laRegione
Nuovo abbonamento
obbligo-di-annuncio-poche-chance-di-lavoro-per-gli-over-50
Le società preferiscono i candidati più giovani (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
21 ore

Fondi ex Ddr, Julius Baer dovrà restituirli

Ammonta a circa 150 milioni di franchi la somma accordata dal Tribunale federale alle autorità tedesche
Economia
2 gior

Riciclaggio, Banca Syz nel mirino della Finma

Al centro dell'attenzione dell'autorità di vigilanza c'è la relazione di cliente angolano vicino a persone politicamente esposte
Economia
2 gior

Matrimonio tra Ubs e Credit Suisse, trattative ferme

Lo sostiene il periodico Bilanz, citando due fonti direttamente coinvolte nei colloqui che riferiscono di come i contatti non siano ripresi dopo l'estate
Economia
3 gior

Ermotti: 'Le fusioni bancarie sono inevitabili'

Dopo l'ipotesi Ubs-Credit Suisse si fa strada l'idea di mega-fusioni bancarie, anche con istituti esteri
Economia
3 gior

Forum economico 2021, Lugano in corsa

Per il dopo Davos tra le possibili location ci sarebbero, oltre alla città sul Ceresio, Montreaux e il Bürgenstock
Economia
4 gior

L'edizione 2021 del Wef non si terrà a Davos

il Forum economico mondiale non si terrà nella cittadina grigionese, nemmeno in estate, come invece speravano gli operatori del settore alberghiero
Economia
4 gior

Alpiq: lascia André Schnidrig, gli subentra Antje Kannglesser

Il Ceo abbandona per motivi di salute, con effetto immediato. Il perfezionamento del passaggio entro aprile
Economia
4 gior

La lotta al riciclaggio in Svizzera non funziona

L'ex numero uno del Mros cita il Ticino e parla di un sistema normativo che punisce i pesci piccoli, ma che risparmia spesso quelli grossi
Economia
5 gior

O la borsa o la vita: la finanziarizzazione della vita quotidiana

La sociologa dell'Usi Léna Pellandini-Simányi ci spiega le conseguenze di una vita ormai colonizzata da mutui, carte di credito, fondi.
Economia
09.01.2020 - 07:190
Aggiornamento : 07:46

Obbligo di annuncio, poche chance di lavoro per gli over 50

La misura, introdotta per attuare la regolazione dell’immigrazione, non migliorerebbe la situazione dei disoccupati "anziani"

Secondo uno studio condotto dalla società Von Runstedt di Zurigo, specializzata nella gestione del personale, i disoccupati over 50 non beneficiano dell'obbligo di annuncio dei posti vacanti. Nonostante il numero di annunci sia cresciuto, gli "anziani" vengono scartati per ragioni d'età.

"Gli over 50 di solito trovano un nuovo impiego grazie a contatti personali; la possibilità di successo tramite piattaforme d'annuncio è assai ristretta", secondo il responsabile dello studio Pascal Scheiwiller.

La società Von Rundstedt sostiene i disoccupati nella ricerca di un nuovo lavoro. Per il Barometro del mercato del lavoro elaborato da questa azienda sono stati esaminati i dati riguardanti 1.524 persone licenziate e 192 aziende che l'anno scorso avevano dato il preavviso di disdetta.

Gli ultracinquantenni, gruppo target effettivo dell'obbligo di annuncio introdotto nel 2017, hanno difficoltà con le ricerche di personale pubblicate sul web, ha spiegato Scheiwiller. Tramite queste piattaforme giungono infatti rapidamente alle aziende centinaia di candidature. Gli over 50 hanno spesso poche possibilità, perché le società preferiscono i candidati più giovani.

Alla fine ad approfittare maggiormente dell'obbligo di annuncio sono quindi i lavoratori più giovani: nel 2019, il 41% ha trovato lavoro attraverso annunci di lavoro pubblicati, rileva lo studio, una percentuale ben più elevata rispetto all'anno precedente (24%).

D'altra parte, la quota di successo mediante contatti personali è diminuita notevolmente: nel 2019, solo un terzo dei posti di lavoro è stato trovato grazie a questo sistema. Nell'anno precedente la quota era ancora del 41%.

Più tempo per trovare un impiego

Inoltre, ci si dovrebbe aspettare che con così tanti posti vacanti e una contemporanea carenza di lavoratori qualificati il tempo di ricerca diminuisca. Ciò vale per i più giovani, ma non per i disoccupati più in là con gli anni, ha detto Scheiwiller.

Per questi ultimi il tempo di ricerca si allunga perché molte aziende hanno riserve sull'età. Ad esempio, la durata media delle ricerche per i senza lavoro tra 40 e 50 anni è passata da 5,2 mesi nel 2018 a 5,8 mesi un anno dopo. Per gli ultracinquantenni, il tempo di attesa è salito da 6,8 a 7,8 mesi.

Tuttavia, la durata della ricerca dipende non solo dall'età, ma anche da altri fattori. Per esempio, ci sono over 50 che trovano un nuovo impiego in tempi relativamente brevi, mentre altri ci mettono di più. "Notiamo che la discrepanza tra i profili 'facili' (durata della ricerca: 3,5 mesi) e i profili 'difficili' (durata della ricerca: 11,2 mesi) è ancora grande. La polarizzazione del mercato del lavoro sta crescendo", ha sottolineato il responsabile dello studio.

Per le persone direttamente toccate dal problema si tratta di una situazione frustrante. Viene sempre detto loro che le aziende sono alla disperata ricerca di lavoratori qualificati e che la situazione del mercato del lavoro è buona, ma loro stessi non ne traggono alcun beneficio, ha spiegato Scheiwiller.

© Regiopress, All rights reserved