laRegione
Nuovo abbonamento
Craig Leon
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore
La complessità delle parole dʼodio
Intervista al linguista Federico Faloppa, autore di ʻ#odio. Manuale di resistenza alla violenza delle paroleʼ
Arte
7 ore
Nesto Jacometti editore d'arte alla Casorella di Locarno
Il museo dedica una mostra al lascito di 1500 opere grafiche dell'editore locarnese attivo a Parigi e Ginevra nella prima metà del Novecento
Netflix
1 gior
Quella volta che Lars e Sigrit andarono all'Eurovision
Un 'islandese' Will Ferrell ne ha per tutti, americani inclusi, in una deliziosa parodia-tributo al concorso canoro europeo più kitsch di sempre.
Gallery
Arte
1 gior
Biennale Val Bregaglia, giochi semantici naturali
Artisti misurati con la cultura del luogo e con la sua storia. Gli interventi di Roman Signer, con la grande torre, e Alex Dorici, col pertugio nelle antiche mura
Libri
2 gior
La settimana bellinzonese di 'Incontra uno scrittore al parco'
Lunedì 13 luglio Gabriele Alberto Quadri, martedì 14 Christian Paglia, giovedì 16 Matteo Beltrami. Sempre alle 19.15
Società
2 gior
Covid-19, Robert De Niro quasi sul lastrico
La pandemia ha inferto un grave colpo ai business dell'attore americano, la catena di ristoranti Nobu e il Greenwich Hotel
Arte
2 gior
A Michael Klein il 'Paul Boesch 2020'
Il più recente e trai più sostanziosi premi d'arte svizzeri. È accompagnato dall'acquisto di un'opera che sarà inclusa nella collezione del Kunstmuseum di Berna
Culture
2 gior
Task Force Culture: 'Un segnale forte e unanime'. Con risultati
Le associazioni culturali accolgono con soddisfazione l’apertura da parte del Consiglio federale (Cf) della consultazione sulla legge Covid-19
Scienze
2 gior
Lo spazzino dello spazio 'made' in Svizzera
ClearSpace, la sart-up del Politecnico federale di Losanna, vuole lanciare la sua navicella nel 2025
Spettacoli
13.09.2019 - 15:110

Jazz in Bess, il 'Summer Meeting' è in trasferta al Foce

Da Florian Egli + collettivo, stasera alle 18.30, fino a Der White Rauschen, after-party di sabato sera, passando per (tra gli altri) Ben Monder e Craig Leon

Nomi stellari del jazz, leggende della musica elettronica e sperimentale, questa sera e domani per volere del club luganese Jazz in Bess. L’evento si chiama ‘Jazz Summer Meeting’ ed è una doppia prima volta: l’edizione – un festival nuovo – e la sede, sempre a Lugano, ma nel comprensorio Foce, primo episodio ‘in trasferta’ del club, organizzato in collaborazione con la Divisione eventi e congressi della Città.

La scelta si spiega con l’afflusso sempre maggiore agli eventi proposti nella sede originaria; di qui la necessità di spazi maggiori per agevolare un festival che si annuncia ambizioso. I concerti sono trasmessi in diretta da Radio Gwen, live dal palco principale del Teatro Foce con alcuni appuntamenti nello Studio e nella corte interna, se il tempo vorrà.

Si parte nel tardo pomeriggio di oggi (Studio o Corte) alle 18.30 con Florian Egli e il suo trio collettivo, noti e apprezzati anche come singoli bandleader; poi gli elvetici Nojakin, giovani emergenti svizzeri a mettere insieme jazz, folk e soul in nome di Corinne Nora Huber, cantante polistrumentista; a seguire, Iverson-Rossy-Sander, con i primi due già insieme negli anni 90 alla ricerca del contrabbassista per un trio inedito, individuato nel terzo.

Di sabato, dalle 21, il batterista ticinese Sheldon Suter con trio, formula inedita, alla riscoperta delle melodie immortali da Tin Pan Alley a Broadway, dalla 52nd Street al Bebop, dalla chanson française a Kurt Weil; subito dopo, il chitarrista Ben Monder, dalla trentennale carriera newyorkese, con Bowie in ‘Blackstar’ e insieme a Lee Konitz, Billy Childs, Paul Motian e molti altri. Sette album come leader, oltre duecento da sideman.

Monder è la proposta sperimentale che condurrà il pubblico ai due concerti nello Studio Foce, realizzati in collaborazione con la Rassegna Raclette: dapprima Craig Leon, una quindicina di anni dietro le quinte del mondo del pop, già produttore per Ramones, Blondie, Suicide, Talking Heads, poi dedicatosi alla composizione orchestrale classica (Pavarotti, Joshua Bell, London Symphony Orchestra), qui in un live set di elettronica col quale presenterà il suo progetto solista.

La chiusura, con ‘after-party’ dai contenuti psichedelici, è affidata ai sinth modulari degli ‘enfants terribles’ Der White Rauschen da Zurigo, elettronica e psichedelia multistrumentale su base-improvvisazione dall’alto tasso ipnotico. Informazioni, prezzi, riduzioni, bio degli artisti e tutto lo scibile di Jazz in Bess su www.jazzinbess.ch.

© Regiopress, All rights reserved