laRegione
Nuovo abbonamento
il-piacere-della-musica-del-trio-bellevue
Veronika Miecznikowski, violinista del Trio Bellevue
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
2 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
2 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
2 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
2 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
2 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
3 gior

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
3 gior

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
3 gior

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
4 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Società
4 gior

Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'

Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
18.07.2020 - 20:000

Il piacere della musica del Trio Bellevue

Intervista alla giovane Veronika Miecznikowski che sabato aprirà l'edizione 2020 di Ticino Musica

Sabato 18 luglio alle ore 21.00 la ventiquattresima edizione del Festival Ticino Musica verrà inaugurata, sul palco di Piazza Manzoni, da uno speciale gruppo cameristico interamente Ticino home made, il “Trio Bellevue”, formato dalla violinista Veronika Miecznikowski, dal violoncellista Sandro Meszaros e dal pianista Andrea Jermini. Tutti e tre classe 2000, questi giovani talenti si stanno perfezionando in alcune delle migliori scuole di perfezionamento europee e parallelamente portano avanti un progetto musicale comune. Ce ne parla Veronika Miecznikowski.

Come vi siete conosciuti e come si sono intrecciati nel corso degli anni i vostri percorsi musicali?

Con Sandro e Andrea ci siamo conosciuti alla Scuola di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana, dove abbiamo iniziato a studiare musica tutti e tre da piccolissimi. Inevitabilmente ci siamo ritrovati a partecipare a progetti di musica di insieme e successivamente siamo stati ammessi al corso di studi “Pre-College”, dove accede una cerchia più stretta di studenti. Trascorrendo tempo insieme abbiamo riconosciuto uno nell’altro una stessa sensibilità musicale e abbiamo sviluppato l’idea di fare un progetto insieme, prima un po’ per divertimento, poi più seriamente. Così è nato il Trio Bellevue, che cercheremo di portare avanti nonostante ora gli studi ci abbiamo portato a vivere in città diverse.

Una gran parte dei tuoi coetanei frequenta generi diversi dalla musica classica. Tu che invece hai scelto la strada della musica classica, cosa pensi possa dare in più a un ragazzo/a giovane come te?

Penso sia molto importante coltivare non solo un unico gusto musicale, dunque non focalizzarsi soltanto sulla musica classica. Io ad esempio ascolto anche musica leggera e trovo che il fatto di spaziare tra diversi orizzonti rappresenti un fattore di arricchimento. A un mio coetaneo non abituato a frequentare la musica classica consiglierei almeno di provare ad ascoltarla, innanzitutto perché è bellissima, in secondo luogo perché aiuta a sviluppare una particolare sensibilità e una consapevolezza storica. Un percorso di studi nella musica dà poi un’innegabile disciplina, perché lo studio di uno strumento richiede un’assoluta costanza, cosa che insegna in generale a gestirsi al meglio anche nella vita di tutti i giorni. Inoltre lo studio della musica porta a incontrare tantissime persone interessanti con cui scambiare idee e condividere esperienze.

Tu, così come i tuoi colleghi del Trio Bellevue, provenite da famiglie di musicisti o da ambienti di grande sensibilità nei confronti della musica e del suo studio. Quanto è importante questo per un giovane studente che sceglie di coltivare un percorso professionalizzante?

Aiuta molto. Ovviamente non è “obbligatorio”, perché ci sono tanti musicisti molto talentuosi che non provengono da famiglie “musicali”, tuttavia è un elemento di facilitazione, specialmente quando sei molto piccolo, perché i tuoi genitori sanno riconoscere le tue possibilità e possono indirizzarti al meglio. Ora che ho diciannove anni, guardando alla mia famiglia, mi rendo conto che avere successo nel campo della musica è possibile e questo mi dà forza. Sono molto felice di avere degli esempi e anche di poter avere un riferimento così “vicino” quando ho bisogno di consigli.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? Come e dove ti immagini tra 10 anni?

Per l’immediato futuro i miei obiettivi sono lavorare tanto e fare audizioni o concorsi per cercare di migliorare fino a raggiungere il massimo delle mie capacità. Penso sia la cosa “da fare” durante il proprio percorso di studi. Fra dieci anni spero di aver raggiungo questo livello di pienezza delle mie capacità e di essere una grande orchestra, oppure di avere un mio gruppo stabile di musica da camera, che rappresenta la mia passione più grande. O forse riuscirò anche – chissà – a fare la carriera del solista. Ma tutto si vedrà: dipenderà da me e un po’ anche dalla fortuna.

© Regiopress, All rights reserved