in-viaggio-per-il-mondo-con-i-zazlooz
I Zazlooz quasi al completo (foto: © Firat Berti)
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
35 min

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
Culture
2 ore

Frammenti di memoria

Le cose, anche le più minute, risvegliano sentimenti, avvicinano un mondo da scoprire nuovamente.
L'intervista
4 ore

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
13 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
15 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
20 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
21 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
1 gior

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
1 gior

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
1 gior

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
1 gior

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
1 gior

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
1 gior

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
2 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
2 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
2 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
2 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
08.11.2018 - 22:180

In viaggio per il mondo con i Zazlooz

Il progetto di sei studenti di musicologia di interscambio musicale e culturale domenica alla Fabbrica di Losone

a cura de laRegione

La musica è una delle espressioni fra le più nobili che l’essere umano abbia nelle mani: è strumento di trasmissione culturale, attraverso cui entrare in contatto con l’altro, conoscerlo e farsi conoscere. Attacchiamo con un’ovvietà da definizione di vocabolario; ne siamo consci. Ma quando si scoprono progetti che fanno del potenziale della musica – incarnandolo – il filo rosso del proprio lavoro, non si può che usare le parole più semplici.

Incontro, interscambio e trasmissione culturale sono quindi i presupposti del progetto dall’anima composita e dal nome curioso: Zazlooz; complesso che si esibirà domenica 11 novembre (alle 17) alla Fabbrica di Losone, nell’ambito della programmazione di novembre dell’Organico scena artistica (Osa!).

Nato nei corridoi della Facoltà di Musicologia dell’Université Paris 8, circa tre anni fa, il gruppo è formato da sei membri provenienti da Paesi diversi, con varietà di strumenti e idee – e non ci addentriamo nel dedalo della diversità di contesti e mentalità, sensibilità personali e via elencando –, ma con un’idea chiara e comune: portare al pubblico voci diverse dal mondo, per “fabbricare” cultura. A condividerla sono Philomène Constant (violino), Bastien Anthoine (flauto, percussioni), entrambi da Angers, in Francia; Soufiane Dakki (chitarra solista) da Rabat in Marocco; Feryiat Yüksel (chitarra ritmica) e Vedat Allak (violoncello), tutti e due dalla Turchia/Kurdistan e infine Frieder Licht (percussioni) dal Ticino. Tutti i membri, oltre al proprio strumento, cantano.

E proprio Frieder – nato e cresciuto in Ticino, attualmente studente in percussioni e batteria al primo anno di Master a Paris 8 – è il nostro interlocutore.

Iniziamo dal vostro curioso nome: che cosa significa? Il nome lo ha suggerito il nostro chitarrista e in dialetto marocchino significa “cool”. La parola però non viene usata molto fra coloro che lo parlano... Basta digitarla in un motore di ricerca per accorgersene: la prima voce della lista siamo noi. Ci siamo appropriati della parola.

Mi racconti un po’ la vostra storia? Com’è nato il progetto? I Zazlooz nascono nel grembo di Parigi 8, nei suoi corridoi di musicologia, dove gli studenti della facoltà hanno la tendenza a portare i propri strumenti e, durante le pause, si ritrovano e condividono un po’ di musica. Abbiamo così iniziato a fare amicizia fra noi, ognuno proveniente da un Paese diverso, in comune abbiamo il bacino del Mar Mediterraneo. A gennaio 2015 è nato così Zazlooz, che propone interscambio culturale e musicale. Abbiamo iniziato proponendo concerti, e man mano il gruppo si è allargato.

 

Che cosa apporta la molteplicità di provenienze? A livello musicale è sinonimo di ricchezza: una grande varietà di ritmi, strumenti, melodie e sonorità che, a mio avviso, rende molto interessante il nostro repertorio. La varietà culturale a livello umano porta anche a discussioni interessanti e costruttive, dovute alle visioni differenti, cui cerchiamo sempre soluzioni che possano andare bene per tutti. Al nostro interno non c’è un leader e quindi le decisioni importanti le prendiamo tutti insieme [una sorta di collettivo musicale; ndr].

Qual è il vostro genere? Ci abbiamo impiegato parecchio a fissarlo. Tuttora non è che ci sia una definizione rigida, anzi non la cerchiamo nemmeno, perché limiterebbe l’essenza del nostro gruppo. Ci siamo però accordati sui confini della nostra proposta: musiche e canti popolari provenienti sia dal bacino mediterraneo sia dal Medio Oriente. Il nostro repertorio è costituito da composizioni originali e brani tradizionali, che prendiamo e riarrangiamo.

Per quanto riguarda le composizioni proprie a che cosa v’ispirate? Sicuramente ai nostri background culturali. Capita che qualcuno di noi arrivi e proponga un nuovo pezzo, allora ci uniamo e tutti insieme ci lavoriamo e troviamo un arrangiamento. Che cosa cercate? Nuove sonorità e cerchiamo di suscitare nuove emozioni. Ma anche far conoscere al nostro pubblico altre voci dal mondo. I nostri concerti li vediamo come viaggi musicali...Qual è il vostro messaggio? Dietro al nostro progetto c’è l’idea di condivisione e rispetto per le altre culture. Ma c’è anche l’idea che dalla condivisione musicale si fabbrichi cultura. Avete già pubblicato degli album? Finora abbiamo pubblicato un Ep (nel 2016) e un album registrato in studio e pubblicato nel giugno 2018: “Efrin (Afrin)”. Lo abbiamo dedicato al massacro che tuttora la comunità curda sta subendo in Siria, da più di un anno a questa parte; [l’album è disponibile sul loro sito www.zazlooz.com, oppure lo si può ascoltare su Spotify; ndr].

 

Quali sono i progetti all’orizzonte? Dopo il lavoro di registrazione in studio che ha portato alla pubblicazione dello scorso giugno, adesso abbiamo deciso di concentrarci sull’attività dal vivo, dedicandoci ai concerti, magari in tutto il mondo... Finora i vostri concerti dove vi hanno portati? Nell’agosto di due anni fa, era il 2016, per tre settimane abbiamo viaggiato fra Turchia e Kurdistan proponendo concerti un po’ ovunque. Spesso abbiamo la possibilità di suonare in Francia, facendo tournée di tre o quattro giorni; questo è dovuto anche al fatto che dobbiamo organizzare studio e attività musicale. Questo fine settimana, teniamo una minitournée in Svizzera: sabato 10 novembre saremo a Zurigo e domenica 11 alla Fabbrica di Losone.

 
 
Programma Osa!

Ecco parte della programmazione per il mese di novembre dell’Organico scena artistica (Osa!): dopo il concerto di domenica, il prossimo appuntamento è per venerdì 16 novembre con lo spettacolo concerto “Isole: navigando dalla Sardegna alla Sicilia”, sempre alla Fabbrica di Losone (ore 20.30). Venerdì 23 novembre, spazio a “Lausch”, un concerto con Christian Zehnder e Barbara Schirmer che si terrà a Muralto, Sala Congressi (20.30). www.organicoscenaartistica.ch

Guarda 5 immagini e 3 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved