laRegione
Nuovo abbonamento
diego-fasolis-dalla-fenice-a-chiasso
Fasolis (foto D. Vass)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
2 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
2 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
2 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
2 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
2 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
3 gior

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
3 gior

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
3 gior

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
4 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Società
4 gior

Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'

Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
4 gior

‘Condividere un'esperienza è ciò per cui val la pena vivere’

Denny Ilett, chitarrista e cantante, ospite del Jazz Cat club da mercoledì a sabato per quattro serate jazz nel giardino del Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, incontro ravvicinato con Thomas Imbach

“Tutto è iniziato con la decisione di testimoniare la trasformazione della vecchia stazione ferroviaria in carcere” ci spiega il regista zurighese
Musica e politica
4 gior

Menomale che Neil Young c'è

Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, ‘Nemesis’, un documentario lungo 7 anni

Thomas Imbach ha presentato il suo ‶documentario alla finestra″: una stazione ferroviaria distrutta per far posto a un carcere, dagli scambi alla prigionia
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, sotto il segno dei Pardi di domani

Convincono il personale ‘Bethlehem 2001’ di Ibrahim Handal e, nel concorso nazionale, Grigio. ‘Terra Bruciata’ di Ben Donateo
Spettacoli
5 gior

Il castello incantato: dal 15 agosto il teatro torna in piazza

La tradizionale rassegna torna con burattini, marionette, ombre, oggetti animati, attori e musici in sei località del Locarnese
Musica
5 gior

Metti il 'Gatto' in giardino e fagli ascoltare il jazz

Da mercoledì 12 a sabato 15 agosto, da Londra ad Ascona, quattro serate all'esterno del Teatro del Gatto per tornare a respirare musica.
Spettacoli
22.07.2020 - 06:000

Diego Fasolis, dalla Fenice a Chiasso

Concerto dei Barocchisti, venerdì per la rassegna Voci e Not(t)e del Cinema Teatro. “Senza pubblico ci si sente un po’ persi, isolati” ha spiegato Fasolis

Era alla Fenice di Venezia, Diego Fasolis, con ‘Ottone in villa’ di Antonio Vivaldi: la prima opera del compositore veneziano e «credo la prima opera in teatro in Europa dopo il lockdown: un po’ duro tra protezioni, mascherine, distanziamenti ma ce l’abbiamo fatta» ci racconta Fasolis che venerdì alle 21.30 – sabato alla stessa ora in caso di brutto tempo – sarà in scena con i suoi Barocchisti per la rassegna Voci e Not(t)e del Cinema Teatro di Chiasso (prenotazione obbligatoria entro la mezzanotte di oggi sul sito www.centroculturalechiasso.ch).

La Fenice, il teatro distrutto dal fuoco e risorto dalle ceneri: un bel luogo per riprendere a fare musica.

È stato anche il motivo per cui, quando mi hanno chiesto di dirigere anche un concerto, ho proposto il fuoco e l’acqua di Händel, con le suite di ‘Water Music’ e ‘Royal Fireworks Music’. È stato emozionante: suonare nella platea libera da sedie, con il pubblico intorno e questo scheletro di una nave in via di costruzione… è venuta giù qualche lacrimuccia, diciamocelo!

E adesso a Chiasso, con un allestimento diverso ma comunque legato all’emergenza sanitaria.

Ci vuole il coraggio di ripartire. E come si va tutti al supermercato a fare la spesa, tutti al ristorante a mangiare, tutti su treni e aerei per viaggiare – non si vede perché i teatri, con le giuste protezioni, non possano funzionare.

Sono ben contento di poter ricominciare, anche per dare un po’ di speranza ai musicisti free lance che sono tra le categorie più maltrattate da questa pandemia. Aggiungo che come Barocchisti in febbraio ho fatto richiesta di sostegno, ma a oggi non ho ancora avuto risposta. Trovo preoccupante dopo aver pagato vent’anni di contributi neanche ricevere una risposta. O meglio: la risposta, se ho capito correttamente, è che le associazioni saranno le ultime a essere trattate… ma io ho decine di persone che da mesi non hanno lavoro e non mangiano.

Abbiamo i primi concerti, ma per un ritorno alla normalità ci vorrà tempo, immagino.

