la-vecchiaia-fara-male-alla-crescita-economica
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
5 gior

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
1 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
1 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
15.11.2019 - 17:33
Ats, a cura de laRegione

La vecchiaia farà male alla crescita economica

Tra una decina di anni la generazione dei baby boomer uscita dal mondo del lavoro avrà un effetto frenante su benessere e Pil

Berna – Il progressivo invecchiamento della popolazione rallenterà lo sviluppo del benessere in Svizzera. Si potrebbero però mitigare a medio-lungo termine gli effetti negativi con una serie di riforme mirate. È quanto emerge da quattro studi presentati oggi a Berna dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

Gli effetti demografici si rifletteranno nello sviluppo economico soprattutto nei prossimi 10-20 anni. Con il ritiro dall'attività lavorativa della cosiddetta generazione del baby boom, il tasso di individui di oltre 65 anni rispetto a quelli di 20-64 dovrebbe passare del 30% del 2017 al 48% nel 2045.

In generale, le proiezioni nell'orizzonte temporale 2018-2060 documentano una significativa perdita di crescita economica causata dai cambiamenti nella struttura per età della popolazione svizzera, sia in termini assoluti che pro capite. In questo periodo "la crescita economica potrebbe addirittura dimezzarsi, stando ad alcune ipotesi", scrive la Seco.

Secondo i calcoli, tra il 2021 e il 2065 ci sarà un indebolimento della crescita del Pil pro capite di quasi 0,3 punti percentuali all'anno (in media), riducendo il Pil pro capite del 2065 dell'11% rispetto a quello riscontrabile con le strutture demografiche odierne. L'effetto frenante si osserverà in particolare entro l'inizio degli anni '30, quando tutta la generazione dei baby boomer sarà uscita dal mondo del lavoro.

Se non si verificherà alcun cambiamento nelle spese pro-capite specifiche per età, la conseguenza sarà un aumento di tasse e imposte che colpirebbe principalmente le persone di mezza età, con aumenti di reddito inferiori alla media.

Per attutire l'impatto che tutto ciò avrà sulla crescita saranno necessarie riforme mirate, scrive la Seco. Quella di maggiore effetto sarebbe un aumento dell'età pensionabile di due anni: potrebbe ridurre di circa un quinto il rallentamento del Pil pro capite fino al 2065. Un esito simile si potrebbe ottenere anche con l'aumento dei tassi di occupazione degli ultra 55enni.

Più modesto, ma comunque positivo, è invece l'effetto di una maggiore partecipazione delle donne al lavoro, migliorando la conciliabilità tra attività professionale e famiglia.

Anche l'aumento dell'immigrazione può compensare le conseguenze dell'invecchiamento demografico, ma solo in misura minore. Tuttavia, sul lungo periodo tale effetto dipenderebbe dalla possibilità di mantenere i tassi d'immigrazione stabilmente alti.

Per un'economia aperta come la nostra conta poi anche l'evoluzione demografica all'estero, perché può incidere sulla domanda di esportazioni.

Queste misure non basteranno però a compensare del tutto gli effetti dell'invecchiamento della popolazione. "Per assicurare il benessere sul lungo periodo è essenziale continuare a puntare sullo sviluppo della produttività, cioè su una creazione di valore aggiunto per ora di lavoro prestata il più possibile elevata", aggiunge la Seco.

Gli studi presentati oggi notano poi che i futuri cambiamenti demografici, sia in Svizzera che all'estero, potrebbero comunque avere effetti positivi sul valore aggiunto dei settori della sanità, dei servizi di assistenza residenziale e sociale nonché del comparto farmaceutico. Entro il 2060 il contributo della settore della sanità al Pil dovrebbe crescere di circa 1,6 punti percentuali, ossia di circa 9 miliardi di franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved