laRegione
Nuovo abbonamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
41 min
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
1 ora
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
22 ore
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
1 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
1 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
1 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
1 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
1 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
18.12.2018 - 11:210

Anche con la Svizzera nell'Ue i prezzi sarebbero alti

Secondo un analisi del Credit Suisse, le ricadute positive per i consumatori ci sarebbero state ma non certo drastiche

L'alto livello dei prezzi in Svizzera è solo in misura marginale una conseguenza dell'isolamento dall'Ue e rispecchia in primis il benessere e la prosperità del paese. Lo sostiene un'analisi di Credit Suisse, secondo la quale persino nel caso di un'adesione della Confederazione all'Unione europea non sarebbe d'aspettarsi un crollo generalizzato dei prezzi.

La Svizzera presenta attualmente il secondo livello più alto dei prezzi dell'Europa: solo la remota Islanda è ancora più cara, spiegano gli economisti della banca in un contributo nella pubblicazione trimestrale "Monitor Svizzera". Al terzo posto figura la Norvegia (paese come i due precedenti fuori dall'Ue), al quarto e al quinto Danimarca e Svezia, che non aderiscono all'Eurozona.

Negli ultimi due decenni i livelli dei prezzi tra i singoli paesi dell'Ue si sono effettivamente allineati, come sarebbe prevedibile su un mercato interno. Secondo gli esperti di Credit Suisse, oltre che all'apertura del mercato la convergenza dei livelli dei prezzi è verosimilmente dovuta anche al livellamento economico dei paesi. Prova ne è che i livelli tariffari sono lievitati tendenzialmente con maggior vigore nei paesi che hanno fatto il loro ingresso nel mercato interno nel solco dell'allargamento a est dell'UE.

Stando alle stime di Credit Suisse, da soli i due fattori d'influenza "crescita economica" e "tasso di cambio" spiegano più della metà delle differenze che intercorrono nelle dinamiche dei prezzi dei paesi dell'Unione europea.

Per farsi un'idea di cosa significherebbe per il livello dei prezzi in Svizzera un'ulteriore apertura della Confederazione verso il mercato unico dell’Ue gli economisti hanno eseguito un raffronto dettagliato dell'evoluzione dei prezzi nazionale con quella dei paesi geograficamente ed economicamente simili dell'Eurozona, ovvero Germania, Austria e Paesi Bassi.

Le analisi evidenziano che dal 1999 il rialzo dei prezzi in Germania e Austria è stato rispettivamente di 9 e 3 punti percentuali inferiore rispetto a quello nella Confederazione, anche depurando il rincaro dagli effetti dell'apprezzamento del franco e tenendo opportunamente conto delle diverse evoluzioni economiche. Ciò indica una certa attenuazione della dinamica dei prezzi ad opera del mercato unico dell'Ue. Per contro, il fatto che il livello dei prezzi così depurato nei Paesi Bassi sia aumentato di 1,5 punti percentuali in più rispetto alla Svizzera sembra confutare di nuovo questa ipotesi.

Conclusione? "In linea generale un'ulteriore apertura della Svizzera verso il mercato unico dell'Unione europea avrebbe ricadute positive per i consumatori, ma un drastico crollo dei prezzi non sarebbe prevedibile", afferma Oliver Adler, capoeconomista Svizzera di Credit Suisse, citato nella pubblicazione.

© Regiopress, All rights reserved