laRegione
Nuovo abbonamento
piu-donne-al-vertice-migliorano-le-performance
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
17 ore

La lotta al riciclaggio in Svizzera non funziona

L'ex numero uno del Mros cita il Ticino e parla di un sistema normativo che punisce i pesci piccoli, ma che risparmia spesso quelli grossi
Economia
1 gior

O la borsa o la vita: la finanziarizzazione della vita quotidiana

La sociologa dell'Usi Léna Pellandini-Simányi ci spiega le conseguenze di una vita ormai colonizzata da mutui, carte di credito, fondi.
Economia
1 gior

Ubs interessata all'acquisto di una grande banca europea

Secondo la SonntagsZeitung nel mirino vi sarebbero Deutsche Bank e Barclays
Economia
3 gior

Spagna, un nuovo colosso bancario

Si fondono CaixaBank e Bankia e danno vita un'entità da 660 miliardi di euro di attivi: la più grande del Paese
Economia
4 gior

Sunrise non ha violato il contratto firmato con Salt

In una nota diffusa stamane da Sunrise si precisa che la decisione può essere impugnata presso il Tribunale federale.
Economia
5 gior

Moderna sbarca in Svizzera, prima volta fuori da Nord America

Recentemente la Confederazione ha sottoscritto un accordo con Moderna per la fornitura di 4,5 milioni di dosi del vaccino contro il Covid-19
Economia
6 gior

Artigiani dall'Italia, dopo il lockdown torna la pressione

Lo dice l'Associazione interprofessionale di controllo che verifica il rispetto delle regole. E avverte: senza libera circolazione meno tutele
Economia
6 gior

Sanzione da oltre 10 milioni per Novartis in California

Il colosso farmaceutico tra il 2002 e il 2011 ha versato denaro sottobanco a medici affinché prescrivessero alcuni suoi trattamenti contro l'ipertensione
Economia
1 sett

'Una fusione sensata dal punto di vista aziendale'

Secondo il professor Henry Peter l'eventuale 'matrimonio' tra Credit Suisse e Ubs non sarebbe un errore strategico
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse starebbero pensando a una fusione

Secondo il sito di informazioni finanziarie 'Inside Paradeplatz' le due banche starebbero trattando per dare luce a una colosso senza eguali in Europa
Economia
10.10.2019 - 16:580
Aggiornamento : 11.10.2019 - 12:19

Più donne al vertice migliorano le performance

Secondo il terzo rapporto 'Gender 3000' del Credit Suisse, i risultati sarebbero migliori nelle aziende con una maggiore diversità di genere

La rappresentanza femminile nei consigli di amministrazione a livello globale è raddoppiata negli ultimi dieci anni. La quota di donne in posizioni dirigenziali è più alta negli Stati Uniti rispetto all'Europa. Le aziende con una presenza più massiccia di donne in ruoli decisionali realizzano performance migliori sia a livello di mercato azionario, sia di utili.

Sono le principali conclusioni a cui giunge il terzo rapporto realizzato dal Crediti Suisse research institute (Crsi) e denominato 'Cs Gender 3000'. Come nelle edizioni precedenti, si è osservato un costante aumento delal presenza femminile nei Cda su scala globale e attualmente è al 20,6%: una quota doppia rispetto all'inizio del decennio e del 15,3% superiore al dato rilevato nel 2016.

Ci sono però delle differenze geografiche sostanziali: il Giappone, per esempio, si colloca in fondo alla classifca, con appena il 5,7% di donne nei Cda, ma il dato dell'Europa è superiore alla media internazionale – il 29,9% – dove sono stati compiuti i maggiori sforzi a livello legislativo per migliorare la situazione della diversità di genere al vertice societario. In Nord America sono stati osservati i progressi più significativi in assenza di pressione normativa, con una rappresentanza femminile nei board aziendali passata dal 17,3% nel 2015 a quail il 24,7% attuale.

Per quanto riguarda il Sud America, il miglioramento è solo lieve (7,8%). Nella regione Apac (Asia Pacifico, Giappone escluso) il miglioramento è stato pi` lento, anche se il quadro si presenta alquanto disomogeneo tra i Paesi, con quote che variano tra il 3% e il 30%. Sebbene la rappresentanza femminile dei Cda giapponesi, in termini assoluti, sia tutt'altro che soddisfacente (soprattutto in considerazione delle riforme e della dichiarata politica di 'womenomics'), bisogna ricordare che all'inizio di questo decennio era inferiore all'1%. Il miglioramento è stato quindi considerevole.

Tra i Paesi con la maggiore rappresentanza di donne figurano quelli in cui si implementano quote rosa o target meno formali, come la Norvegia, la Francia, la Svezia e l'Italia. I più elevati incrementi proporzionali negli ultimi cinque anni (tra il 9,4 e il 12,8%) sono stati invece osservati in Malesia, Francia, Australia, Germania e Austria.

La performance è donna?
La ricerca del Csri ha evidenziato anche migliori performance aziendali dove la quota di donne è più elevata. “Pur non potendo confermare un rapporto di causa-effetto, abbiamo rilevato forti correlazioni tra la diversità nei Cda e outperformance azionari, insieme a livelli pi` elevati di redditività quando le aziende sono valutate su base comparativa”, si legge nel rapporto che ha comunque spostato l'enfasi per valutare la diversità di genere e al performance aziendale dal punto di vista delle posizioni manageriali anziché solo a livello di Cda. Ad ogni modo, stando al rapporto, si evidenzia un differenziale dei margini di Ebitda (utile operativo) pari a 229 punti base tra le società più diversificate e quelle con un minore equilibrio di genere. “Con i nostri studi della serie Gender 3000, ribadiamo che non possiamo affermare in via definitiva l'esistenza di un rapporto di causalità quando esaminiamo questi aspetti. Potrebbero incidere anche altri fattori”, si legge. “In effetti resta il dubbio se sia una maggiore diversità a migliorare la qualità del modello di business oppure se l'elevata qualità del modello di business favorisca una maggiore diversità”, commentano. I dati però a questo proposito sono abbastanza chiari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved