ero-un-picchiatore-ma-non-sono-pentito
‘Anni fa si menava un capannone intero, ma il giorno dopo nessuno scriveva niente sul giornale e nessuno si scandalizzava’ (foto: © Raffaella Tufano/Mauro Bonetti)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
11 sec

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
8 ore

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
1 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
1 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
1 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
1 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
1 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
2 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
2 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
2 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
3 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Figli delle stelle
3 gior

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)
Culture
3 gior

Môtiers, 'Art en plein air' parla anche ticinese

Ivo Soldini e Marta Margnetti tra gli espositori della mostra di sculture all’aperto più famosa in Svizzera, aperta sino al 20 settembre
Libri
3 gior

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Spettacoli
3 gior

'L'anno che verrà', Servillo-Girotto-Mangalavite suonano Dalla

Dal vivo sabato 24 luglio alle 21 nell'Agorà del Lac per la stagione en plein air
Culture
4 gior

A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro

Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Spettacoli
4 gior

La Francia piange Jean-Yves Lafesse, re dello scherzo tv

Viene considerato tra i precursori delle gag con telecamera nascosta e degli scherzi telefonici. Iniziò negli anni 80 con l'avvento delle radio libere.
Libri
4 gior

Obama-Springsteen, dal podcast al libro

'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Spettacoli
4 gior

Se sarà richiesta la vaccinazione, Eric Clapton non suonerà

Slowhand, che ha parlato della sua pessima esperienza con AstraZeneca, reagisce alle direttive di Boris Johnson: 'Mi riservo di poter cancellare gli show'
Musica
4 gior

Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'

È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
4 gior

Amy, sono già dieci anni

Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Culture
4 gior

I bambini del mondo disegnano il loro patrimonio culturale

Sono novecento i disegni esposti virtualmente da martedì scorso. L'iniziativa, in collaborazione con l'Unesco, ha coinvolto bimbi e adolescenti dai quattro continenti
Gallery
Musec
5 gior

Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21

Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Musica
5 gior

'Side-Eye NYC (V1.IV)', a settembre il nuovo Pat Metheny

Con relativo tour 2022: tra la date chilometricamente più vicine, quelle del 12 maggio a Milano, Teatro degli Arcimboldi, e del 13 maggio a Zurigo, Volkshaus
Arte
5 gior

'Corona Call', i 15 premiati in mostra a Locarno

In via della Gallinazza 10 e Piazzetta dei Capitani 3, dal 30 luglio al 22 agosto, il frutto del contest lanciato da Visarte Svizzera durante il lockdown.
Biblioteca cantonale
5 gior

Yari Bernasconi e Andrea Fazioli a Chilometro Zero

Giovedì 29 luglio alle 19, i due autori presentano il libro ‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli Editore)
Locarno Film Festival
5 gior

Leopard Club Award a Kasia Smutniak

Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
5 gior

Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti

Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
5 gior

Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie

Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
5 gior

C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival

Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
Culture
6 gior

'Edaphon Braggio', il suono del territorio

È l'installazione sonora dell'artista Marcus Maeder, allestita presso l’Archivio regionale Calanca a Cauco. Sabato 24 luglio l'artista incontra il pubblico
Cinema
6 gior

Jackass torna per farci ridere un'ultima volta

Il quarto capitolo intitolato 'Jackass Forever' uscirà in ottobre e sancirà la fine della folle corsa di Johnny Knoxville e compagni
Musica
6 gior

Zezel e l’estetica dei tempi dispari

Sul ‘Tubo’ con nuovi brani e relativi video. Qui con l’Emilio Castorina pensiero. Giovedì 22 luglio dal vivo a Roveredo (l'intervista)
Spettacoli
6 gior

Ad Ascona, audace e vulnerabile, 'Un eroe attraversa il mondo'

È lo spettacolo della Compagnia Teatro Daruma, in scena venerdì 23 luglio alle 20.30 nel Parco del Museo Castello San Materno
Ticino Musica
6 gior

Giovani e Grandi maestri, con Rossini in stazione

È la proposta di giovedì 22 luglio, divisa tra Rovio, la stazione dei treni di Lugano, Monte Carasso e Ascona.
Culture
6 gior

