laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior
Crypto International licenzia quasi tutti i suoi dipendenti
La mancata licenza d'esportazione impone una drastica scelta: l'azienda intende tagliare 83 dei suoi 85 impiegati in Svizzera
Economia
2 gior
Quattro novi Citylink sui binari ungheresi
Il gruppo turgoviese Stadler consegnerà quattro tram-treni supplementari alle ferrovie magiare,
Economia
5 gior
L'oro vola sopra i 1'800 dollari, prima volta da 2011
La volata è legata ai bassi tassi di interesse e all'aumento dei casi di coronavirus che hanno innescato la corsa al bene rifugio
Economia
5 gior
Il coronavirus incide poco sui tassi ipotecari
Lo indica MoneyPark. Alla fine di giugno, il tasso di riferimento era dell'1,20% per le ipoteche a 10 anni e dell'1,02% per quelle a 5 anni
Economia
5 gior
Coronavirus, utili in calo del 31% per le aziende svizzere
Le aziende industriali sono quelle che hanno sofferto di più, mentre le grandi imprese hanno mostrato una resistenza migliore rispetto alle Pmi
Economia
5 gior
Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio
Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus
Economia
6 gior
L'immigrazione non sottrae lavoro agli svizzeri
Il sedicesimo rapporto della Seco: Con la
Economia
1 sett
Macy's taglia 3'900 impieghi per far fronte al calo-vendite
L'ombra lunga del coronavirus non risparmia la catena di negozi statunitense: forza lavoro ridotta del 3 per cento circa
Economia
1 sett
Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico
Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro
Economia
23.06.2020 - 08:120

Caduta 'vertiginosa' dei posti di lavoro disponibili

Adecco Svizzera fotografa la situazione economica dovuta al Covid e indica la situazione ben più grave della crisi finanziaria del 2008-2009

La pandemia ha fatto crollare il numero di posti di lavoro vacanti nel secondo trimestre dell'anno. La caduta – secondo uno studio di Adecco Svizzera – è stata "vertiginosa". Una situazione ben più grave rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009. E più colpita la Svizzera latina. Nell'arco di tre mesi, tra aprile e giugno, le offerte di lavoro sono calate del 27% in Svizzera, afferma l'azienda del lavoro temporaneo, che oggi ha pubblicato il suo Swiss Job Market Index in collaborazione con l'Università di Zurigo.

Alberghiero e ristorazione i settori usciti con le ossa rotte

"Praticamente tutti i settori della vita pubblica sociale, economica e culturale si sono dovuti fermare da un giorno all'altro, per prevenire la diffusione incontrollabile del Covid-19. Di conseguenza, sono particolarmente colpitele professioni in cui il contatto personale è di primaria importanza e viene gestito in modo molto tempestivo, come ad esempio nel settore dell'ospitalità e dei servizi alla persona", afferma Anna von Ow dell'Istituto di Sociologia dell'Uni di Zurigo. Il settore alberghiero e della ristorazione così come quello dei servizi alla persona subiscono il calo più forte, con un -39%, seguiti dal commercio e dalle vendite, dal segmento uffici e amministrazione e dal management e organizzazione (-35% per tutti e tre). L'industria (-21%) e la salute (-22%) sono meno colpite.

Secondo Adecco Svizzera, le diminuzioni più contenute sono state registrate nel settore della tecnologia e delle scienze naturali (-17%) e in quello delle costruzioni e delle finiture (-18%). Alcune professioni non sono state in grado di invertire la tendenza, nonostante la possibilità di ricorrere al telelavoro, come il settore bancario, finanziario, contabile e assicurativo, i cui posti di lavoro vacanti sono diminuiti del 19%. "Partiamo dal presupposto che la situazione attuale accelererà i processi di trasformazione, portando a un'ulteriore automazione e digitalizzazione dei processi di produzione e di lavoro", afferma Monica Dell'Anna, ceo di Adecco Svizzera.

Svizzera latina messa peggio

La Svizzera latina, più gravemente colpita dal coronavirus, registra una riduzione leggermente maggiore del numero di annunci di lavoro rispetto alla parte tedescofona del Paese. La regione del Lemano (insieme al Vallese) e l'Espace Mittelland - che comprende i cantoni di Friburgo, Neuchâtel, Giura e Berna - hanno registrato il calo maggiore, pari al 29%. Nella parte di lingua tedesca, tutte le aree geografiche hanno registrato cali superiori al 20%. La Svizzera orientale ha registrato un calo del 24%. Secondo Anna von Ow, la Svizzera sta attraversando una crisi che attualmente è molto peggiore delle precedenti, in particolare quella finanziaria del 2008-2009, quando l'impatto è stato meno "improvviso".

"L'aspetto positivo è che si è raggiunto il fondo. Il numero di annunci di lavoro si è stabilizzato a un livello basso dopo il brusco crollo delle prime tre settimane. Ma non possiamo ancora parlare di una chiara inversione di tendenza. Ciononostante, si spera in una ripresa relativamente rapida. Nel confronto internazionale, la risposta alla pandemia della Svizzera è ottima, grazie alle rapidissime misure di politica economica attuate", afferma Dell'Anna.

 
 

© Regiopress, All rights reserved