paolo-rossi-si-puo-ancora-ridere-in-questi-tempi-grami
(foto: MoniQue)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
1 ora

Biancaneve non ha bisogno del #metoo. Noi però sì

Come i media di destra si sono inventati il “caso Biancaneve” e tutti gli altri gli sono andati dietro. In nome di una tradizione che non è mai esistita
Società
11 ore

Nel mondo mancano 900mila ostetriche

La pandemia ha acuito il problema, lasciando senza risposta i bisogni sanitari di molti madri e neonati.
Spettacoli
13 ore

Di danza e libertà, ‘And then we danced’ al cinema

All'Otello di Ascona e al Forum di Bellinzona il poetico film di Levan Akin ambientato in una Georgia tanto bella quanto intollerante
Musica
15 ore

Hipgnosis si compra anche i Red Hot Chili Peppers

Le canzoni della band, che il prossimo anno festeggerà 40 anni di carriera, pagate 140 milioni di dollari dal fondo che già detiene quelle di Neil Young e altri
Musica
15 ore

Era il bel Nick Kamen, idolo del pop anni '80

Lanciato da uno spot Levi's, Madonna scrisse la sua hit ‘Each Time You Break My Heart’. Nel 2018 aveva annunciato di essere in cura per un tumore.
Culture
22 ore

Giornate letterarie di Soletta dal vivo per 500 persone

La manifestazione - che si terrà settimana prossima - si svolgerà parzialmente in presenza: cinquanta persone al massimo per dieci eventi
Società
1 gior

L’Industria 4.0 e il futuro del lavoro con il Club Plinio Verda

Intervista all’imprenditrice Nicoletta Casanova su opportunità e rischi dell'intelligenza artificiale
Spettacoli
1 gior

‘Kiss!’, una poesia senza parole sull’amore in teatro

Un universo immediato e immersivo, nell’ultimo lavoro di Camilla Parini del Collettivo Treppenwitz, andato in scena al Sociale di Bellinzona lunedì sera
Culture
1 gior

Locarno74, premio Rezzonico a Gale Anne Hurd

La produttrice e sceneggiatrice, alla quale si devono la trilogia di The Terminator e la serie The Walking Dead, sarà premiata sabato 7 agosto
Società
2 gior

Finisce il matrimonio tra Bill e Melinda Gates

Sposata da 27 anni, la coppia ha annunciato la separazione su Twitter
Spettacoli
2 gior

A LuganoMusica le prime assolute di Nadir Vassena

Anatomie dell’acqua disponibile online da oggi; altri due brani in concerto martedì 4 e venerdì 7 nella Hall del Lac
Spettacoli
2 gior

Le sale cinematografiche del gruppo Pathé si reinventano

Affittare un cinema per eventi privati: una via da percorrere in attesa del ritorno dei blockbuster
Culture
2 gior

Biblioteca nazionale svizzera: Damian Elsig nuovo direttore

Damian Elsig, di Sierre, succede a Marie-Christine Doffey, vicedirettrice della BN dal 2003 e in seguito direttrice dal 2005
Spettacoli
3 gior

L’indicibile amore di ‘Kiss!’ al Teatro Sociale

Camilla Parini racconto lo spettacolo che, dopo il debutto a Lucerna, arriva a Bellinzona lunedì 3 maggio
Società
3 gior

L’attore Noel Clarke accusato di molestie da 20 donne

Avrebbe molestato almeno 20 donne tra il 2004 e il 2019. È l'accusa che emerge dall'inchiesta del Guardian sull'attore, produttore e regista britannico
Spettacoli
28.10.2020 - 20:450

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.

Non dev’essere facile, di questi tempi, trovarsi di fronte a una platea dimezzata e cogliere dietro le mascherine il classico – e oggi più che mai sentito – “Facce ridere!”. Paolo Rossi, tuttavia, dimostra una gran voglia di tornare a fare il giullare, di trascinarsi dietro il suo pubblico; che addirittura coinvolge in una ritmatissima lezione di ginnastica all’inizio della sua perfomance 'Pane e libertà'. Il titolo viene dritto dritto da 'La peste' di Camus, ma Rossi ha un formidabile tridente di avvocati difensori: “Rubare è geniale, copiare è da coglioni. Lo diceva Dario Fo, riprendendo una battuta di Picasso che a sua volta fu ispirato da Shakespeare”. Lo spettacolo approdato al LAC vuol essere un omaggio a quelli che Rossi considera i suoi Maestri. Il Bardo, la tragedia greca, ma pure il già citato Premio Nobel, Gaber, De André e naturalmente Enzo Jannacci.

