laRegione
Nuovo abbonamento
Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 ora
Via libera alla fusione tra Osram e Ams
La commissione europea ha approvato il matrimonio tra la società tedesca e quella austriaca
Economia
1 ora
Lufthansa, ora il maggior azionista è il governo tedesco
La partecipazione statale è del 20,05%. Nel quadro del piano di aiuti da 9 miliardi, la Germania ha acquistato azioni per 300 milioni di euro
Economia
2 gior
Crypto International licenzia quasi tutti i suoi dipendenti
La mancata licenza d'esportazione impone una drastica scelta: l'azienda intende tagliare 83 dei suoi 85 impiegati in Svizzera
Economia
3 gior
Quattro novi Citylink sui binari ungheresi
Il gruppo turgoviese Stadler consegnerà quattro tram-treni supplementari alle ferrovie magiare,
Economia
5 gior
L'oro vola sopra i 1'800 dollari, prima volta da 2011
La volata è legata ai bassi tassi di interesse e all'aumento dei casi di coronavirus che hanno innescato la corsa al bene rifugio
Economia
6 gior
Il coronavirus incide poco sui tassi ipotecari
Lo indica MoneyPark. Alla fine di giugno, il tasso di riferimento era dell'1,20% per le ipoteche a 10 anni e dell'1,02% per quelle a 5 anni
Economia
6 gior
Coronavirus, utili in calo del 31% per le aziende svizzere
Le aziende industriali sono quelle che hanno sofferto di più, mentre le grandi imprese hanno mostrato una resistenza migliore rispetto alle Pmi
Economia
6 gior
Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio
Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus
Economia
1 sett
L'immigrazione non sottrae lavoro agli svizzeri
Il sedicesimo rapporto della Seco: Con la
Economia
1 sett
Macy's taglia 3'900 impieghi per far fronte al calo-vendite
L'ombra lunga del coronavirus non risparmia la catena di negozi statunitense: forza lavoro ridotta del 3 per cento circa
Economia
21.06.2019 - 15:450

Libra a Ginevra, 'una rivoluzione da accompagnare'

Per il consigliere di Stato Pierre Maudet l'arrivo della criptovaluta di Facebook è 'una sfida che offre grandi opportunità'

L'arrivo a Ginevra di Libra, l'associazione che gestirà la nuova criptovaluta di Facebook, è una sfida per le organizzazioni internazionali, le autorità pubbliche e le banche e offre grandi opportunità, secondo il consigliere di Stato Pierre Maudet. Il "ministro" dell'economia ginevrino insiste sulla necessità di accompagnare la "rivoluzione blockchain" invece di subirla.

"L'impatto della creazione a Ginevra dell'associazione Libra - che sarà anche il nome della nuova moneta digitale di Facebook - non si misura in termini di posti di lavoro, ma di influenza e sviluppo di un intero ecosistema", ha osservato Maudet in un'intervista rilasciata all'agenzia AWP. "Creerà fermento e incoraggerà la messa in rete di ricercatori, ingegneri, accademici, start-up, ecc."

Ginevra è stata scelta perché sede di molte organizzazioni interessate alla regolamentazione, come l'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), l'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI) o l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), afferma il consigliere di Stato."La blockchain è sia un'estensione di Internet che una nuova rivoluzione di portata paragonabile", ha aggiunto Maudet precisando che "il cambiamento deve essere accompagnato piuttosto che subito".

A suo avviso, è per questa ragione che Visa e Mastercard sono membri dell'associazione Libra, anche se la nuova tecnologia minaccia direttamente la loro attività. La blockchain e le criptovalute permettono infatti di evitare le intermediazioni consentendo gli scambi da persona a persona, con la massima trasparenza (a seconda del modello scelto) e con un registro dei dati considerato impossibile da falsificare.

"Non dobbiamo essere ingenui o compiacenti (riguardo agli interessi di Facebook e di altri), ma il fatto che la futura valuta sia basata su un paniere di divise è una buona notizia", secondo il politico ginevrino. "Non tutte le istituzioni della piazza finanziaria locale hanno colto la portata del cambiamento in corso, ma il settore dovrà comunque adattarsi, come l'economia nel suo complesso", sottolinea.

"Le banche tradizionali sono naturalmente scettiche, ma abbiamo visto, quando il segreto bancario è stato abbandonato, che una mancanza di preparazione potrebbe essere molto dolorosa. Meglio quindi sostenere il cambiamento. Le prime reazioni del mondo bancario ginevrino non sono state così negative come mi sarei aspettato", ha aggiunto il consigliere di Stato.

Per quanto l'Autorità federale della sorveglianza dei mercati (FINMA), Maudet ritiene che questa sarà ufficio di "acceleratore" del cambiamento - vista la politica federale favorevole alla blockchain - ma anche regolatore. Attualmente la Finma è in contatto con i promotori del progetto Libra per stabilire se si applica il diritto di sorveglianza svizzero e attraverso quale tipo di autorizzazione.

A Ginevra l'arrivo di Libra riporta in cima alla lista della priorità il progetto di campus blockchain caro a Maudet, che finora ha avuto difficoltà a decollare a causa di interessi divergenti. Esistono ancora rischi, ma "le opportunità di questa tecnologia sono enormi, ad esempio per migliorare la tracciabilità delle merci. Gli ambienti medici stanno attualmente valutando progetti blockchain per combattere le frodi nel settore dei farmaci". In questo contesto, Maudet considera il progetto Libra come un passo positivo per "l'ecosistema" ginevrino e svizzero, in particolare di fronte a concorrenti come Singapore e Tel Aviv, che sono pure in prima fila per questa tecnologia.

© Regiopress, All rights reserved