Come Barocchisti e Coro della Rsi, appena ci è stata data la possibilità di ritornare nell’Auditorio Stelio Molo abbiamo ripreso a lavorare “per l’antenna”: streaming e registrazioni sono il nostro ‘core business’ per cui non abbiamo strettamente bisogno di pubblico in sala. In questo siamo un po’dei privilegiati, ma è anche vero che l’influenza del pubblico sul risultato artistico è un dato di fatto. Anche in questi primi concerti: appena trecento persone in un teatro che ne contiene ben più di mille, ma applaudivano così calorosamente da far sentire la loro partecipazione.

Spero quindi di poter continuare: ho un impegno in Francia, in una zona non particolarmente colpita e spero vada tutto bene… è tutta una situazione un po’ paradossale, un po’ malata in cui si cerca di sopravvivere guardando il proprio vicino un po’ in cagnesco temendo ti possa contagiare. Non è una bella situazione.

La presenza del pubblico cambia così tanto, per un musicista?

Cambia enormemente: il pubblico è parte integrante di uno spettacolo, il musicista o il cantante che sta sul palco percepisce benissimo l’energia che il pubblico gli trasmette. Anche alla Scala, tante recite della stessa opera e da una sera all’altra la differenza è enorme e non dipende dall’impegno dei musicisti ma dalla reazione del pubblico. Il pubblico giovanile del pomeriggio, con i biglietti a prezzo contenuto, scatena un entusiasmo che magari non c’è alla prima, con le persone che pagano di più ma magari hanno un po’ di puzza sotto il naso. Il pubblico lo si sente moltissimo e senza pubblico ci si sente un po’ persi, un po’ isolati: sembra più una prova che un concerto. Ci vuole immaginazione per sentire il pubblico che magari ti sta ascoltando alla radio…

Vedremo il pubblico di Chiasso.

Abbiamo scelto una delle opere più straordinarie per la sua simpatia: ‘La serva padrona’. Non ci sono troppi cantanti, solo due più un mimo, l’orchestra piccolina però è una musica straordinaria. Non a caso Pergolesi è diventato un mito pur essendo morto così giovane. E questa è una delle opere sicuramente scritta da lui: Pergolesi si è visto attribuire decine di composizioni non sue, che non avrebbe neppure potuto scrivere nei pochi anni che la vita gli ha concesso, ma era talmente ammirato che bastava mettere “Pergolesi” al brano di un signor Pinco Pallino per avere un successo garantito.

Per usare un termine contemporaneo, era un ‘brand’.

Esatto. E sono riuscito ad avere due artisti straordinari; Rosa Bove, una mezzosoprano che ho conosciuto lavorando con Abbado, per un’integrale della musica sacra di Pergolesi; Riccardo Novaro che è stato anche il nostro Bartolo per il ‘Barbiere di Siviglia’, un professionista di primo piano. E un mimo, Jacopo Sorbini, un attore consigliato da Rifici del Lac – a dimostrazione che anche in Ticino ogni tanto si riesce a unire le forze.

A lui sarà affidata la parte scenica?

Con queste opere non puoi stare fermo a leggio, ma c’è un’azione. Ed è indispensabile, per capire la storia,  avere in scena il servo che fa la parte del pretendente della serva affinché il padrone la sposi: in alcune occasioni l’ho fatto io, ma mi sono detto che questa volta è meglio prendere un vero attore.

In programma avremo l’intera ‘Serva padrona’

Sì, è un’operina in due parti da mezz’ora l’una. Erano intermezzi che all’epoca venivano proposti in mezzo alle opere serie: tutto questo repertorio napoletano di “opere da ridere” venivano introdotte nelle pause: si stava sei-sette ore in un teatro, con i tre o quattro atti dell’opera seria inframezzati dalla prima e seconda parte dell’opera buffa. Un’usanza che ho vissuto ancora, ma oggi impraticabile.

E poi due concerti per mandolino.

SÌ: avendo a disposizione un mandolinista straordinario come Duilio Galfetti, eseguiamo a mo’ di ouverture e intermezzo della ‘Serva padrona’ dei brani di musica napoletana con mandolino, proprio per dare una luca ancora più gioiosa a questo evento: il mandolino è uno strumento che dà il sorriso, incanta ma al contempo alleggerisce.

 barocchisti 
 cinema teatro 
 diego fasolis 
© Regiopress, All rights reserved