laRegione
Nuovo abbonamento
il-mercato-ipotecario-preoccupa-la-finma
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Rischio bolla immobiliare in aumento a causa della pandemia

Lo sostiene un'analisi condotta da Ubs. Lo Swiss Real Estate Bubble Index è salito a 1,52 punti contro l'1,30 registrato nei primi tre mesi del 2020
Economia
1 gior

Swiss vola in perdita

Nel primo semestre 2020 per la compagnia aerea affiliata di Lufthansa cifre rosse. La causa: il coronavirus
Economia
3 gior

L'annus horribilis del sistema pensionistico

Complice la crisi del coronavirus, lo stato di salute del sistema pensionistico svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni
Economia
3 gior

Banche online, in autunno avvia attività Flowbank

L'azienda vanta una tecnologia che permetterà ai clienti di effettuare tutte le loro transazioni sullo stesso software, indipendentemente dal dispositivo scelto
Economia
3 gior

Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi

Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.
Sondaggio
Economia
4 gior

Svizzeri hanno speso all'estero due miliardi in meno per Covid

La stima è di Credit Suisse, che si basa sulle transazioni delle carte di debito, tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente senza contanti
Mercati finanziari
5 gior

Un luglio in volata per Wall Street

È stata messa in conto una rapida ripresa a 'V' non corrisposta dai fatti
Economia
5 gior

Dagli Stati Uniti all’Europa è corsa al bitcoin

I flussi di acquisto delle criptovalute sono aumentati in modo sorprendente nelle prime settimane di quarantena
Economia
11.02.2019 - 08:430

Il mercato ipotecario preoccupa la Finma

Il presidente Thomas Bauer: 'Con un volume di mille miliardi di franchi, dobbiamo evitare rischi incontrollabili'

L'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) guarda con inquietudine al mercato ipotecario svizzero: lo afferma il presidente Thomas Bauer, tracciando il bilancio dei primi dieci di anni di attività della sua istituzione. "Dormo bene la notte, grazie", afferma Bauer in un'intervista pubblicata oggi da 24 heures e La Tribune de Genève al giornalista che gli chiedeva se fosse possibile avere sonni tranquilli, vista la situazione sul fronte immobiliare. "Ma durante il giorno – aggiunge l'esperto – mi preoccupo certamente per il mercato ipotecario".

"La Finma presta già da tempo molta attenzione a questo aspetto", insiste il 64enne. "Dato il volume del debito ipotecario di 1000 miliardi di franchi dobbiamo evitare rischi incontrollabili. L'attribuzione di così tanti mutui, con rendimenti immobiliari in calo, rafforza ovviamente le preoccupazioni. Soprattutto nel segmento degli stabili da reddito".

L'autorità è attiva dal primo gennaio 2009 e ha rapporti soddisfacenti con gli attori della piazza finanziaria. "Ritengo queste relazioni molto professionali e del tutto corrette. Il nostro obiettivo finale è quello di far rispettare le regole e, soprattutto, di proteggere i creditori, gli investitori e gli assicurati, garantendo al contempo il corretto funzionamento dei mercati finanziari", spiega l'intervistato. "Nello svolgimento di tale missione, ovviamente, non possiamo sempre essere apprezzati da tutte le banche o altri istituti finanziari".

Per Bauer non bisogna nemmeno fare confusione. "Gli standard normativi non sono stabiliti da noi, dall'autorità di controllo. Sono responsabilità del legislatore e, soprattutto, del governo. Da parte nostra, seguiamo il principio di proporzionalità". In tal modo viene tenuto conto della diversità dei profili e dei rischi bancari. "In questo settore, ci stiamo spingendo ancora oltre: sulla base degli insegnamenti tratti dalle nostre esperienze, abbiamo sviluppato un regime specifico per le banche piccole e ben gestite, riducendo così alcuni requisiti senza aumentare i rischi. Ma attenzione! Non tutte le banche cantonali possono essere considerate piccole banche", mette in guardia lo specialista con dottorato in giurisprudenza che ha lavorato dal 1994 al 2014 per Ernst & Young.

Nel 2009 la Finma ha assunto le sue funzioni con circa 320 collaboratori. L'organico è poi aumentato fino al 2012, arrivando a circa 480 dipendenti. Poi sono rimasti stabili. "Questa situazione corrisponde a un obiettivo fissato dal consiglio d'amministrazione", osserva Bauer, in carica dal gennaio 2016. A partire dal 2020, le competenze si estenderanno all'autorizzazione dei gestori patrimoniali indipendenti: "per far fronte a questi nuovi compiti, dobbiamo quindi rafforzare moderatamente il nostro personale".

© Regiopress, All rights reserved