Aarau
Sciaffusa
19:30
 
Ambrì
Bienne
19:45
 
Berna
Lugano
19:45
 
Davos
Lakers
19:45
 
Friborgo
Zugo
19:45
 
Losanna
Ginevra
19:45
 
Zurigo
Langnau
19:45
 
Zugo Academy
Ticino Rockets
19:45
 
Aarau
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
19:30
Sciaffusa
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Ambrì
LNA
0 - 0
19:45
Bienne
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Berna
LNA
0 - 0
19:45
Lugano
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Davos
LNA
0 - 0
19:45
Lakers
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Zugo
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Losanna
LNA
0 - 0
19:45
Ginevra
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Zurigo
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
Zugo Academy
LNB
0 - 0
19:45
Ticino Rockets
Ultimo aggiornamento: 25.09.2018 18:53
L'azienda lucernese (Keystone)
Economia
07.09.2018 - 17:270

'America First!' costa caro a un'azienda lucernese

Il gruppo siderurgico Schmolz+Bickenbach si è visto annullare un contratto da 420 milioni di dollari dall'aviazione statunitense

La politica "America first" del presidente Donald Trump costa al gruppo siderurgico lucernese Schmolz+Bickenbach: l’aviazione statunitense ha infatti annullato un contratto del valore di 420 milioni di dollari (circa 410 milioni di franchi) su cinque anni per la fornitura di acciaio per bombe in grado di perforare bunker.

L’annullamento è avvenuto su contestazione di un concorrente, ha detto oggi all’agenziaawp una portavoce dell’aziendalucernese, che nel 2017 ha realizzato un fatturato di 3,13 miliardi di franchi. Dal punto di vista americano la A. Finkl & Sons, filiale di Schmolz+Bickenbach a cui doveva andare il contratto, è infatti una società sotto controllo straniero. Oltretutto l’oligarca russo ViktorVekselberg detiene una partecipazione del 27% (fino a maggio era del 42%). "Ciò era già noto all’inizio della gara d’appalto", ha sottolineato la portavoce. Schmolz+Bickenbach sta considerando un’azione legale.

Secondo l’agenzia Bloomberg, l’annullamento del contratto in questione è avvenuto su reclamo di alcuni politici, secondo i quali non si avrebbe nemmeno dovuto permettere a Finkl & Sons di partecipare al bando, dato che è un’azienda di proprietà della svizzera Schmolz+Bickenbach, e quindi straniera. Inoltre il gruppo siderurgico lucernese ha relazioni con Viktor Vekselberg, una persone che figura nella lista delle sanzioni americane.

Tags
schmolz+bickenbach
contratto
lucernese
america
america first
first
costa
gruppo siderurgico
azienda
© Regiopress, All rights reserved