a-berlino-sboccia-il-cult-movie-2021
‘Le monde après nous’ opera prima del francese Louda Ben Salah-Cazanas
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
2 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
3 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
17 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
21 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Spettacoli
04.03.2021 - 18:300

A Berlino sboccia il cult movie 2021

Nella sezione Panorama spunta ‘Le monde après nous’ di Louda Ben Salah-Cazanas. E ancora le opere di George Peter Barbari e Salomé Jashi

La bellezza di scoprire i film di un festival è trovare quello capace di diventare cult perché fa esplodere la gioiosità del cinema. Un film che canta vita e finzione: pensiamo a quello che hanno significato in vari festival ‘The Artist’ o ‘Gloria’ o ‘La La Land’ o ‘Drive’, film che vivono dell’essere cinema. Ed ecco che dai meandri di questa Berlinale, nella sezione Panorama, spunta ‘Le monde après nous’ opera prima del francese Louda Ben Salah-Cazanas, un ritratto dei nostri giorni con giovani che sperano, che lottano, non solo per essere oggi, ma per avere un domani vivibile, da vivere, dove essere un rider diventa un ridicolo ricordo. Un film che canta l’amore tra due giovani che hanno il coraggio di rischiare di amarsi, di arrivare al matrimonio senza anelli, perché non servono a regalare eternità. Un film che celebra l’amicizia che è il condividere. Un film che rispolvera senza imitarla l’idea di libertà della Nouvelle Vague, raccontando di Labidi e di Elisa (rispettivamente gli straordinari Aurélien Gabrielli e Louise Chevillotte) lui giovane che è riuscito a pubblicare un suo racconto e ora ha un’offerta per scrivere un nuovo romanzo, lei studentessa di teatro. Lui vive a Parigi in un appartamentino così piccolo da avere spazio solo per un letto singolo, la doccia è incassata nel muro, il fatto è che lo condivide con il suo corpulento amico Alekseï alternandosi in turni di sonno nel letto e su un materassino da campeggio. Lei vive a Lione con il padre, dopo il divorzio dei suoi. Proprio a Lione abitano i genitori di Labidi ed è così che i due si incontrano innamorandosi presto. Economicamente sopravvivono: lui guadagna un minimo come rider e per il resto lo aiutano i genitori, lei è aiutata dal padre. Eppure decidono di andare a vivere insieme, lui prende un appartamento: sono 1200 euro al mese e vuol dire lottare e vuol dire credere di farcela. Non si arriva al lieto fine gratuitamente come nelle favole. Di rilievo la scrittura e la regia di Louda Ben Salah-Cazanas, tutto è guidato alla perfezione e di gran aiuto è la fotografia di Amine Berrada. Non si aspetta la parola fine per alzare il volume e ballare con loro. Questo è cinema!

Ma cinema, e importante sono anche ‘Death of a Virgin, and the Sin of Not Living’ opera prima del libanese George Peter Barbari, sempre in Panorama, e ‘Taming the Garden’ della georgiana Salomé Jashi, film coprodotto dalla Svizzera. Il titolo del primo, ‘Morte di un vergine e il peccato di non vivere’ racconta di un giovane, Etienne, che con tre amici decide di recarsi da una prostituta per avere rapporti sessuali per la prima volta; per farlo devono allontanarsi molto da casa, per non essere riconosciuti, per questo intraprendono un viaggio in cui si sviluppa la complessità dei loro rapporti e quella dei rapporti con gli altri. Arriveranno già cambiati all’esperienza con una prostituta che detesta dover far perdere la verginità a dei giovani, ed Etienne resterà segnato da quel rapporto con quella donna il cui viso gli ricorda la madre, la sorella, una bambina vista nel viaggio. Ma il regista va oltre la storia che racconta visivamente, affida a ognuno dei suoi protagonisti la consapevolezza del loro futuro, della fragilità della propria vita, della morte che verrà, e questo costringe lo spettatore a guardare oltre i visi dei protagonisti per trovare tanti specchi in cui cercare il proprio esistere.

In profondità lavora anche Salomé Jashi che nel suo ‘Taming the Garden’ ci racconta il destino di un albero e quello dei suoi fratelli e delle sue sorelle alberi, costretti schiavizzati da una folle umanità. Protagonista è un enorme e altissimo albero divenuto preda di un uomo estremamente ricco e politicamente potente che raccoglie vecchi e maestosi alberi, che ha fatto estrarre in vari luoghi e portato nel suo giardino. Il suo destino è di lasciare la foresta in cui è cresciuto e scoprire la violenza distruttiva che l’uomo è capace di avere per i suoi capricci. La regista non ci risparmia nulla, ci mostra gli uomini che tagliano la foresta intorno, preparano strade, distruggono con ruspe le rocce e scavano in profondità intorno all’albero. Uomini che preparano una base sotto l’albero per sollevarlo con parte delle sue radici, e potenti camion che su bancali rinforzati trasportano l’albero verso il mare per inviarlo alla casa dell'uomo ricco, mentre gli abitanti del villaggio vicino discutono se hanno avuto abbastanza soldi. Si resta allibiti di fronte a tanta imbecillità umana e poi vedere quella pianta che naviga nel mare e sembra stupita di fronte a tanto azzurro è scena indimenticabile. La bellezza del cinema essere testimone. E oggi arrivano gli Orsi digitali.

 

© Regiopress, All rights reserved