laRegione
Nuovo abbonamento
credit-suisse-sale-l-utile-si-riducono-le-succursali
Non tutti hanno perso durante la crisi innescata dal Covid (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Rischio bolla immobiliare in aumento a causa della pandemia

Lo sostiene un'analisi condotta da Ubs. Lo Swiss Real Estate Bubble Index è salito a 1,52 punti contro l'1,30 registrato nei primi tre mesi del 2020
Economia
4 gior

Swiss vola in perdita

Nel primo semestre 2020 per la compagnia aerea affiliata di Lufthansa cifre rosse. La causa: il coronavirus
Economia
5 gior

L'annus horribilis del sistema pensionistico

Complice la crisi del coronavirus, lo stato di salute del sistema pensionistico svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni
Economia
5 gior

Banche online, in autunno avvia attività Flowbank

L'azienda vanta una tecnologia che permetterà ai clienti di effettuare tutte le loro transazioni sullo stesso software, indipendentemente dal dispositivo scelto
Economia
5 gior

Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi

Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.
Sondaggio
Economia
6 gior

Svizzeri hanno speso all'estero due miliardi in meno per Covid

La stima è di Credit Suisse, che si basa sulle transazioni delle carte di debito, tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente senza contanti
Mercati finanziari
1 sett

Un luglio in volata per Wall Street

È stata messa in conto una rapida ripresa a 'V' non corrisposta dai fatti
Economia
1 sett

Dagli Stati Uniti all’Europa è corsa al bitcoin

I flussi di acquisto delle criptovalute sono aumentati in modo sorprendente nelle prime settimane di quarantena
Economia
30.07.2020 - 12:410
Aggiornamento : 14:27

Credit Suisse: sale l'utile, si riducono le succursali

Utile netto cresciuto del 24% per la banca elvetica (1,16 miliardi di franchi), che ha varato un piano di risparmio di 400 milioni

Nel secondo trimestre Credit Suisse ha registrato un utile netto di 1,16 miliardi di franchi, il 24% in più dello stesso periodo dell'anno scorso. La grande banca annuncia anche di volersi dotare di nuove strutture e punta a risparmiare circa 400 milioni di franchi all'anno entro il 2022.

L'utile ante-imposte si è attestato a 1,55 miliardi, pari a una progressione del 19% su base annua, indica un comunicato diramato oggi. I ricavi sono salire dell'11% a 6,19 miliardi di franchi.

"In un contesto di mercato volatile abbiamo ottenuto un forte risultato", afferma nella nota il presidente della direzione Thomas Gottstein.

Le cifre superano le attese degli analisti consultati dall'agenzia AWP, che tuttavia variavano molto. In media avevano anticipato un giro d'affari di 5,62 miliardi, un utile prima delle imposte di 1,03 miliardi e un utile netto di 675 milioni di franchi.

Guardando al futuro la banca afferma che continua ad essere difficile giudicare l'ampiezza degli effetti economici negativi scaturiti dall'epidemia di Covid-19 e l'andamento della ripresa. L'istituto è tuttavia ben messo in vista di ulteriori potenziali rischi ed elevate incertezze geopolitiche e in grado di mantenere in una prestazione finanziaria resistente e una base di capitale solida.

Il numero di succursali in Svizzera dovrebbe ridursi da 120 a 100

Il programma di risparmi da 400 milioni di franchi all'anno annunciato da Credit Suisse interesserà anche la rete di succursali in Svizzera: il numero di filiali dovrebbe scendere da 120 a 100, ha affermato il Ceo Thomas Gottstein in margine alla presentazione dei risultati semestrali.

Il manager non ha fornito indicazioni sul periodo temporale in cui ciò accadrà, limitandosi a sottolineare come sulla scia della digitalizzazione e dell'esperienza fatta con il coronavirus potrebbero anche essere pensabili "nuove forme" di succursali.

'La riduzione dei posti di lavoro sarà molto limitata'

La riduzione di posti di lavoro causata dalla riorganizzazione delle strutture di Credit Suisse sarà "molto limitata", al netto dei vari cambiamenti. Lo ha detto il Ceo Thomas Gottstein, commentando in un'intervista diffusa da Bloomberg i risultati semestrali comunicati oggi.

A cambiare sarà in primo luogo ad esempio l'organigramma dell'investment bankng, con i singoli comparti che torneranno a essere riuniti in un'unica unità. La divisione era stata decisa dal predecessore Tidjane Thiam.

I piani di Gottstein dovrebbero consentire un risparmio annuo di 400 milioni di franchi a partire dal 2022. La ristrutturazione, che sarà attuata entro un anno, genererà inoltre costi complessivi per circa 300-400 milioni di franchi.

Sulla stampa un paio di settimane or sono si parlava di mutazioni che avrebbero potuto mettere a rischio centinaia di impieghi.

© Regiopress, All rights reserved