ipoteche-non-c-e-limite-verso-il-basso
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
7 ore

Valiant prosegue la crescita nel primo semestre

Per l'intero anno, il gruppo bancario bernese si aspetta un utile netto stabile
Economia
1 gior

Banque Cramer & Cie SA: risultati semestrali in forte progressione

L'utile semestrale è cresciuto del +243%, raggiungendo i 4,3 milioni di franchi al 30 giugno
Economia
3 gior

Epidemia, molti restituiranno in fretta i crediti Covid 

Andreas Gerber, responsabile della clientela commerciale di Credit Suisse: "L'economia non lavora volentieri con debiti nei confronti dello Stato"
Economia
5 gior

Schizza alle stelle l’utile della Bns nel primo semestre

Guadagni per 43,5 miliardi di franchi, in crescita del 55,6% su base annua. La ragione va ricercata nell’andamento del mercato dei cambi.
Economia
6 gior

Caso Archegos, Credit Suisse sanziona 23 dipendenti

Accertate le responsabilità individuali per aver ignorato i segnali di allarme. Cancellati bonus e imposta la restituzione di compensi, licenziate 9 persone
Economia
6 gior

Nestlé, volano le vendite di prodotti alimentari

Tale crescita non si registrava da anni: i dati battono ampiamente le attese degli analisti
Economia
6 gior

Credit Suisse, un secondo trimestre in caduta

Il secondo istituto finanziario svizzero paga le conseguenze del caso Archegos e Greensill
Economia
1 sett

Casse pensioni svizzere, grado di copertura a livelli record

È quanto emerge dall’analisi periodica condotta da Swisscanto. La ragione principale: il buon andamento dei mercati borsistici.
Economia
1 sett

Il 25% delle vendite potrebbe presto spostarsi sull’online

Boom di acquisti sul web, negozi sotto pressione: anche in Svizzera la tendenza si rafforza. Lo rivela uno studio della società di consulenza Alvarez&Marsal.
Economia
1 sett

Niente Bitcoin per Amazon: smentita di Jeff Bezos

Nel giro di poche ore il valore della moneta virtuale è crollato, velocemente come era salito dopo le incresrezioni sulla piattaforma e-commerce
Economia
1 sett

Lonza ha creato in Vallese mille impieghi in sei mesi

A Visp il gruppo farmaceutico produce il principio attivo per il vaccino di Moderna. Il titolo alla borsa di Zurigo fa segnare un +22% da inizio 2020.
Economia
10.04.2019 - 05:500

Ipoteche, non c'è limite verso il basso

I tassi ipotecari sono scesi ancora ai minimi storici. Quelli a cinque anni addirittura sotto la soglia psicologica dell’uno per cento

La politica monetaria della Banca nazionale svizzera tarda a essere normalizzata. Il rallentamento della congiuntura nelle principali economie occidentali e il procrastinare di politiche accomodanti da parte delle banche centrali più importanti (Federal Reserve e Bce) allontanano, almeno fino alla fine del prossimo anno, l’inizio di una stagione di rialzi dei tassi direttori. Una situazione che fa in modo che i tassi ipotecari non sembrano trovare un limite verso il basso, tanto che per la prima volta quelli di riferimento per le ipoteche a tasso fisso sono scivolati sotto la soglia psicologica dell’1%, attestandosi allo 0,97%. Anche i mutui a 10 anni segnano un record: a fine marzo il tasso è sceso al minimo storico dell’1,2%, 26 punti base in meno di tre mesi prima.

È quanto si evince dal tradizionale barometro trimestrale ‘Ipoteche’ del servizio di internet Comparis.ch pubblicato ieri. A titolo di paragone, lo scorso ottobre i tassi di riferimento per le ipoteche a tasso fisso della durata di dieci anni si attestavano all’1,62% e per quelle della durata di cinque e due anni rispettivamente all’1,13% e allo 0,96%.

Chi ha ottenuto un’ipoteca di dieci anni a tasso fisso di 500mila franchi in ottobre paga 8'100 franchi di interessi all’anno, mentre stipulandola ora ne pagherebbe solo 6mila. Su dieci anni, dunque, si parla di una differenza di 21mila franchi. “Ma chi intende stipulare un’ipoteca non deve concentrarsi solo sul tasso di interesse”, afferma citato in una nota Frédéric Papp, esperto di finanze presso Comparis.ch. “Per scegliere l’ipoteca è altrettanto importante valutare parametri come la propensione personale al rischio e la capacità di sopportarlo, oltre al grado di flessibilità desiderato”.

La diminuzione dei tassi d’interesse ipotecari è da attribuirsi a diversi fattori. Da un lato la Banca centrale europea (Bce) ha annunciato che terrà fermi allo ‘zero’ i tassi ufficiali di riferimento almeno fino al 2020: la Banca nazionale svizzera (Bns) continua perciò ad avere le mani legate. Dall’altro, secondo gli esperti di Comparis c’è un evidente aumento della concorrenza.

“Le assicurazioni e le casse pensioni, offrendo tassi d’interesse ipotecari talvolta molto più bassi, danno sempre più filo da torcere alle banche, le quali si trovano così costrette ad essere più incisive perché, con la crisi degli investimenti che si trascina da anni, gli investimenti immobiliari e la concessione di ipoteche rappresentano un rendimento considerevole”, spiega Papp.

I movimenti in atto nel settore fanno sì che mutui di cinque anni siano a volte persino più economici delle ipoteche Libor: questo è dovuto anche al fatto che le ipoteche Libor sono principalmente offerte dalle banche, mentre nel mercato delle ipoteche a tasso fisso operano sempre più spesso anche assicurazioni e casse pensione, che puntano a margini più ridotti rispetto agli istituti bancari.

Ultimo aspetto: rispetto al trimestre precedente, la domanda di ipoteche a tasso fisso di lunga durata (da 7 a 15 anni) è aumentata dello 0,5%, attestandosi al 78%.

Non più tardi di una settimana fa, la Finma (l’autorità di vigilanza sui mercati finanziari) ha invitato banche e legislatore ad adottare misure nel settore degli immobili a reddito definendo il mercato immobiliare svizzero ‘too big, to fail’. Il volume dei crediti ipotecari è infatti salito a oltre mille miliardi di franchi (ben superiore al Pil pari a 670 miliardi, ndr). Questo fa della Svizzera il paese con il più elevato livello di indebitamento privato al mondo. In caso di forte correzione del mercato, il sistema bancario ne risentirebbe pesantemente. Proprio per attenuare un tale rischio, il Consiglio federale ha appena posto in consultazione un progetto che prevede di aumentare il capitale proprio alle banche con una forte esposizione verso promotori di immobili da reddito. Il 30% del volume delle ipoteche (oltre 300 miliardi di franchi) riguarda proprio il finanziamento di questa tipologia d’immobili.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved