laRegione
molestie-alla-rsi-canetta-procedure-interne-da-migliorare
‘Credo ci siano due fattori decisivi: primo, l’azione rapida; secondo, la tutela delle persone’ (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
4 ore

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
6 ore

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
10 ore

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
11 ore

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
1 gior

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Scienze
1 gior

In Cina, boom dei servizi tramite droni nel 2020

Il Paese ha aumentato l'uso dei droni in vari campi come agricoltura e protezione dell'ambiente, anche per precipitazioni artificiali
Spettacoli
1 gior

I nuovi sguardi della critica cinematografica, oltre le stelline

Anita Hugi, direttrice delle Giornate cinematografiche di Soletta: “I critici non sono personal shopper”
Spettacoli
1 gior

Oscar, la short list per i film stranieri passa a 15

Record di candidature per il miglior film non in lingua inglese. Secondo Variety sono ben 93 e la lista che anticipa le candidatura passa da 10 a 15
Culture
2 gior

Sorellanza e Storia nel tempo di Silvia Ricci Lempen

Intervista con la vincitrice, con il romanzo in italiano e in francese ‘I sogni di Anna’/‘Les rêves d’Anna’, di uno dei Premi svizzeri di letteratura
Spettacoli
25.11.2020 - 21:230

Molestie alla Rsi, Canetta: procedure interne da migliorare

Il direttore sulle 32 segnalazioni di comportamenti impropri: capire perché non siano emerse prima ‘è il grande tema’

«Credo ci siano due fattori decisivi: primo, l’azione rapida; secondo, la tutela delle persone, sia denuncianti sia denunciate, per poter fare le verifiche, per non esporre vicende anche delicate». È risoluto, Maurizio Canetta, nel rispondere alle domande sulla conferma delle 32 segnalazioni di “potenziali comportamenti impropri”, come scritto in un comunicato stampa. Segnalazioni raccolte, in concerto con la Rsi, dal sindacato e sulle quali Canetta non ha alcun dettaglio: «Non conosco né i nomi, né il tipo di casi, né a che livello sono avvenuti. Ed è giusto che io non ne sappia». Per tutelare le persone, come detto, e perché ad approfondire queste segnalazioni sarà un’istanza esterna indipendente e imparziale.

Fattore decisivo è l’azione rapida, ma possibile che ci sia voluta uno scandalo alla Rts e una piattaforma esterna per portare alla luce questi casi? Come mai le persone coinvolte non si sono sentite di denunciare gli episodi prima e all’interno dell’azienda?

È una domanda importante. Abbiamo un sistema per questi casi: ufficio del personale, i superiori, una piattaforma esterna. Negli anni mi sono occupati di alcuni casi emersi con questo sistema.

Quanti e di che tipo?

È riservato. Anche perché lì dentro ci sono casi di mobbing, di lesione della personalità, di disparità salariale.

Torno alla domanda di prima: capire il perché di quelle 32 segnalazioni è il grande tema. C’è timore a denunciare? Timore che non ci sarebbe stata una presa a carico? Oppure quelle situazioni sono state segnalate ma non risolte in maniera soddisfacente?

Con quello che è successo alla Rts si è aperto uno spazio alla parola: adesso bisogna ascoltare queste testimonianze, evitare che vi sia quel silenzio che poi, inevitabilmente, porta a un urlo.

Quelle procedure interne di cui dicevamo andranno quindi ripensate?

Vanno ampliate, rafforzate e migliorate. A tutti i livelli, di sistema e di lavoro sulla cultura aziendale.

Le 32 segnalazioni, come detto, saranno approfondite esternamente. Si va verso un doppio binario, con la persona che valuterà se rivolgersi internamente alla Rsi oppure, se preferirà, a un’istanza esterna?

Non sono in grado di dirlo. Il sistema esistente va innanzitutto verificato e c’è, a livello nazionale, una revisione interna con appoggio esterno. Come si deciderà di fare in futuro non so dirlo.

La Rsi come interviene, di solito, di fronte a casi di abusi?

C’è una prima verifica. In caso di un conflitto come mobbing o bossing, e a seconda della gravità, c’è l’invito alle parti per una mediazione esterna; se la mediazione raggiunge un risultato positivo bene, altrimenti si apre un’inchiesta di nuovo esterna e in base ai risultati spetta al direttore decidere eventuali sanzioni.

Che tipo di sanzioni?

Se si configura un reato, si va direttamente dal procuratore, ci mancherebbe altro. Per il resto, come in tutte le aziende, si può andare dall’ammonimento all’ammonimento grave alla sospensione grave e infine al licenziamento. 

© Regiopress, All rights reserved