il-diesel-e-il-suo-imbroglio-7-200-persone-chiedono-al-consiglio-federale-di-intervenire
Pablo Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Ricchezza privata, patrimoni a livello record in Svizzera

Salgono a 5000 miliardi di dollari, grazie in particolare al buon andamento del mercato azionario e di quello immobiliare
Economia
2 gior

L'euforia delle borse preoccupa solo a metà

È quanto emerge da un seminario dell'Associazione bancaria ticinese, utile per capire meglio le ragioni – giuste e sbagliate – dell’ottimismo finanziario
Economia
5 gior

Cala (anche se di poco) la disoccupazione in Svizzera

In maggio il tasso è del 3,1 per cento. Ticino all'undicesimo posto fra i cantoni più toccati
Economia
6 gior

G7, una tassa minima per le grandi aziende. Timori in Svizzera

Equità globale fiscale con un'aliquota minima del 15 per cento. Due economisti temono conseguenze non positive per la Confederazione
Economia
1 sett

I giovani desiderano una casa di proprietà

Il 77% della fascia di età tra i 16 e i 25 anni ha questa ambizione che rischia di rimanere un sogno a causa degli elevati requisiti di finanziamento
Economia
1 sett

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo
Economia
1 sett

Risorse naturali esaurite già a fine luglio

Quest’anno si anticipa di quasi un mese il giorno in cui i consumi dell’anno arrivano a termine
Economia
1 sett

Facebook nel mirino dell’antitrust europea

La Commissione Ue vuol verificare se il social network ha violato la regole sulla concorrenza con il servizio Marketplace
Economia
1 sett

Legge federale sulla protezione dei dati: quale l'impatto?

Il prossimo webinar organizzato dal gruppo di lavoro ‘Cyber sicuro’ sarà dedicato alle aziende e al mondo economico
Economia
1 sett

Patrimoni privati più che raddoppiati in vent'anni

Ogni abitante della Confederazione dispone in media di un tesoro di 460mila franchi. A influire sull'aumento, soprattutto il rincaro degli immobili
Economia
29.08.2017 - 11:230
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Il diesel e il suo 'imbroglio', 7'200 persone chiedono al Consiglio federale di intervenire

Lettera-petizione contro 'l'’imbroglio Diesel': 7'200 persone chiedono alla Presidente della Confederazione Doris Leuthard di finalmente intervenire. L'azione, una lettera-petizione sottoscritta da svariate migliaia cittadine e cittadini, esige dalla direttrice del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni di introdurre subito test dei gas di scarico più severi per tutte le nuove automobili. L’'Ata Associazione traffico e ambiente, la Federazione romanda dei consumatori (FRC) e i Medici per l’ambiente (MpA) hanno inoltrato oggi le lettere alla Cancelleria federale. Da subito, questa la richiesta alla autorità, devono venir ammesse alla circolazione solo vetture Diesel che rispettano la più severa norma Euro 6 d Temp per i gas di scarico. Inoltre, le auto Diesel già in circolazione devono essere tecnicamente aggiornate.

La nuova norma Euro 6 d Temp per i gas di scarico – spiegano – controlla il rispetto dei limiti per le emissioni nocive con un test su strada –e non come finora in laboratorio. Finora la nuova norma per i gas di scarico dovrebbe però valere solo per i nuovi modelli, immessi sul mercato dopo il 1° settembre 2017. Tutte le altre nuove vetture Diesel già ottenibili in Svizzera dovrebbero invece rispettare la nuova norma solo dopo un periodo di transizione di due anni. Ata, MpA e Frc chiedono allora l'’abolizione di questo periodo di transizione. La ragione: auto Diesel nuove di fabbrica superano, in media, di cinque volte il limite per gli ossidi d’'azoto. Singole vetture Diesel emettono su strada persino 18 volte più ossidi d'’azoto rispetto a quanto sarebbe permesso. Se la norma Euro 6 d Temp per i gas di scarico valesse solo fra due anni, sulle strade svizzere verrebbero immesse fino a 250'000 auto Diesel con emissioni di ossidi d'’azoto eccessive.

Evi Allemann, Presidente dell’'Ata e consigliera nazionale Ps, non può accettarlo: «Il periodo di transizione di due anni fino all'’introduzione dei test su strada per tutte le nuove vetture è una farsa. Così solo una parte molto piccola dei nuovi veicoli Diesel dovrebbe passare i nuovi test sui gas di scarico – per tutti gli altri varrebbero i test inefficienti applicati finora. Non può essere». La risposta del Consiglio Federale alla mozione Allemann, che esige dei test anti-inquinamento più severi, è bocciata come "troppo timida e insoddisfacente". Purtroppo, il Consiglio Federale "non è pronto ad utilizzare gli strumenti di cui dispone al fine di proteggere l'ambiente e la popolazione contro le resistenze dell'Ue".

«Equipaggiare invece di rottamare»

Le nuove vetture e il periodo di transizione è però considerato sono un lato del problema. L’'altro riguarda le vetture diesel già in circolazione: «Noi chiediamo di equipaggiarle a posteriori invece di rottamarle. L'’hardware di queste auto deve essere completato tecnicamente dai produttori, in modo che rispettino i valori limite per gli NOx anche nel traffico quotidiano», sottolinea la dottoressa Bettina Wölnerhanssen dei Medici per l’'ambiente. «Offerte di riacquisto sono fumo negli occhi. Vogliono solo favorire l’'acquisto di nuove vetture ancore più potenti, i cui valori dei gas di scarico sono anch’'essi truccati. Questo con l’ecologia non ha nulla a che vedere. È ora che il Consiglio federale dia più importanza alla salute della popolazione che agli interessi delle case automobilistiche.»

Sophie Michaud Gigon, Segretaria generale della Fédération romande des consommateurs Frc, si aspetta che le consumatrici e i consumatori siano meglio protetti: «I clienti sono ingannati dall'’industria dell’auto. Il nostro sistema giuridico rende molto arduo alle consumatrici e ai consumatori difendersi da una grande azienda, come per esempio la Volkswagen. Questo non è corretto. Perciò, nell'’interesse dei consumatori, la Svizzera deve fare in modo che queste automobili da subito non siano più importate.»

© Regiopress, All rights reserved