laRegione
Nuovo abbonamento
Un calo massiccio si osserva nel commercio (-4,4%) e nel settore alberghiero e della ristorazione (-23,4%) (Keystone)
Economia
03.06.2020 - 08:070
Aggiornamento : 20:33

Pandemia, forte calo del Pil svizzero

Il prodotto interno lordo si è ridotto del 2,6%, contro una crescita dello 0,3% nei tre mesi precedenti. Lo comunica la Seco

L'epidemia di coronavirus e le restrizioni imposte per limitarla hanno pesato fortemente sull'economia svizzera nel primo trimestre: il prodotto interno lordo (Pil) si è ridotto del 2,6%, a fronte di una crescita dello 0,3% nei tre mesi precedenti.

Un calo massiccio si osserva nel commercio (-4,4%) e nel settore alberghiero e della ristorazione (-23,4%), che ha dovuto fare i conti, già da inizio marzo, con la diminuzione degli ospiti dall'estero, informa la Segreteria di stato dell'economia (Seco) in un comunicato odierno. Un impulso negativo di dimensioni storiche è arrivato inoltre dal settore sanitario (-3,9%), dato che molti trattamenti sono stati temporaneamente sospesi. Le misure di contenimento sanitarie e la grande insicurezza hanno portato alla massiccia diminuzione dei consumi privati (-3,5%).

L'industria manifatturiera (-1,3%) ha fatto registrare il maggiore calo dopo quello dovuto la rimozione del tasso di cambio minimo tra franco e euro a inizio 2015. Vi è stata una sensibile diminuzione delle esportazioni in molti settori industriali. Si è in compenso sviluppata positivamente la voce dell'export - molto importante - dei prodotti chimico-farmaceutici.

© Regiopress, All rights reserved