È ancora più difficile trovare lavoro (Ti-Press)
Economia
06.04.2020 - 06:300

Coronavirus, crollo dell'indice dei posti di lavoro del 26%

Stando ad Adecco e Università di Zurigo, prima della crisi sanitaria il mercato dell'impiego segnava un trend positivo. Ora le prospettive sono fosche

Con l'aggravarsi della crisi causata dal coronavirus, il numero degli annunci di lavoro è in netto calo, come dimostrano le valutazioni specifiche dell'Adecco Group Swiss Job Market Index per le borse di lavoro svizzere. Il numero degli annunci nelle borse di lavoro è calato di circa il 26% nell'arco di sole due settimane dopo l'annuncio della «situazione straordinaria» da parte del Consiglio federale il 16 marzo. Poco prima che ciò accadesse, l'Adecco Group Swiss Job Market Index aveva registrato nel primo trimestre 2020 un aumento del 4% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. È quanto rivela l’indagine scientifica del mercato del lavoro dell’Adecco Group Swiss Job Market Index del Servizio di Monitoraggio dell'Università di Zurigo. Tuttavia, lo sviluppo si è manifestato diversamente secondo le categorie professionali. Con una crescita del 20% e oltre, le professioni sanitarie e quelle dell'edilizia principale e secondaria hanno registrato poco prima della crisi del coronavirus un forte aumento.
Dall'introduzione della «situazione straordinaria» da parte del Consiglio federale il 16 marzo 2020 e delle misure per arginare gli effetti del COVID-19, costantemente adeguate, il numero degli annunci nelle borse di lavoro su Internet ha subito un calo di circa il 26% in sole due settimane.

«L'attuale crollo del numero degli annunci di lavoro è impressionante e fa già pensare, per via della sua portata, alle crisi del passato, come quelle legate allo shock del franco nel 2015 o alla crisi bancaria del 2008. Ora tuttavia la situazione di partenza è completamente nuova, cosicché, grazie al lavoro ridotto, la possibilità di una ripresa a medio termine rimane intatta», sostiene Nicole Burth, Ceo del Gruppo Adecco Svizzera.

Ma anche al presente non tutte le professioni subiscono l'impatto negativo dell'attuale situazione. Le aziende i cui servizi e prodotti sono oggi particolarmente richiesti hanno difficoltà a reperire il personale di cui hanno urgente bisogno con sufficiente tempestività. «Stiamo osservando un rallentamento generale dell'economia. Ciò è particolarmente evidente nel settore della ristorazione, in cui gli eventi devono essere cancellati. Tuttavia, il panorama varia notevolmente a seconda del settore. Il personale medico, ad esempio, è attualmente molto richiesto, così come il personale dell'industria alimentare, del commercio al dettaglio online e, in alcuni casi, delle aziende nel
settore della logistica e dell'industria. Cerchiamo di riposizionare i dipendenti dei settori colpiti in quei settori in cui vi è necessità di personale. La sfida consiste nel trovare il personale necessitato nel più breve tempo possibile», questo è quanto riferisce in merito Nicole Burth, Ceo del Gruppo Adecco Svizzera.
Adecco Svizzera.

«L'andamento del numero degli annunci nelle borse di lavoro1 è solo uno degli indicatori dell'attuale sviluppo negativo delle offerte di lavoro in molte professioni. Già nel prossimo trimestre gli effetti della crisi del coronavirus sull'intero mercato del lavoro e in particolare sulle diverse categorie professionali si faranno sentire in modo evidente e così all'inizio di luglio saremo in grado di fare un confronto dettagliato con la situazione immediatamente prima che la crisi del coronavirus si aggravasse, basandoci sui nostri dati trimestrali del Job Index», afferma Anna von Ow dell’Osservatorio del Servizio di monitoraggio del mercato del lavoro svizzero. 

Già prima della crisi del coronavirus, il settore sanitario stava vivendo una crescita della domanda di personale superiore alla media

Poco prima della crisi del coronavirus, diverse professioni hanno registrato un incremento rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente: nel primo trimestre del 2020 si è registrato un significativo aumento della domanda nelle professioni sanitarie (+22%) così come nelle professioni del settore dell'edilizia principale e secondaria (+20%). Inoltre, in quello stesso periodo, hanno registrato un aumento le professioni del settore alberghiero e dei servizi alla persona (+13%) e una leggera crescita è stata osservata anche nel settore delle professioni manageriali e organizzative (+9%). In molte categorie professionali, tuttavia, nel 1° trimestre del 2020, il reclutamento di personale da parte delle aziende è rimasto stagnante o ha subito un leggero calo: tecnologia e scienze naturali (+3%), ufficio e amministrazione (+1%), istruzione e servizi pubblici (0%), finanza e amministrazione fiduciaria (–2%), commercio e vendite (–3%), informatica (–4%). Le professioni dell'industria e dei trasporti registravano un calo del 6% rispetto all'anno precedente, anche prima dell'aggravarsi della crisi del coronavirus.

© Regiopress, All rights reserved