Economia
11.11.2016 - 13:460

PostFinance introduce i tassi negativi

PostFinance riduce i tassi di interesse per diversi tipi di conto e ne introduce addirittura di negativi per i clienti facoltosi, primo grande istituto finanziario a farlo: dal primo febbraio la filiale della posta preleverà una commissione dell’1% per l’avere disponibile che supera il milione di franchi.

Vengono considerati gli averi presenti su tutti i conti privati e di risparmio, precisa PostFinance in un comunicato odierno. La maggior parte dei clienti privati e commerciali continuerà però a non dover pagare alcuna commissione sull’avere disponibile, viene sottolineato.

"Sono consapevole che queste misure non fanno molto piacere ai nostri clienti: nessuno paga volentieri le commissioni", afferma il CEO Hansruedi Köng, citato nella nota. Finora prelievi sugli averi sul conto erano effettuati solo dalla Banca Alternativa, una realtà con 30’000 clienti, ben diversa quindi dai circa 3 milioni di clienti di PostFinance.

Sui mercati finanziari nazionali e internazionali – argomenta la filiale della Posta – i tassi d’interesse permangono ai minimi storici e risultano in gran parte addirittura di segno negativo. Gli averi detenuti da PostFinance in conti giro presso la Banca nazionale svizzera superano la soglia di esenzione: nel 2016 questo è già costato oltre 10 milioni di franchi.

A causa del divieto di erogare crediti – lamenta PostFinance – diventa sempre più difficile investire in modo redditizio i depositi che le sono affidati dai clienti. Nel contempo l’apparato normativo in costante crescita comporta oneri e spese sempre maggiori.

Tags
postfinance
clienti
tassi
averi
© Regiopress, All rights reserved