i pazienti sono rimasti lontani dalle sale d'attesa dei medici e dagli ospedali a causa dei timori di infezione, ha dichiarato la società di Leverkusen in una nota. Anche le vendite di prodotti per l'autocura sono leggermente diminuite, sebbene ciò sia stato attribuito a un "destoccaggio da parte di rivenditori e consumatori" dopo un primo trimestre molto forte.

Le vendite di Bayer hanno generato circa 10 miliardi di euro nel secondo trimestre, con un calo del 6,2% rispetto all'anno precedente. Su base valutaria e di portafoglio, il calo è stato del 2,5%. L'utile prima di interessi, imposte, ammortamenti (Ebitda) e fattori straordinari è salito del 5,6 per cento a 2,9 miliardi di euro, grazie ai risparmi realizzati grazie all'integrazione della Monsanto, che Bayer ha acquisito nel 2018. La Monsanto, una società statunitense di tecnologia agricola, è il produttore di Roundup, un diserbante contenente glifosato che si presume sia cancerogeno.
 
 

© Regiopress, All rights reserved