Tagli al personale per Upc Cablecom (Archivio Ti-Press)
Economia
21.02.2020 - 11:260
Aggiornamento : 12:07

Upc taglierà 160 posti

L'operatore svizzero di telecomunicazioni prevede di tagliare il 10 per cento del personale

Soppressione di impieghi in vista presso UPC: l'azienda attiva nei settori della tv via cavo, di internet e della telefonia taglierà di circa il 10% l'organico, che è di 1600 posti, ha indicato a Keystone-ATS una portavoce confermando notizie diffuse sui media.

"L'impresa cercherà di raggiungere l'obiettivo attraverso la fluttuazione naturale e misure quali gli spostamenti interni e i prepensionamenti, di modo da mantenere il più possibile contenuto il numero dei licenziamenti", ha affermato l'addetta stampa Stephanie Niggli. Revoche del contratto di lavoro saranno comunque inevitabili: quante saranno è ancora troppo presto per dirlo.

La ristrutturazione, i cui dettagli saranno elaborati sino a fine aprile, interesserà diverse settori e tutte le funzioni. UPC dispone di un piano sociale concordato con le parti sociali per i dipendenti licenziati. In ossequio alle disposizioni vigenti il gruppo ha anche avvertito gli uffici del lavoro dei cantoni interessati.

Particolarmente forte nel settore via cavo, UPC è da tempo in perdita di velocità per la concorrenza degli altri operatori. L'anno scorso il fatturato si è contratto del 3,5% a 1,25 miliardi di franchi. Il numero di abbonati è continuato a scendere (-68'000), anche se in modo meno marcato dell'anno prima (-153'000).

Come noto lo scorso novembre l'operatore telecom Sunrise aveva definitivamente rinunciato al suo progetto di acquisizione di UPC Svizzera, dopo che gli azionisti avevano mostrato opposizione all'operazione da 6,3 miliardi di franchi. Proprietario dell'ex Cablecom è rimasto quindi il gruppo americano Liberty Global.

Il fallimento della fusione non è però all'origine della soppressione di impieghi. "Queste misure facevano parte sin dall'inizio della strategia di crescita di UPC, volta a semplificare e digitalizzare l'attività", ha precisato Niggli.

© Regiopress, All rights reserved