laRegione
Nuovo abbonamento
borsa-per-gli-esperti-l-ue-si-tira-la-zappa-sui-piedi
Economiesuisse dice di sostenere il "piano B" del Consiglio federale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 ore
Swatch, nonostante il tonfo, nessun licenziamento in Svizzera
'Non siamo un gruppo che licenzia, anche in tempi di crisi'. Durante la seconda metà del 2020 ci si attende comunque un ritorno alla normalità
Economia
7 ore
Swatch: crollano le attività, persi 308 milioni in 6 mesi
Un anno fa l'utile superava i 400 milioni. Chiuso temporaneamente l'80% dei canali di vendita nel mondo, ma la domanda dei clienti è ora elevata
Economia
1 gior
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
3 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
4 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
4 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
5 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
5 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
5 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
5 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
28.06.2019 - 15:200

Borsa, per gli esperti 'l'Ue si tira la zappa sui piedi'

Gli analisti sostengono che la decisione di non prolungare l'equivalenza borsistica elvetica penalizza più il settore finanziario europeo che non la Svizzera

La Commissione europea renderà definitiva la decisione di non più riconoscere l'equivalenza della Borsa svizzera lunedì, cosa che il consigliere federale Ignazio Cassis ha confermato alla radio SRF. La Confederazione viene così sanzionata politicamente per il suo tergiversare riguardo all'accordo quadro con l'Unione europea (Ue). Adottando questa misura di ritorsione, definita "vessatoria" negli ambienti finanziari, Bruxelles potrebbe trovarsi nella posizione di "innaffiatore innaffiato". L'esecutivo europeo ha agito contro gli interessi del suo settore finanziario vietandogli di negoziare azioni svizzere, ha spiegato all'agenzia finanziaria AWP una fonte coperta da anonimato.

L'opinione è condivisa da Jan Langlo, direttore dell'Associazione delle banche private svizzere (ABPS), che elogia la lungimiranza del Dipartimento federale delle finanze (DFF) e delle misure entrate in vigore ieri per difendere l'infrastruttura borsistica svizzera. "Il piano B del Consiglio federale disattiva la necessità dell'equivalenza", riassume Langlo. Gli attori europei interessati a negoziare azioni svizzere disponevano finora di tre possibilità, ossia la Borsa svizzera SIX Swiss Exchange, suoi omologhi europei e altre piazze ritenute equivalenti. La revoca dell'equivalenza esclude la seconda categoria. "Per fare le loro operazioni, le banche e gli intermediari finanziari europei dovranno passare per SIX " o per Borse come New York o Singapore, spiega Jan Langlo. L'assenza dell'equivalenza dovrebbe permettere al gruppo zurighese - che gestisce il mercato più liquido per le azioni svizzere - di aumentare i suoi volumi di scambi, sottolinea il direttore di ABPS.

"Grazie alla reazione del Consiglio federale, l'arma della Commissione europea si ritorce contro di lei", sostiene Langlo. In un comunicato l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) indica oggi che il meccanismo adottato permette a SIX di restare il mercato di riferimento per le azioni elvetiche.

Rischio per le imprese

Al di là dei vantaggi potenziali per SIX, la Commissione europea gioca un brutto scherzo a banche e intermediari stabiliti nell'Unione che acquistano per conto di loro clienti alcuni indici Euro Stoxx, dove le azioni dello SMI come Nestlé o Roche figurano in buona posizione. Une grande maggioranza di questi attori finanziari possiede già un'autorizzazione in Svizzera e potrebbero continuare come niente fosse, ha assicurato la fonte anonima. Per gli altri l'ottenimento di un riconoscimento dovrebbe essere una formalità. Questo meccanismo rappresenta l'essenza del "piano B" del Consiglio federale destinato ad aggirare l'equivalenza.

In Svizzera le sole perdenti potenziali sono le grandi capitalizzazioni della Borsa svizzera che potrebbero vedere il flusso degli investimenti in provenienza dall'Europa assottigliarsi. "Il rischio esiste teoricamente, ma la liquidità dovrebbe restare la stessa in quanto non è complicato trasferire tutto altrove", nota Langlo. Come sottolinea oggi economiesuisse il vero pericolo in questo dossier è il rischio di "escalation di misure a sfondo politico". "Questa decisione innervosirà la Svizzera che non vorrà pagare il miliardo di coesione (per i paesi dell'Est). L'Unione europea metterà la Svizzera in categoria 4 per il suo programma di ricerca e così via", avverte Langlo. Economiesuisse dice di sostenere il "piano B" del Consiglio federale ma esorta quest'ultimo a lanciare il processo di ratifica dell'accordo quadro con Bruxelles. "La partecipazione al mercato interno dell'Ue è vitale per una nazione esportatrice come lo è la Svizzera", ricorda economiesuisse.
 
 

© Regiopress, All rights reserved