laRegione
Nuovo abbonamento
giornata-nera-per-la-borsa-svizzera
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 ore
La Svizzera e il Liechtenstein modificano la Convenzione sulle doppie imposizioni
Firmato a Berna il nuovo Protocollo che passa ora al vaglio dei legislativi dei due Paesi
Economia
8 ore
Swatch, nonostante il tonfo, nessun licenziamento in Svizzera
'Non siamo un gruppo che licenzia, anche in tempi di crisi'. Durante la seconda metà del 2020 ci si attende comunque un ritorno alla normalità
Economia
13 ore
Swatch: crollano le attività, persi 308 milioni in 6 mesi
Un anno fa l'utile superava i 400 milioni. Chiuso temporaneamente l'80% dei canali di vendita nel mondo, ma la domanda dei clienti è ora elevata
Economia
2 gior
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
4 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
4 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
5 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
5 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
11.10.2018 - 18:000

Giornata nera per la borsa svizzera

Giù del 2,85% dopo il crollo registrato ieri a Wall Street in seguito alle parole di Trump sulla politica monetaria della Fed

Giornata nera per la Borsa svizzera sulla scia del crollo di Wall Street ieri sera e dei mercati asiatici stamattina. L'Smi ha chiuso con una contrazione del 2,85% a 8'639.19 punti, l'Spi del 2,64% a 10'201.83 punti, entrambi vicini ai minimi di giornata.

Tutto ciò in seguito ai timori legati a un aumento dei tassi d'interesse più forte delle attese negli Stati Uniti e agli effetti sulla congiuntura del perdurare della disputa commerciale tra Usa e Cina. Ma la lista delle preoccupazioni è lunga: si possono citare anche il debito italiano, l'aumento delle misure protezionistiche, il rallentamento della crescita in Cina, la Brexit o le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti.

Nulla di nuovo, ma a peggiorare la situazione sono state le parole del presidente americano Donald Trump, in disaccordo con la politica di rialzi graduali dei tassi da parte della Federal Reserve, il quale ha sostenuto ieri che la banca centrale statunitense "è impazzita".

Oggi il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow, cercando di smorzare le polemiche, ha affermato che "tutti sappiamo che la Fed è indipendente. Donald Trump non sta dettando la politica della banca centrale". Per lui il calo di ieri di Wall Street è stata una normale correzione.

Nel dettaglio

Tra le blue chip elvetiche, tutte negative eccetto Sika (+0,08% a 127.70 franchi), fortemente penalizzati i bancari, con Julius Bär che ha perso il 3,71% a 45.20 franchi, UBS il 3,55% a 14.13 franchi e Credit Suisse il 3,32% a 13.38 franchi. Pesanti pure gli assicurativi, con Zurich scesa del 3,77% a 301.20 franchi, Swiss Life del 2,99% a 360.70 franchi e Swiss Re del 2,62% a 88.50 franchi.

Sotto forte pressione anche i pesi massimi difensivi: Roche ha ceduto il 3,75% a 234.75 franchi, Novartis il 3,61% a 81.46 franchi e Nestlé il 2,53% a 78.70 franchi. Ha lasciato sul terreno oltre due punti percentuali pure Adecco (-2,35% a 48.68 franchi).

Hanno intanto ridotto le perdite Richemont (-1,61% a 72.16 franchi) e Swatch (-1,57% a 338.80 franchi), pesanti ieri e ancora stamane in seguito a uno studio di Morgan Stanley che abbassa la valutazione del settore del lusso europeo da "neutral" a "underweight".

Nel mercato allargato da segnalare che Ceva è cresciuta di ben il 34,36% a 24.75 franchi dopo aver ricevuto un'offerta di rilevamento, che il consiglio d'amministrazione ha bocciato perché considerata insufficiente. L'azionista principale, CMA CGM, ha dato il suo sostegno al Cda e ha indicato che potrebbe aumentare la sua quota nel gruppo logistico zughese.

Intanto Aryzta ha perso il 7,12% a 10.05 franchi nel giorno in cui ha precisato i contorni del suo previsto aumento di capitale da 800 milioni di franchi, volto soprattutto a ridurre l'indebitamento. L'assemblea generale dovrà decidere in merito il 1. novembre. Da parte sua Tamedia ha ceduto il 2,61% a 112.00 franchi dopo il via libera della Commissione della concorrenza all'acquisizione della "Basler Zeitung".

© Regiopress, All rights reserved