coronavirus-salone-dell-auto-di-ginevra-rischia-di-fallire
L'edizione 2020 avrebbe dovuto tenersi fra il 5 e il 15 marzo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Glencore pagherà 1,06 miliardi a Stati Uniti e Brasile

Multa salata per l’azienda, dichiaratasi colpevole di attività di corruzione in Africa e Sudamerica. Nonché di manipolazione dei mercati
Economia
4 gior

Glencore accusata di corruzione nel Regno Unito

La società con sede a Zugo, sotto inchiesta per operazioni petrolifere in vari Paesi africani, si dichiara colpevole
Economia
4 gior

I rimborsi pesano sulle casse di Groupe Mutuel: 2021 in rosso

Gestione chiusa con una perdita di 78 milioni di franchi. Complice però la rifusione ai soci (per 111 milioni) delle riserve
Economia
5 gior

Banca nazionale pronta a misure per contrastare l’inflazione

L’inasprimento della politica monetaria è un’opzione qualora la situazione non dovesse migliorare. Maechler: ‘Fondamentale capirne la dinamica’
Economia
1 sett

Zurich vende la sua attività in Russia ed esce dal mercato

Sarà ceduta a undici membri del team dell’unità, che continueranno a operare sul territorio con un marchio diverso
Economia
1 sett

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
1 sett

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
2 sett

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
17.06.2020 - 11:39

Coronavirus, Salone dell'auto di Ginevra rischia di fallire

Una soluzione dovrà essere trovata entro settembre, altrimenti l'edizione 2021 non sarà possibile nonostante un prestito di 16.8 milioni del Cantone

Ats, a cura de laRegione

Il Salone dell'automobile di Ginevra, ora denominato Geneva International Motor Show (Gims), rischia il fallimento se non si trova una soluzione entro settembre. Lo afferma il suo direttore, Sandro Mesquita, ribadendo che l'edizione del 2021, auspicata dal Cantone in cambio di un prestito di 16,8 milioni di franchi, non è possibile.

"Per il momento non ci sono discussioni con lo Stato, nonostante i nostri appelli", ha detto Sandro Mesquita in un'intervista pubblicata oggi dalla Tribune de Genève. "Il nostro consiglio di fondazione si riunirà il 22 giugno. Avrei voluto proporre qualcosa di preciso, perché ci sono ancora dei punti da chiarire, in particolare l'edizione del 2021 che lo Stato sembra volere".

Il 5 giugno il Gran Consiglio ginevrino ha approvato un prestito di 16,8 milioni di franchi, rimborsabile entro la fine del 2037, alla fondazione "Comitato Permanente del Salone Internazionale dell'Automobile", in relazione ai suoi obblighi finanziari per l'edizione 2020, annullata a causa del coronavirus, e per l'organizzazione di un'edizione nel 2021.

L'aiuto era sottoposto ad alcune condizioni, rifiutate dagli organizzatori della fiera che lo scorso anno aveva attirato circa 600'000 visitatori. In particolare una delle esigenze era di subappaltare la manifestazione e la sua pianificazione a Palexpo SA, la società che gestisce la fiera di Ginevra e che ospita l'evento - una condizione ritenuta inaccettabile poiché contraria agli statuti della fondazione.

Secondo un sondaggio condotto fra i membri di Auto Suisse, l'associazione degli importatori ufficiali di automobili, il 73% dei marchi dichiara che l'anno prossimo non parteciperà a una fiera. "La crisi sta colpendo le case automobilistiche, che al momento hanno altre priorità", nota Mesquita.

Egli sottolinea anche le incertezze in materia di viaggi che potrebbero impedire ad alcuni dei "10'000 giornalisti di tutto il mondo" di venire a Ginevra. "Se non possono viaggiare, è un disastro". "Di conseguenza, i nostri membri ci chiedono di pensare all'edizione del 2022", dice.

Il direttore della fondazione incaricata dell'organizzazione del Gims assicura che si stanno esplorando altre vie di finanziamento, "perché, per noi, la soluzione del prestito non è necessariamente la migliore".

Egli ritiene che sarebbe più appropriato l'arrivo di investitori "che portano capitale" (partner bancari, investitori e donatori). "Ma per questo dobbiamo ripensare il nostro modello d'affari e modificare i nostri statuti". Ma il tempo sta per scadere, conclude laconicamente. In caso di fallimento dell'iniziativa, non sarebbe da escludere una pura e semplice vendita del marchio "Salon de l'auto".

La cancellazione del salone dell'auto che avrebbe dovuto tenersi fra il 5 e il 15 marzo ha comportato per gli organizzatori una perdita di 11 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved