laRegione
Nuovo abbonamento
economiesuisse-risposta-giusta-del-consiglio-federale
Contrari a un coprifuoco (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
23 ore
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
3 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
3 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
4 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
4 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
4 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
4 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
4 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
4 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
5 gior
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
La filiale dell'agenzia viaggi tedesca riduce la sua presenza nella Confederazione a causa della crisi del coronavirus
Economia
5 gior
Nespresso amplia il centro di produzione di Romont
Annunciato un investimento di 160 milioni di franchi per soddisfare la richiesta dei clienti e supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni
Economia
6 gior
In Italia un terzo delle famiglie ha riserve per soli 3 mesi
Circa il 30% cento della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza questa estate
Economia
6 gior
Coronavirus, per 2 milioni di svizzeri acquisti via web
Il 34% della popolazione elvetica opta per il nuovo approccio secondo lo studio della società Alvarez & Marsal
Economia
6 gior
Non è tutto oro quel che luccica... ma averne di once
Il prezzo del prezioso metallo resta sui massimi degli ultimi anni segnando 1'783 dollari per circa 30 grammi.
Economia
6 gior
Via libera alla fusione tra Osram e Ams
La commissione europea ha approvato il matrimonio tra la società tedesca e quella austriaca
Economia
20.03.2020 - 18:020
Aggiornamento : 19:39

 Economiesuisse: 'Risposta giusta del Consiglio federale'

Per Travail.Suisse e Uss invece si tratta di un 'segnale importante'. Syndicom: 'Ok le misure, ma va tutelata la salute dei lavoratori'

Quella presentata oggi dal Consiglio federale è la risposta giusta alla drammatica situazione che stanno vivendo molte aziende. È quanto afferma in una nota economiesuisse, che sottolinea come il fatto di non aver annunciato un confinamento generalizzato della popolazione sia importante quanto lo stesso pacchetto di aiuti.

L'organizzazione chiede il sostegno di tutti. "L'economia non deve essere completamente ferma. La Svizzera ha bisogno di un tessuto economico efficiente. Solo allora sarà possibile tornare alla normalità in un breve lasso di tempo, una volta superata la crisi, e sarà possibile garantire posti di lavoro e salari ai dipendenti."

Naturalmente le imprese devono garantire che le necessarie misure di protezione comunicate dalle autorità siano rigorosamente rispettate e attuate, ricorda. Per economiesuisse è infine importante che il governo pianifichi rapidamente un ritorno alla normalità dopo il 19 aprile. "È l'unico modo per ridurre al minimo il rischio di ulteriori danni economici".

Travail.Suisse: attenzione al mantenimento dei posti di lavoro

Il pacchetto di misure annunciato oggi dal Consiglio federale è un "segnale importante" per i lavoratori, secondo Travail.Suisse, che ritiene tuttavia necessarie ulteriori misure a tutela di chi lavora.

La federazione sindacale accoglie positivamente la serie di misure di proposte del governo per contrastare gli effetti negativi della crisi, si legge in una nota. Ora occorre fare tutto il possibile per garantire che i pagamenti vengano effettuati il più rapidamente possibile, aggiunge, chiedendo particolare attenzione al mantenimento dei posti di lavoro.

Sotto il profilo sanitario, Travail.Suisse sottolinea come il luogo di lavoro rappresenti uno maggiori rischi di infezione. Se le raccomandazioni dell'Ufficio federale della sanità (UFSP) non possono essere rispettate e il lavoro non è obbligatorio per le funzioni di base, il posto deve essere immediatamente chiuso per proteggere la salute dei dipendenti e contribuire a contenere la pandemia, raccomanda l'organizzazione, chiedendo un'intensificazione dei controlli negli stabilimenti nel corso della prossima settimana.

Syndicom: 'Serve maggior tutela della salute sul posto di lavoro'

Il sindacato syndicom accoglie con favore le decisioni odierne del Consiglio federale, in particolare il sostegno finanziario agli indipendenti attraverso un’indennità giornaliera sfruttando l’indennità per perdita di guadagno. Tuttavia, i sindacati, in quanto parti sociali, devono essere coinvolti nell'attuazione per garantire "un'applicazione uniforme delle misure a favore della tutela della salute sul posto di lavoro".

Il sindacato syndicom si dice anche favorevole alle misure economiche che il Consiglio federale ha varato oggi: "La Confederazione adempie così alla sua responsabilità e offre una mano a coloro che dipendono da un'attività lucrativa e che si trovano ad affrontare le sfide esistenziali generate dal coronavirus". 

"Gli occupati che garantiscono ogni giorno il nostro approvvigionamento di base anche nei settori logistica, telecomunicazioni e It, infrastrutture di rete nonché media e comunicazione devono essere sufficientemente protetti – scrive syndicom –. Anche l’estensione del recapito dei pacchi, che il Consiglio federale ha deciso oggi, deve avere come elemento prioritario la salute dei collaboratori. La consegna dei pacchi di domenica non deve portare a situazioni di stress e di pericolo per la salute degli occupati. Inoltre, i servizi non possono essere eseguiti da fornitori terzi e la priorità dev’essere assegnata ai beni di prima necessità".

Uss: 'Pacchetto misure d'emergenza è passo importante'

Anche l'Unione sindacale svizzera (Uss) accoglie con favore le nuove misure adottate dalla Confederazione in materia di coronavirus. Per risolvere i problemi della politica del mercato del lavoro, il sindacato chiede tuttavia un'organizzazione di crisi congiunta fra governo e parti sociali.

In una nota diffusa dopo che il Consiglio federale ha comunicato le sue decisioni, l'USS precisa che con l'alleggerimento in materia di lavoro ridotto per i lavoratori con contratto a tempo determinato e per quelli retribuiti a ore e con le misure di sostegno per tutti gli operatori nell'ambito della cultura sono state soddisfatte importanti richieste.

Con queste garanzie di salario si assicura il reddito di molti lavoratori. Il passo successivo è quello di attuare queste decisioni nel modo più rapido e meno burocratico possibile, in modo che il denaro arrivi alla gente al più presto.

Tuttavia, secondo l'Uss, la situazione per i salariati rimane tesa. Giorno dopo giorno emergono nuovi problemi nei singoli settori. Inoltre, le preoccupazioni per la salute e le paure economiche rischiano di degenerare in conflitti.

Per il sindacato è molto positivo che la Confederazione abbia pubblicato opuscoli e check-list. Tuttavia, nella maggior parte dei settori mancano ancora strutture di applicazione efficaci.

L'Uss vede un potenziale di miglioramento anche nella collaborazione con le autorità federali: diversi Cantoni hanno già creato organizzazioni di crisi composte da governo e dalle parti sociali.

Insieme all'Unione svizzera degli imprenditori (USI), l'USS chiede la creazione di strutture simili a livello federale. Secondo il sindacato, qualsiasi azione unilaterale del Consiglio federale su questioni chiave di politica del mercato del lavoro potrebbe avere gravi conseguenze.

 

© Regiopress, All rights reserved