laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
1 ora
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
12 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
16 ore
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
17 ore
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
17 ore
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
20 ore
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
23 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
1 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
1 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
3 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
3 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Spettacoli
28.05.2020 - 18:020
Aggiornamento : 18:29

A Locarno i classici del cinema on demand

Velentina Merli, responsabile di Locarno Pro, ci racconta la nuova iniziativa del Festival: una piattaforma per far incontrare ‘ streamers’ e detentori di diritti

La sala, soprattutto per gli amanti del cinema come esperienza, rimane imprescindibile, ma da tempo i film hanno conquistato nuovi spazi e luoghi e anche prima che la pandemia costringesse molti a casa, i servizi di video on demand sono diventati sempre più popolari, diventando non solo distributori ma anche produttori di contenuti audiovisivi.

Un nuovo panorama nel quale non si inserisce il Festival di Locarno con una nuova iniziativa: Heritage Online. Parte di Locarno Pro, il programma del festival dedicato all'industria cinematografica, il progetto prende avvio nell'anno dell'edizione "ridotta" a causa della pandemia, ma non si esaurirà. L'idea è anzi farne un asse portante delle attività di Locarno Pro.

In cosa consiste Heritage Online? In pratica, una piattaforma per far incontrare i detentori di diritti di classici e film da riscoprire con il mercato delle piattaforme di video on demand. Con Heritage Online agenti di vendita, cineteche, istituti, archivi eccetera potranno condividere il proprio catalogo – proponendo anche alcuni titoli in vetrina – con potenziali gli ‘streamer’, gli operatori del video on demand dai più generalisti a quelli più settoriali.

Heritage Online sarà online a inizio luglio, quando i professionisti potranno iniziare a iscriversi e caricare il proprio catalogo. Nelle giornate di Locarno Pro (dal 7 al 9 agosto) la piattaforma prenderà vita attraverso una tavola rotonda e altri incontri.

Abbiamo posto alcune domande a Valentina Merli, nuova responsabile di Locarno Pro.

Valentina Merli, iniziamo da Locarno Pro: senza il festival nella sua forma tradizionale, sarà comunque luogo di incontro dell’industria cinematografica?

Anche se in forma ridotta e online, Locarno Pro sarà presente anche in quest’anno complicato, rimanendo all’ascolto di quello che succede all’industria e protrarre il dialogo con gli addetti ai lavori. Oltre a Heritage Online, sempre digitalmente proporremo varie “conversazioni” su temi specifici, che saranno rivelate nelle prossime settimane.

Heritage Online sarà un progetto permanente del Locarno Film Festival. È un caso che arrivi proprio nell’anno dove, causa pandemia, il cinema in streaming vince su quello in sala?

Assolutamente sì. Questo è l’anno zero e vorremmo mantenerlo nel tempo.

Heritage Online era già in sviluppo prima della pandemia ed è il frutto di conversazioni con gli addetti ai lavori, da cui è evinta la necessità di un tale strumento di lavoro. Pensiamo che sia il momento giusto per lanciarlo, senza attendere oltre.

L’iniziativa ha al centro la valorizzazione del cinema del passato. Non è una missione già delle cineteche nazionali? Se pensiamo alla Svizzera, abbiamo il progetto Filmo che fa esattamente questo, porta nel mondo dello streaming i classici del cinema elvetico.

Non vogliamo in alcun modo sostituirci alle Cineteche, ma al contrario lavorare con loro e tutte le istituzioni dedicate alla promozione dei film di patrimonio.

Un chiarimento: Heritage Online non è una piattaforma di streaming, ma uno strumento esclusivamente professionale per gli addetti ai lavori, un database in cui trovare contatti degli aventi diritto e informazioni sulle potenziali finestre di distribuzione dei film di patrimonio.

A Locarno arrivano ogni anno moltissime produzioni indipendenti che poi è difficile recuperare. Perché non portare queste nel mondo dello streaming?

I film più recenti godono già di una vetrina come i festival e le rassegne. Con Heritage Online vogliamo mettere in risalto film di patrimonio, ma anche avvicinare gli streamers all’industria Locarnese. E di questo potranno sicuramente beneficiare anche i film nuovi presentati al festival.

Ci sarà una selezione delle opere presenti nel circuito di Heritage Online?

Non è una piattaforma aperta al pubblico, ma solo agli addetti ai lavori. I film inclusi in Heritage Online non sono disponibili ad un pubblico generale, ma solo ai player coinvolti nella loro distribuzione.

Non si teme così di beneficiare quelle produzioni che dispongono già di buone risorse, venendo un po’ meno all’idea di scoperta e valorizzazione?

La piattaforma è aperta a tutti i professionisti del settore ed è uno strumento che proponiamo in maniera egalitaria a tutti. Quelli che poi ne hanno più bisogno sono secondo noi i streameers più indipendenti, che sfrutteranno probabilmente questo strumento ancora più degli altri. 

Heritage Online dovrebbe portare a espandere i cataloghi dei servizi di streaming. Sicuri che ci sia interesse? Verrebbe da dire che se non si sono già mossi autonomamente per includere i classici, evidentemente questi non rendono.

Heritage Online vuole fare incontrare gli aventi diritti di tali film e gli streamers, che spesso non riescono a trovarsi, perchè spesso è difficile riuscire a individuare i diritti di tali film e sapere chi li detiene e se sono disponibili. Heritage Online si propone di colmare questo gap agevolando questa connessione.

L’iniziativa si rivolge da una parte a produttori e distributori di film; dall’altra alle piattaforme di streaming. In concreto? Sperate di coinvolgere le grandi realtà internazionali dello streaming o puntate più su realtà locali?

Heritage vuole colmare una lacuna nell’industria globale. Questo coinvolgendo quindi i player di tutto il mondo (con particolare attenzione all’industria Svizzera) e proponendo uno strumento di lavoro pragmatico per facilitare la circolazione delle opere di patrimonio in generale. La piattaforma è quindi aperta a tutti gli addetti ai lavori che vogliano usufruirne.

© Regiopress, All rights reserved