laRegione
Nuovo abbonamento
Una scena nota (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
1 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
1 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
2 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
2 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
2 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
2 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
2 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
3 gior
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
La filiale dell'agenzia viaggi tedesca riduce la sua presenza nella Confederazione a causa della crisi del coronavirus
Economia
3 gior
Nespresso amplia il centro di produzione di Romont
Annunciato un investimento di 160 milioni di franchi per soddisfare la richiesta dei clienti e supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni
Economia
17.03.2020 - 10:490
Aggiornamento : 18:25

La chiusura dei piccoli negozi? 'È colpa del web'

Lo sostiene il 73% dei dettaglianti svizzeri interpellati da un sondaggio. Molti punti vendita non vogliono affidarsi alla vendita online

Il 73% dei dettaglianti svizzeri interpellati nell'ambito di un sondaggio ritiene che il commercio online sia la causa principale della moria dei piccoli negozi. Molti punti vendita non vogliono comunque sbarcare sul web.

Il 59% cento di tutti i negozianti che oggi vendono esclusivamente in negozio escludono del tutto la possibilità di affidarsi, anche in futuro, allo shopping via internet; il 24% non ha ancora un'opinione precisa in merito e soltanto il 17% pensa che proporrà i propri prodotti anche online, emerge da un rilevamento condotto presso 333 commercianti dall'istituto di ricerche di mercato Innofact AG di Zurigo per conto di Localsearch.

Quasi un interrogato su quattro (23%) distribuisce le proprie merci non soltanto presso la sede fisica dell'attività ma anche tramite lo shop online o un portale di e-commerce. La grande maggioranza (69%) continua tuttavia a puntare totalmente sul commercio tradizionale in negozio, mentre il restante 8% vende solo online.

Un parere comune

Con o senza negozi online, i dettaglianti sono concordi nell'affermare che il commercio online abbia una parte di responsabilità nella scomparsa dei piccoli negozi: l'opinione è condivisa da tre interpellati su quattro. Il 68% del campione si dice convinto che in futuro il commercio online porterà a un ulteriore inasprimento della concorrenza e il 45% ritiene che il mercato virtuale sarà dominato da operatori multinazionali, escludendo ogni possibilità per le piccole realtà locali.

Considerato che - stando ai dati dell'Ufficio federale di statistica - i consumatori elvetici sono ai vertici nella classifica dello shopping online in Europa, immediatamente alle spalle del Regno Unito, ci si può chiedere come mai la maggioranza dei negozianti non sfrutti questa dinamica ed escluda il passaggio al commercio via internet.

Perché non punteranno sull'online

I dettaglianti intervistati forniscono tutta una serie di motivazioni per questo atteggiamento: il 65% non crede o perlomeno dubita che i propri clienti desiderino fare acquisti online, il 70% pensa che il rapporto con la clientela sia talmente forte da non avere l'esigenza di un punto vendita virtuale. Il 62% non si avventura nel nuovo campo perché teme di perdere il contatto personale con i propri clienti. Il 59% crede che il proprio prodotto sarebbe difficile da vendere online e quasi uno su due (40%) dichiara che la gestione di uno shop virtuale sarebbe semplicemente troppo impegnativa.

I dettaglianti (20%) che vendono le proprie merci sia in negozio sia via internet forniscono varie motivazioni per questa scelta. Per l’86% dei commercianti interessati preminente è l'orario di apertura illimitato di un negozio online. Il 75% è convinto che i consumatori ricerchino sempre più spesso informazioni sui prodotti tramite Facebook e Instagram: pertanto avere un portale sul web rappresenta quasi una scelta obbligata. Il 69% crede che internet consenta generalmente di raggiungere più clienti rispetto al negozio tradizionale, mentre il 60% desidera semplicemente cavalcare la rapida crescita del commercio online. Ciononostante anche due terzi di questi negozianti (66%) affermano che il tradizionale commercio al dettaglio manterrà la sua rilevanza.

Se si parla dei volumi d'affari dei due canali, la classica distribuzione offline resta ancora dominante. I gestori di un negozio con shop online realizzano al bancone mediamente l’82% del proprio fatturato, mentre le vendite via internet concorrono per il 18%. Solo l'11% dichiara di realizzare almeno la metà dei ricavi sul web.

© Regiopress, All rights reserved