Economia
31.05.2017 - 09:150
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:19

Settore della costruzione in crescita, bene soprattutto l'edilizia

Nel primo trimestre 2017 le cifre d’affari nel settore principale della costruzione sono aumentate del 7% rispetto allo stesso periodo del 2016. Tale crescita è ascrivibile soprattutto all’edilizia. Questo è quanto emerge dalla recente statistica trimestrale della Società Svizzera degli impresari-costruttori (Ssic).

Dopo la buona annata 2016 nella costruzione, molti fattori indicano un consolidamento dell’attività ad alto livello. Tuttavia, nel primo trimestre 2017, i fatturati nel settore principale della costruzione sono aumentati del 7,2%, raggiungendo quasi i 4 miliardi di franchi rispetto all’anno precedente; da notare che l’attività è stata migliore nell’edilizia (+10.2%) più che nel genio civile (+4.1%). Tuttavia, giocando le condizioni meteorologiche un ruolo importante nel primo trimestre, non si deve sopravvalutare questa crescita. Quest’anno sull’Altipiano il mese di gennaio, nel quale il volume di costruzioni risulta solitamente debole, è stato freddissimo. In febbraio e in marzo, mesi più importanti per il ramo, il tempo è stato favorevole per le imprese, cosicché il volume modesto dell’attività rilevato a gennaio dovrebbe essere stato ampiamente compensato.

Le ordinazioni sono diminuite dell’8,1% rispetto al 2016. Le riserve di lavoro sono anche in calo. Ciò indica che l’aumento del fatturato rilevato nel primo trimestre è stato temporaneo e che c’è da aspettarsi un consolidamento ad alto livello. Complessivamente, la Società Svizzera degli impresari-costruttori prevede che quest’anno il volume delle costruzioni sarà simile a quello del 2016. Aumenteranno i rischi sul mercato dell’alloggio a lungo termine Invariati rimangono i fattori fondamentali per l’edilizia, soprattutto i bassi tassi d’interesse e la crescita demografica, sempre importante nonostante la diminuzione dell’immigrazione netta. Invece, è preoccupante il fatto che, da qualche anno, il volume dei nuovi alloggi sia superiore a quello che il mercato può assorbire. Tale evoluzione porta a un aumento della percentuale di abitazioni sfitte, la quale però non si situa ancora ad un livello critico. A medio e lungo termine, tuttavia, ciò aumenta i rischi sul mercato dell’alloggio.

Potrebbe interessarti anche
Tags
costruzione
edilizia
crescita
primo trimestre
volume
trimestre
mercato
attività
rispetto
© Regiopress, All rights reserved