laRegione
swisscom-dati-rubati-a-800mila-clienti
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
6 ore

Effetto pandemia, volano i giganti del web (a parte Twitter)

Il numero dei nuovi cinguettii è il più contenuto dal 2017 (solo un milione di utenti in più). Si attestano a 2.74 miliardi gli amici di Facebook
Economia
17 ore

Lvmh compra i gioielli di Tiffany (con lo sconto)

L'intesa mette fine a una vertenza fra le parti: dopo lo scoppio della pandemia, il colosso francese aveva fatto un passo indietro, mandando a monte le nozze.
Economia
21 ore

Samsung Electronics fa boom nel terzo semestre

Significativo balzo in avanti dell'utile netto (+48,8%) del più grande produttore di chip di memoria al mondo che rafforza la propria posizione
Economia
21 ore

Swisscom: performance in lieve calo dopo nove mesi

Le cifre del gigante delle telecomunicazioni sono comunque migliori del previsto anche se fatturato e utile netto sono diminuiti
Economia
22 ore

Credit Suisse: utile di 546 milioni nel terzo trimestre

Buoni risultati nel terzo semestre per la banca rispetto alle cifre degli altri istituti a livello nazionale
Economia
1 gior

Crollano i consumi, la Svizzera ‘anticipa’ il lockdown

Ristoranti e negozi sono aperti, ma la gente si tiene lontana e solo i supermercati girano a pieno regime
Economia
2 gior

La pandemia minaccia l'industria svizzera del cioccolato

Calo del 14,3% del giro di affari fra gennaio e agosto. Chocosuisse chiede che si agisca sulle 'misure protezionistiche dannose per la piazza elvetica'.
Economia
2 gior

PostFinance sopprime 130 impieghi ma ne vuole creare 80

Oltre a investire in nuovi settori di attività, l'azienda mira anche a rendere più efficienti i processi e le strutture esistenti
Economia
07.02.2018 - 09:100
Aggiornamento : 10:53

Swisscom, dati rubati a 800mila clienti

Gli atti illeciti risalgono allo scorso autunno. L'operatore annuncia il rafforzamento delle misure di sicurezza

Lo scorso autunno sconosciuti si sono illecitamente impossessati di informazioni personali di circa 800’000 clienti di Swisscom, impiegando i dati d’accesso di un partner di distribuzione del gruppo di telecomunicazioni. Quest’ultimo rafforza ora le misure di sicurezza.

Stando a un comunicato odierno di Swisscom, i dati in questione riguardano nome, indirizzo, numero di telefono e data di nascita, informazioni che la legge definisce come "non degne di particolare protezione". Si tratta infatti in gran parte di dati disponibili pubblicamente o tramite ditte specializzate nel commercio di indirizzi.

Non sono invece interessati password, tabulati e dati di pagamento, già tutelati da tempo con meccanismi di protezione più severi. La maggior parte delle persone colpite sono clienti di rete mobile, e in misura molto minore di rete fissa.

Swisscom afferma di essere venuta a conoscenza dell’episodio durante un controllo di routine sulle attività operative e lo ha sottoposto a una verifica interna dettagliata. Il "gigante blu" sottolinea che il sistema non è stato violato.

Ciononostante il gruppo attribuisce la massima priorità all’accertamento di questo episodio, si legge nella nota. Gli accessi della ditta partner oggetto dell’abuso sono stati immediatamente bloccati.

In più, Swisscom ha apportato diversi cambiamenti interni per proteggere meglio l’accesso delle ditte terze ai dati personali non degni di particolare protezione, in particolare una maggiore sorveglianza delle ditte partner che comprende un sistema d’allarme con blocco degli accessi che scatta automaticamente in caso di attività anomale.

Inoltre le consultazioni più estese che interessano la totalità dei dati dei clienti saranno tecnicamente impossibili, e nel corso di quest’anno verrà introdotta un’autenticazione a due fattori per tutti gli accessi necessari per i partner di distribuzione.

Queste nuove misure rendono impossibile il ripetersi di un episodio simile, sostiene Swisscom, la quale ha messo al corrente di quanto avvenuto l’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT). Swisscom sta anche valutando le opzioni legali e si riserva il diritto di sporgere denuncia.

Sempre stando all’ex regia non ci sono indizi di danni per i clienti interessati: Swisscom non ha registrato alcun aumento delle chiamate pubblicitarie o di altre attività a loro discapito. I clienti di rete mobile possono spedire un SMS con il testo "Info" al 444 per scoprire se i propri dati sono tra quelli oggetto dell’abuso. In generale, a tutti i clienti che ricevono contatti inconsueti o telefonate di marketing, Swisscom consiglia di attivare preventivamente il "callfilter" sui collegamenti di rete fissa e mobile per proteggersi da chiamate pubblicitarie indesiderate.

 

© Regiopress, All rights reserved