Dal Festival dell'Unità agli Alpini gay

Da quest’ultimo Rossi sembra prendere quel modo di biascicare, di sussurrare in maniera quasi inintelligibile, salvo poi riprendere una dizione ferma e chiara per prorompere nella battuta. Non c’è un vero fil rouge, così dopo una struggente versione del 'Suonatore Jones', dal Faber si passa a Gianmaria Testa, suo grande e compianto amico: “E vanno via dalle mani e dai pensieri certi sogni più leggeri”, non a caso tratta da 'La maschera di Arlecchino'. Già, maschere e mascherine. “Noi la maschera l’abbiamo sempre indossata” – con chiaro riferimento alla Commedia dell’Arte – sin da quando questo Allen dei Navigli (ma guai a chiamarlo così, oggi!) muoveva i primi passi esibendosi ai Festival dell’Unità. “I rossi ci pagavano in nero – confessa – ma bisognava accontentarsi. Se andavamo dai neri, quelli ci avrebbero fatti rossi di botte”. Gioca con le parole anche ricordando una serata siciliana: “A Cerda c’è un monumento al carciofo che sembra un’opera di Giò Pomodoro”; ancora dalla Sicilia (S. Quasimodo, 'Alle fronde dei salici') prende spunto per ricordare come ai tempi del lockdown e di movida inibita “si prendeva lo spritz sui balconi per allontanarci da quegli armadi pieni delle nostre anime”. Racconta che alla Scala, dov’era figurante, qualcuno gli disse: “Qui c’è ancora il fantasma della Callas, che castiga chi non ha talento”. Si chiede se “con l’immunità di gregge il formaggio verrà migliore” e se la prende con Conte, il presidente del Consiglio che quando Trump si è ammalato “gli ha inviato un augurio a nome di tutti gli italiani”: lui si tira fuori!. “È stato uno di quei momenti in cui sento agitarsi nella pancia un intero Coro di Alpini gay!".

Sul palco Rossi è accompagnato dagli Anciens Prodiges, tre musicisti bardati in modo altamente improbabile, però “pronti a esibirsi ai matrimoni e ai battesimi, così come durante riunioni condominiali ad alta tenzione, per serenate d’insulti e persino per ninne nanne insurrezionali”. L’applauso finale si trasforma in una standing ovation: il pubblico sa che “si andrà incontro all’inverno del nostro scontento” (stavolta Paolino scippa dal Riccardo III), ma pare rinfrancato e con una certezza in più. Si può ancora ridere, anche in questi tempi grami. E meglio ancora se lo si fa in maniera intelligente.

Paolino e il Signor G

Sua moglie Ombretta Colli era appena scesa in campo, schierandosi clamorosamente con la neonata Forza Italia, quando Giorgio Gaber giunse a Lugano col suo nuovo recital. Molti si aspettavano che Il Signor G approfittasse dei siparietti coi quali introduceva musiche e canzoni per commentare quella situazione particolare, per non dire imbarazzante. Invece niente: ci si dovette accontentare dell’ironia involontaria del brano “… e pensare che c’era il pensiero” e delle generiche invettive del suo testo: siamo “in un mare di parole che ci fanno bene e siam contenti. Ma parlan più che altro i deficienti!”. Anni dopo, lo rimproverò il Cabaret della Svizzera italiana: “Cert l’è dificil difent i tò pusizzion, quant la tò dona la vota Berluscon!”

Da quel ricordo nasce un paragone forse azzardato, però di fronte a un evento così eclatante e certo più tragico come la pandemia, va sottolineato come Paolo Rossi abbia invece reagito, eccome! Non solo è stato il primo, dopo il lockdown, a ri/convocare il pubblico in un vero Teatro, nel giugno scorso a Bolzano. In 'Pane e libertà' ha poi inserito alcune frecciate contro il nuovo decreto che ri/chiude cinema e teatri, sebbene sia acclarato che da lì non sia mai partito nessun focolaio di contagio. “Non fanno più come Göring: di fronte alla parola cultura, questi metton mano ai consigli d’amministrazione. E per loro è facile chiudere i teatri, tanto non ci sono mai entrati!”. Prima della dichiarazione finale (“Non so se s’è capito, ma io sto con tutti i lavoratori dello spettacolo”), l’invettiva più forte la prende in prestito dall’Enrico V shakespeariano: “Se non possiamo raccontare, chi ricorderà? Se non possiamo cantar ballate, che guerra sarà?”. Aggiungendo poi di suo “La memoria si nasconderà tra le chiappe della Storia!”

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved