laRegione
il-teatro-e-il-suo-sogno-al-festival-delle-marionette
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
22 ore

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
22 ore

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
23 ore

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
1 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
Spettacoli
12.10.2020 - 21:410

Il teatro e il suo sogno al Festival delle marionette

Presentata la 38ª edizione, al Foce dal 17 ottobre all'8 novembre. Perché, ha spiegato il direttore Michel Poletti, abbiamo bisogno di fantasia

«Parliamo di mascherine…». In tempi normali Michel Poletti, storica figura del teatro di figura in Ticino, avrebbe aperto così la tradizionale conferenza stampa del Festival internazionale delle marionette per riferirsi ad Arlecchino, Colombina e agli altri personaggi della Commedia dell’arte o, al più, al personale di sala. Ma i tempi non sono normali, e così meglio iniziare da quelle “informazioni di servizio” che causa pandemia diventano imprescindibili: la 38ª edizione del festival si terrà in presenza al Teatro Foce di Lugano dal 17 ottobre all’8 novembre; la capienza della sala sarà ridotta a poco più della metà, con posti assegnati alla giusta distanza. Per questo motivo ognuno dei dieci spettacoli avrà due rappresentazioni e sarà obbligatorio acquistare in anticipo il biglietto online su www.biglietteria.ch. E, per chi ha più di 12 anni, indossare la mascherina.

Così pubblico e marionette potranno tornare a incontrarsi in sala: e ne abbiamo tutti bisogno, ha proseguito Poletti. Perché certo c’è il teatro che indaga la condizione e la porta in scena con le sue incertezze. «Ma adesso è importante il teatro del sogno, il teatro della fantasia: è un atto di resilienza, abbiamo bisogno che i nostri piccoli attori di legno ci facciano ballare la mente». E con questo messaggio in mente, conviene scorrere il programma del festival partendo dalla conclusione: perché a chiudere il festival, domenica 8 novembre, sarà paradossalmente un’inaugurazione, quella del Museo delle marionette alla Comasina in via Cassarate 4, poco lontano dal Foce. Presentato qualche mese fa (vedi ‘laRegione’ del 6 luglio), avrà finalmente una giornata dedicata, con visite animate a gruppi di 7 persone massimo (di nuovo, prenotazione obbligatoria scrivendo a museo@palco.ch). Visite animate perché il museo vuole essere innanzitutto uno spazio di creazione e teatro, dove le marionette prendono vita. E l’8 novembre lo faranno con Michel Poletti e di Vittorio Zanella che ha anche prestato diverse marionette antiche al museo.

Pochi giorni prima dell’inaugurazione – giovedì 5 e venerdì 6 novembre alle 15 –, altro appuntamento per far vivere le marionette: i tradizionali atelier che si terranno sempre al Foce, gestiti dal Teatrino dell’Es di Bologna, presente in rassegna con due spettacoli.

Spazio alle fiabe

Torniamo al teatro del sogno e della fantasia: il fil rouge di questa edizione del festival non poteva che essere la fiaba, con una forte presenza di spettacoli destinati ai più piccoli. La storica compagnia dei Ferrari – alla quarta generazione, è la più antica compagnia di marionette d’Itaia – proporrà domenica 18 ottobre il ‘Castello degli spaventi’, fiaba con protagonista Bargnocla, il burattino-calzolaio buffo e deforme divenuto un po’ il simbolo della compagnia. Abbiamo poi il classico ‘Aladino’, portato in scena (domenica 25 ottobre) dalla marionettista russa Christina Boukova, ‘La grande sfida del riccio e della lepre’ del Teatro Glug (28 ottobre), ‘La fiaba delle piccole paure’ (7 novembre) del Teatrino dell’Es e altre fiabe ancora. Nella moltitudine di tecniche utilizzate dagli artisti ospiti, si distingue Veronica Gonzalez, artista eclettica che usa il corpo per fare di piede e gamba un pupazzo. Il suo ‘Il ballo dei piedi’ (in scena domenica 1° novembre) è uno spettacolo di cabaret consigliato anche a un pubblico adulto.

Tra tante favole, ad aprire la rassegna, sabato prossimo 17 ottobre alle 14.30 e alle 17, sarà tuttavia il circo, per quanto un po’ particolare: il ‘Transylvania Circus’ dei fiorentini Teatro delle dodici lune avrà infatti come protagonist draghi, fantasmi acrobati, licantropi e una donna vampiro maestra di trasformismo.

Programma dettagliato su www.palco.ch.

© Regiopress, All rights reserved