laRegione
le-pmi-svizzere-prevedono-esportazioni-al-minimo-storico
Foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
20 ore

Coronavirus: pil svizzero + 7,2% nel terzo trimestre

Resta comunque inferiore del 2% rispetto al livello pre-Covid-19. La Svizzera ha attutito il colpo meglio dei Paesi limitrofi
Economia
1 gior

La Abn Amro taglia il 15 per cento dei dipendenti

La banca olandese lo pianifica per i prossimi quattro anni. Punta a risparmiare 700 milioni di euro
Economia
5 gior

Occupazione ancora in calo in Ticino. Più solo a Zurigo

Nel terzo trimestre del 2020 il nostro cantone segna un -1,5%. Le differenze regionali sono marcate: la Regione del Lemano ha registrato un +0,9%
Economia
6 gior

Clariant sopprime altri mille posti di lavoro

Questo taglio va ad aggiungersi all'annuncio di febbraio riguardo a 600 posti eliminati entro la fine dell'anno dal gruppo chimico basilese
Economia
1 sett

Svizzera, edilizia e industria soffrono a causa del covid

Il settore secondario ha conseguito un fatturato, nel terzo semestre, in calo del 6%. Lo rende noto l'Ufficio federale di statistica
Economia
1 sett

Germania, Thyssen taglia 11 mila posti di lavoro

L'industria del metallo ha annunciato la misura, che sarà attuata nel giro di tre anni. Una decisione da ricondurre all'impatto del coronavirus sui mercati
Economia
1 sett

Swiss ha un nuovo Ceo, lo svizzero-belga Dieter Vranckx

Il manager 47enne nominato oggi al vertice del consiglio d’amministrazione. Proviene da Brussels Airlines, ma in passato ha già lavorato per Lufthansa.
Economia
2 sett

Causa pandemia, in calo i prelievi ai bancomat in Svizzera

Secondo Six, nel 2020 atteso un calo del 20-25% dei prelievi di contante. Entro 5 anni il numero dei bancomat potrebbe essere il 30-40% in meno
Economia
2 sett

La piazza finanziaria ticinese si sta stabilizzando

Secondo l'annuario 2019 del Centro studi Villa Negroni il processo di concentrazione in atto nel settore bancario cantonale è stato ‘meno rilevante’
Economia
2 sett

Il più grande accordo di libero scambio con la Cina

Quindici Paesi dell'Asia-Pacifico hanno firmato l'intesa commerciale storica. L'influenza di Pechino crescerà di molto
Economia
25.06.2020 - 10:160

Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico

Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro

Esportazione al minimo storico per le piccole medie imprese svizzere, attive nel panorama internazionale. È quanto è emerso dal rapporto elaborato da Credit Suisse sulle prospettive del settore export nel secondo semestre del 2020. Una crisi legata alla pandemia di coronavirus.

Secondo l’attuale sondaggio di Switzerland Global Enterprise (S-GE) alla fine del primo semestre 2020, il 65% delle Pmi ha registrato una contrazione delle esportazioni. Secondo l’81% degli intervistati la pandemia ha conseguenze negative, in particolare a causa del crollo della domanda e del fatturato. Per il secondo semestre soltanto il 39% delle Pmi prevede un aumento dell’export.

Secondo l'indagine, condotta tra l’inizio di maggio e l’inizio di giugno 2020, circa due terzi delle Pmi svizzere intervistate vedrà diminuire le sue esportazioni nel primo semestre del 2020. La pandemia presenta conseguenze negative a livello commerciale per l’81% degli intervistati, derivanti in particolare dal crollo della domanda, dalle perdite nelle vendite e di fatturato nonché dalla mancanza dell’affidabilità delle aspettative e di sicurezza nella pianificazione. Volgendo lo sguardo al secondo semestre del 2020, il 39% delle Pmi prevede un aumento delle esportazioni, il 23% una stagnazione e il 38% un’ulteriore diminuzione.

Effetti della crisi nettamente evidenti

Gli effetti della crisi del coronavirus sono nettamente evidenti anche nel barometro delle esportazioni di Credit Suisse che rappresenta la domanda estera di prodotti svizzeri. Il valore di aprile pari a -2,59 è stato battuto soltanto durante la crisi finanziaria nel 2008. A maggio 2020 il barometro delle esportazioni è salito nuovamente al valore di -1,54, posizionandosi tuttavia ancora nettamente al di sotto della soglia di crescita.

Tiziana Hunziker, economista presso Credit Suisse, afferma: «Le misure di protezione statali e lo stop della produzione hanno portato a interruzioni nelle catene di approvvigionamento internazionali causando un blocco degli investimenti. Presumiamo che la maggior parte degli esportatori abbia raggiunto il livello più basso ad aprile. Per quanto riguarda le esportazioni del settore Mem nei Paesi asiatici, ad aprile avevano già mostrato una tendenza al rialzo, tuttavia le perdite di reddito e l’aumento della disoccupazione persisteranno ancora a lungo. I settori particolarmente dipendenti dalla fiducia dei consumatori, come l’industria orologiera, dovranno attendere ancora a lungo prima di una ripresa».

Alberto Silini, responsabile Consulenza presso Switzerland Global Enterprise (S-GE), dal canto suo constata che «la crisi del coronavirus ha frenato il commercio globale. Le PMI svizzere attive a livello internazionale sono fortemente colpite da questo crollo che riflette chiaramente il livello più basso nella storia del clima delle esportazioni. Il nostro sondaggio mostra tuttavia che nel frattempo numerose aziende si sono stabilizzate e tornano a guardare con ottimismo al futuro. Dopo una fase caratterizzata dalla gestione della crisi, le PMI svizzere devono ora adattare rapidamente le proprie catene del valore alle nuove realtà e ritornare nei mercati target con una strategia migliore rispetto alla concorrenza internazionale. La diversificazione dei mercati e delle fonti di approvvigionamento nonché l’utilizzo di strumenti che tutelano dai rischi di cambio e da ulteriori rischi di esportazione giocano un ruolo importante in questo contesto».

© Regiopress, All rights reserved