laRegione
artisti-di-scena-in-svizzera-l-80-si-dice-vittima-di-abusi
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss
Spettacoli
10 ore

USA, truffava personaggi di Hollywood, ora è in manette

I raggiri, opera di un 41enne indonesiano e di suoi collaboratori, avvenivano grazie anche a imitazioni della voce.
Musica
13 ore

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.
Spettacoli
22 ore

Leonardo, un’esperienza tra storia e invenzione

Presentata a Lugano la ‘Da Vinci experience’, mostra immersiva dedicata al genio rinascimentale. Dalla realtà virtuale ai modellini, spunta anche la bicicletta (che lui mai disegnò)
Letteratura
22 ore

La casa di Tolkien in vendita: i vip si mobilitano

'Si faccia un museo!'. E una campagna internazionale di crowdfunding è partita nella speranza di preservare il luogo in cui nacque la saga di tutte le saghe.
Spettacoli
23 ore

Riapre la Royal Albert Hall, e saranno 150 anni

Ottimisticamente, Eric Clapton, Patti Smith e i Beach Boys sono i nomi già annunciati per festeggiare il secolo e mezzo di uno dei templi di Londra
Musica
1 gior

All'asta le chitarre di Van Halen (anche la Frankenstrat)

Tre esemplari usati dal chitarrista scomparso in ottobre battuti per complessivi 422mila dollari: 231 solo per l'iconica Kramer personalizzata,
Spettacoli
12.11.2020 - 19:350

Artisti di scena: in Svizzera l’80% si dice vittima di abusi

L'Associazione svizzera dei professionisti del teatro, del cinema e della televisione reagisce adottando una serie di misure

Quattro artisti di scena su cinque affermano di essere stati vittima di abusi di potere e soprattutto molestie sessuali - verbali e fisiche - negli ultimi due anni. L'Associazione svizzera dei professionisti del teatro, del cinema e della televisione (SBKV) reagisce adottando una serie di misure.

Stando a un sondaggio cui hanno partecipato 331 dei 1'160 membri della SBKV, il 79% degli interrogati ha detto di essere stato confrontato con molestie sessuali nei 24 mesi precedenti. Complessivamente sono stati citati 577 episodi, di cui 400 tra le donne e 177 tra gli uomini, si legge in un comunicato della SBKV diffuso oggi.

I soprusi più frequenti sono le molestie verbali (53%), seguite da quelle fisiche (22%) come i contatti corporei "casuali". Tre volte è stato riferito di stupri. Gli autori erano uno o più uomini nell'81% dei casi. Il 79% delle vittime afferma comunque di non aver riportato conseguenze negative in seguito agli abusi.

Il 62% dei partecipanti al sondaggio proviene dal settore della recitazione, il 17% dal canto, l'8% dalla danza e il 13% da altri ambiti. I più colpiti sono gli artisti di età compresa tra i 30 e i 49 anni; seguono i 49-65enni (21%), i 18-29enni (17%) e gli ultra 65enni (5%).

Se si considera che al sondaggio ha partecipato appena un terzo dei membri, ci si può immaginare la cifra sommersa e la grande sofferenza, afferma la direttrice della SBKV Salva Leutenegger nella nota. A suo avviso gli autori degli abusi si trovano in gran parte in posizioni di potere e spesso sono considerati "geni creativi che si possono permettere di tutto".

Dopo i "spaventosi" risultati del sondaggio l'associazione vuole affrontare il problema con svariate misure. Da un lato crea una piattaforma web anonima di segnalazione (https://sbkv.com/gegen-machtmissbrauch/ , almeno per ora solo in tedesco) su cui si possono fare avanti le vittime. La campagna "Giù le mani" è volta a rendere nota la piattaforma nelle scuole di teatro, nei guardaroba o ai casting.

Inoltre un'agenzia è stata incaricata di condurre ricerche per "fare luce in questo angolo buio del settore". Nei prossimi mesi saranno approfondite storie e voci e chiariti i fatti. L'associazione prevede anche di organizzare workshop per i propri membri, in cui questi ultimi possono imparare come evitare simili situazioni e come difendersi giuridicamente.

La SBKV spera inoltre che le case, le agenzie e le società di produzione facciano loro stesse ordine al proprio interno "prima dover pagare un caro prezzo". La campagna #Metoo a Hollywood ha dimostrato che un solo episodio reso pubblico può portare alla rovina di intere società e istituzioni prestigiose.

© Regiopress, All rights reserved