laRegione
Nuovo abbonamento
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
1 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
2 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
2 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
2 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
2 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
2 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
3 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
20.11.2019 - 10:160

Pagare con... un dito: arriva in Svizzera la carta biometrica

Il sistema evita l'inserimento di un codice Pin ed è stato ideato dal colosso francese dell'elettronica Thales. A lanciarla sono Visa e Cornèr Banca

Pagare con un leggero tocco del dito sulla propria carta di credito: Visa e Cornèrcard introducono la prima carta di pagamento biometrica della Svizzera, che secondo i promotori rappresenta una pietra miliare nel campo dei versamenti senza contanti e garantisce un'esperienza del tutto nuova.

Il nuovo "rivoluzionario prodotto high-tech" si chiama Biometric Gold Visa, informa Cornèr Banca in un comunicato odierno. Permette di confermare il pagamento direttamente sulla carta: gli acquisti vengono pagati presso il terminale della cassa di un negozio con un breve tocco sul sensore di impronte digitali integrato nella carta. È il sistema - che evita l'inserimento di un codice Pin - utilizzato già da diverso tempo dagli smartphone in tutto il mondo.

Concretamente, l'impronta digitale del titolare della carta viene registrata sul sensore appositamente progettato sul lato inferiore destro della carta. Un segnale LED, anch'esso integrato nella carta, conferma l'avvenuta acquisizione dell'impronta digitale.

Per completare l'identificazione del legittimo titolare della carta, alla prima transazione dev'essere inserito il Pin. Lo stesso codice può essere utilizzato in casi eccezionali o quando non è possibile confermare l'interazione con l'impronta digitale, ad esempio per il prelievo di contanti presso i bancomat. Il pagamento con l'impronta digitale è comunque possibile sia per piccoli che per grandi importi, assicura Cornèr Banca.

"Siamo orgogliosi di offrire questa innovazione esclusiva ai nostri clienti in Svizzera", afferma Davide Rigamonti, direttore di Cornèrcard, citato in un comunicato. "La carta di pagamento biometrica non è solo speciale nell'aspetto. Garantisce anche una speciale esperienza di pagamento e si inserisce perfettamente nella vita quotidiana del consumatore moderno".

"Con la carta biometrica Visa di Cornèrcard, stiamo ponendo una pietra miliare nel panorama svizzero dei pagamenti", gli fa eco Jörg Metzelaers, responsabile per la Svizzera di Visa. "I consumatori si sentono sempre più a loro agio con le nuove forme di autenticazione biometrica e riconoscono come questo rende la loro vita più facile".

La sicurezza rimane un elemento centrale. Quando l'impronta digitale viene identificata, i dati vengono memorizzati e criptati esclusivamente su un secondo chip situato nella carta. In caso di smarrimento o furto della carta, l'impronta digitale non è accessibile a terzi.

Sul progetto ha lavorato Thales, colosso dell'elettronica francese. "Crediamo fermamente che la biometria abbia un potenziale chiave per il futuro delle operazioni di pagamento, in quanto offre il perfetto equilibrio tra comfort e sicurezza", afferma un dirigente di Thales in Svizzera, Bertrand Michaux, anch'egli citato nel comunicato.

© Regiopress, All rights reserved