laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE I contributi
Il dibattito
3 gior
Riflessioni su un cambiamento d’epoca
Questa pandemia per gravità non è certo paragonabile in toto a una guerra, ma in qualche modo ci troviamo di fronte a un bivio che può avere esiti analoghi al primo o al secondo dopoguerra novecentesco  
I dibattiti
4 gior
Pandemia e morbosità
Ospedali pubblici alla lente de 'ilCaffè': quando la polemica travalica senso di umanità e buon gusto
I dibattiti
6 gior
Obv: alla riunione dell'Ente i Comuni del Distretto non ci sono
Al tavolo sul futuro dei servizi ospedalieri non sono stati convocati gli enti locali, che si sono battuti per cure di qualità nel Mendrisiotto
Il dibattito
1 sett
I colori della Politica futura
La buona politica dovrebbe fondarsi su idee non astratte (o a volte astruse) ma costruttive, e non di parte, ma a disposizione di chiunque voglia usarle
Dibattito sul Plr
1 sett
Il ritiro di Bixio Caprara dalla presidenza
Speriamo che non prenda piede l'insulsa tendenza alle co-presidenze o che si opti per co-coordinatori inevitabilmente destinati ad intendersi... come le campane e di Balerna...
I dibattiti
2 sett
Bellinzona, ridiamo speranza alle associazioni e alla cultura
Il 1° luglio il Consiglio comunale è chiamato a discutere la mozione che chiede la creazione di una Casa della cultura
Il dibattito
2 sett
La forza dello scambio intergenerazionale
Alimentandolo sarà possibile costruire dei legami solidi e ricchi di conoscenze ed esperienze. Dei legami che ci permetteranno di rendere il nostro Ticino un Cantone forte
I dibattiti
2 sett
Valle della Motta, alla larga le ceneri dell'inceneritore
A soffrirne sarebbe un'area di svago in cui si è investito molto in questi anni a vantaggio della popolazione
Dib. Elettorale
04.04.2019 - 15:550

I “brucia talenti” 

Durante questa campagna elettorale, più che fare promesse o proclami, ho dedicato tempo ad ascoltare le persone, le loro storie, le loro aspirazioni. S’impara molto di più ad ascoltare… Alcune di loro mi hanno colpito. Noto un certo disincanto e una certa disillusione. Molti non si aspettano un granché dal futuro, solo la sopravvivenza. 
Alcuni li conosco da qualche tempo, avevo avuto modo di conoscere il loro talento e i loro sogni. 
Carlo*, ad esempio, l’avevo conosciuto quando lavorava come cameriere in un ristorante, sognava un giorno di aprire un locale tutto suo. Non si poteva non notare quell’intelligenza sveglia di cui era dotato, la capacità di vedere tutto e capire al volo quello che serviva. Attivo e propositivo, le sue idee avevano portato successo al locale. Licenziato per ridurre i costi… speculazione andata poi a scapito del locale stesso. Dopo altre delusioni ora si arrangia come può e non crede più la vita possa portargli qualcosa di buono. 
Claudia* aveva una sua attività commerciale, che ha prosperato finché la crisi non ha complicato le cose. Nonostante le ottime conoscenze tecniche e linguistiche non è più riuscita a trovare un’occupazione consona.    
Mario*, lavorava in importante istituto bancario. Poi la ristrutturazione con conseguente disoccupazione, poi l’assistenza. Ora soffre di depressione e non ha più nessuna aspirazione per il futuro. 
Tante altre storie potrei raccontarvi; quello che mi colpisce è che queste sono tutte persone di talento, che erano piene di idee, di sogni e di voglia di fare. Ora, benché nel pieno degli anni, hanno finito per abbassare le loro aspettative su quanto possono realizzare. Sopravvivono, chi arrangiandosi con lavori precari, chi con l’assistenza. Hanno finito per credere di valere poco, e non osano più rischiare. I loro sogni giacciono in fondo ad un cassetto che non aprono più. Eppure vi garantisco che quando gli ho conosciuti ero convinto che avrebbero realizzato cose egregie…
Ma cosa stiamo facendo ai nostri figli? Siamo diventati una società di “brucia talenti”? “La cosa più triste nella vita è il talento sprecato” diceva Robert de Niro nel film Bronx.
In verità questa è una sconfitta per tutti; per loro e per noi come comunità, per il nostro paese.
L’iniziativa di Lega Verde sulla riforma degli Uffici Regionali di Collocamento (URC) vuole proprio andare nella direzione di non bruciare i nostri talenti, ma al contrario aiutarli a rimettersi in sella per continuare a crescere e sviluppare un futuro che sia brillante. Dobbiamo capire che lasciare cadere chi rimane indietro e abbandonarlo, significa evirare il nostro sistema economico e condannare la società tutta a un inevitabile declino. Invece dobbiamo tornare a vivere, non semplicemente sopravvivere.   

(*nomi di fantasia, il nome vero è noto a chi scrive ) 

© Regiopress, All rights reserved