(Keystone)
Economia
07.10.2019 - 20:440

Eternit, lo svizzero Schmidheiny a processo in Italia

L'imprenditore alla sbarra per la morte di 392 persone che lavoravano l'amianto nello stabilimento di Casale Monferrato. L'ipotesi: omicidio volontario.

La Procura di Vercelli ha chiesto il rinvio a giudizio per l'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny nell'inchiesta Eternit bis. Il procedimento riguarda la morte di 392 persone, provocata secondo le indagini dall'amianto lavorato nello stabilimento di Casale Monferrato (Alessandria). L'ipotesi d'accusa è l'omicidio volontario.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata presentata dai pm vercellesi Francesco Alvino e Roberta Brera e dal pm torinese Gianfranco Colace, che si è occupato del caso Eternit insieme all'allora procuratore aggiunto (ora in pensione) Raffaele Guariniello.

L'inchiesta riguarda i decessi legati a diverse filiali italiane dell'Eternit. La parte del procedimento relativa a Casale Monferrato era stata trasferita da Torino a Vercelli in occasione dell'udienza preliminare.

Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzero
schmidheiny
eternit
italia
monferrato
casale
casale monferrato
volontario
ipotesi
amianto
© Regiopress, All rights reserved