Dib. Elettorale
16.02.2019 - 06:000
Aggiornamento : 18.02.2019 - 14:04

Discriminazioni di genere

In Svizzera una donna su 10 viene licenziata dopo il congedo maternità. Notizia estrapolata da una recente inchiesta del ‘Blick’ e dai dati della confederazione sindacale Travail Suisse.
Solo nella città di Basilea questo accade in media 2 volte alla settimana.
Molto spesso i datori di lavoro le spingono a dimettersi all’inizio della gravidanza!
Questo non lo dobbiamo più accettare. È falso pensare che le donne incinte diano più problemi, questi sono solo timori maschili dettati dalla non conoscenza della materia in discussione. La gravidanza non è una malattia, ma uno stato antropologico.
La maternità è, infatti, il crocevia dove i progressi della medicina hanno incontrato le istanze del movimento di liberazione della donna, la rivoluzione sessuale e i mutamenti della famiglia.
In un contesto storico/demografico nettamente in calo è abominevole mettere alla porta una donna solo perché in gravidanza.
Le discriminazioni che dobbiamo subire da parte di una classe imprenditoriale miope sono assolutamente da contestare con decisione. La parità di genere è ancora lontana dall’essere una logica realtà. Viviamo in una società anacronistica e di conseguenza poco incline al progressismo, ma non per questo ci dobbiamo scoraggiare. Anzi, deve diventare un punto di forza dove poter coinvolgere le donne di ogni credo politico.
Questa non è una rivendicazione puramente di sinistra, ma dovrebbe interessare l’intero mondo femminile.
Dal movimento femminista, nato negli anni 60, molto si è fatto, ma ancora molto rimane da fare. Lo dimostra il fatto che nel 21esimo secolo stiamo ancora discutendo di parità di genere e di tutela dei posti di lavoro per le donne in gravidanza. In Svizzera il diritto di voto alle donne è stato approvato solo nel 1971, quasi fanalino di coda rispetto all’intera Europa. E solo dal 1990 noi donne siamo eleggibili in ogni Cantone. Vergognoso!

Potrebbe interessarti anche
Tags
donne
genere
gravidanza
discriminazioni
donna
© Regiopress, All rights reserved