laRegione
Nuovo abbonamento
Jesse Eisenberg (IFC FILMS)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
18 ore
Festivaletteratura si reinventa, dal vivo e in streaming
Il festival si terrà come annunciato dal 9 al 13 settembre a Mantova seguedo 4 piste: non solo eventi in presenza e online, ma anche una radio e una pubblicazione
Spettacoli
18 ore
A Chiasso il recital comico antropologico di Roberto Ciufoli
La rassegna Voci e Not(t)e del Cinema teatro prosegue con il comico della Premiata ditta, in scena sabato sera
Scienze
19 ore
Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'
Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'
Scienze
19 ore
L'allarme dell'Onu: proteggere l'ambiente o presto altre pandemie
L'emergenza Covid-19 è solo l'ultimo esempio di zoonosi, un fenomeno in crescita e che può essere fermato solo proteggendo la fauna e l'ambiente
Spettacoli
19 ore
Nastro d'Argento per le 'Favolacce' prodotte da Tiziana Soudani
Damiano e Fabio D'Innocenzo vincono il premio per miglior film in una cerimonia dedicata a Morricone. Riconoscimenti anche per il Pinocchio di Garrone
L'intervista
1 gior
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
1 gior
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
1 gior
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Spettacoli
21.06.2020 - 18:160

La ʻResistanceʼ silenziosa di Marcel Marceau

Jesse Eisenberg interpreta il celebre mimo nel film dedicato al suo impegno durante la Seconda guerra mondiale

Come spesso capita, la vita di personaggi famosi ha aspetti poco conosciuti e sorprendenti. È il caso di Marcel Marceau, attore e soprattutto, in quanto mimo, ambasciatore culturale dellʼarte del silenzio, un uomo che a un certo punto della sua vita sfidò il nazismo aiutando più di cento orfani a fuggire dalla Francia in Svizzera. Questo il racconto di ʻResistance – La voce del silenzioʼ di Jonathan Jakubowicz, film con Jesse Eisenberg, Clémence Poésy e Édgar Ramírez, dal 23 giugno disponibile in streaming saltando le sale cinematografiche.

Marcel Marceau (Eisenberg) venne reclutato dal cugino Georges Loinger, comandante dellʼunità Oeuvre de Secours aux Enfants, e insieme alla politicamente impegnata Emma (Poésy) portò dalla Francia alla neutrale Svizzera un nutrito gruppo di bambini. E questo grazie anche allʼincanto della sua arte. “Marceau manteneva i bambini tranquilli mentre fuggivano – ha detto Philippe Mora, figlio di uno dei compagni di resistenza di Marceau –. Non si serviva delle sue abilità recitative solo per mettere a proprio agio i bambini, le usava per salvare le loro vite. Se fossero stati scoperti dai tedeschi, nessuno di loro avrebbe avuto scampo. Stava mimando per la sua e la loro vita”.

Fino ad allora il giovane Marcel era stato soltanto uno dei tanti aspiranti attori di origini ebraiche che cresce in unʼEuropa occupata dai tedeschi del Terzo Reich e non ha alcuna intenzione di farsi coinvolgere dal conflitto e finire al fronte. Preferisce esibirsi nei locali di burlesque, seppur contrastato dal padre che lo vorrebbe macellaio come lui. “È di gran lunga il progetto al quale sono più legato – dice il regista –. Scrivere la sceneggiatura e realizzare questo film mi ha avvicinato alla memoria dei miei nonni e mi ha aiutato ad avvicinarmi alla Germania, un paese che fin da bambino, mi hanno insegnato a temere. Ogni giorno sul set si presentavano problematiche che si riallacciavano ad esperienze personali. Ho visto i bambini recitare sul set e non ho potuto fare a meno di pensare ai milioni dei piccoli ebrei assassinati in quel paese. Non è passato un giorno in cui non abbia pianto – continua Jonathan Jakubowicz – sia con dolore che con gioia. E non è successo soltanto a me: tutti gli attori hanno avvertito un legame personale con questa storia molto speciale”. E ancora il regista: “Comʼè possibile che i miei familiari siano stati uccisi solo perché erano ebrei? Non lo capirò mai e poi mai! Ad essere del tutto onesto, non avrei mai pensato di poter fare un film sulla Seconda guerra mondiale e lʼunico motivo per cui alla fine ho deciso di realizzare ʻResistanceʼ è che, nonostante il suo contesto tragico, è ancora un film che inneggia alla vita”. Infine un'illuminante frase di Marceau che nel 1944 vide il padre, Charles Mangel, assassinato ad Auschwitz: “Le persone che sono tornate dai campi di concentramento non sono mai state in grado di parlarne… Mi chiamo Mangel. Sono ebreo. Forse questo, inconsciamente, ha contribuito alla mia scelta del silenzio”.

© Regiopress, All rights reserved