'Babel/Babele', la torre al centro per la 16esima edizione

Dal 10 al 12 settembre torna il Festival di Letteratura a Traduzione di Bellinzona: il programma in sintesi
Cinema
6 gior

Rallenta la crescita di Netflix

Chiusura del secondo trimestre sotto le attese degli analisti. Per la prima volta la società perde abbonamenti (400mila) in Canada e negli Stati Uniti
Fotografia
6 gior

Cinquanta femminili fonti d'ispirazione

Nel 50esimo anniversario del diritto di voto alle donne in Svizzera, Monte Carasso ospita da oggi ‘50|50|50’, progetto nato dallo sciopero femminista del 2019
Musica
1 sett

In ottobre ‘Music Of The Spheres’, il nuovo dei Coldplay

Prodotto da Max Martin, l'album è stato annunciato dalla band su Instagram con una nota scritta a mano.
Musica nel Mendrisiotto
1 sett

KaleidoTrio al Parco Gole della Breggia

Un viaggio sonoro che da Morricone arriva a Piazzolla, in programma mercoledì 28 luglio alle 21
Spettacoli
1 sett

‘Tutti dormono’, ultimo atto a Mendrisio

Il Parco di Villa Argentina ospita l'appuntamento conclusivo della site specific performance diretta da Diego Willy Corna
Musica
1 sett

Quattro anni fa ci lasciava Chester Bennington

L’ex frontman dei Linkin Park, morto suicida a 41 anni il 20 luglio del 2017, è stato uno dei cantanti più amati degli ultimi vent'anni
Locarno Film Festival
1 sett

'She Will' e '100 Minutes'. E il programma è completo

Il debutto della regista franco-britannica Charlotte Colbert e la nuova opera del russo Gleb Panfilov, già Pardo d'Oro nel 1969
Voce e not(t)e
1 sett

'Cinque contro tutti', a Chiasso gli Oblivion dietro le quinte

Il funambolico quintetto si mette a nudo domenica 25 luglio alle 21.30 allo Spazio Amphitheatrum, per la rassegna open air Centro Culturale Chiasso e Cinema Teatro
Culture
1 sett

‘Retro-Spektiva di una Pandemia’ nell'ex fabbrica di cioccolato

Dal 22 al 31 luglio, Simon Berz espone i lavori multidisciplinari nati negli ultimi 18 mesi
Scienze
1 sett

Un cocktail di anticorpi contro il Covid: via in Giappone

Il Paese è stato il primo a dare luce verde a questa terapia. Dimostrata l'efficacia nei casi a rischio
Castle On Air
1 sett

A Castelgrande il multiplatino Ernia: 'Ma non è stato facile'

Live nella Bellinzona di sopra il 23 luglio, forte dell'album 'Gemelli' che ha un gemello, 'Gemelli ascendente Milano' (feat. mezzo mondo, ma senza 'retrodiscorsi')
Ticino Musica
1 sett

Rossini a Bellinzona, Márquez e Duo Polaris a Lugano

Martedì 20 luglio alle 20 nella Corte del Municipio di Bellinzona la replica del Barbiere di Siviglia. Doppia proposta, invece, nella Chiesa di San Carlo Borromeo
Cinema
1 sett

'One Leaf One Life' di Domenico Lucchini a 'Visioni dal Mondo'

In autunno nelle sale ticinesi, prodotto da Inmagine e dal Cisa, è stato selezionato dal festival milanese che vede Maurizio Nichetti quale direttore artistico.
Scienze
1 sett

Fotografato il getto di un buco nero mentre risucchia materia

L'immagine è stata ottenuta dalla stessa collaborazione che nel 2019 aveva realizzato la prima foto di un buco nero, il progetto Event Horizon Telescope
Culture e società
25.03.2021 - 05:100
Aggiornamento : 11:21

'Ero un picchiatore, ma non sono pentito'

A colloquio con Matt, che negli anni '80 menava come non ci fosse un domani, e con Manuela Mazzi che ne racconta la storia. Romanzata sì, ma è storia ticinese

Ah, se soltanto i dentisti potessero parlare. Forse solo loro potrebbero raccontare meglio delle statistiche l’epopea dei picchiatori del Canton Ticino. Chi preferisse il mero dato storico può andare subito a pagina 251 del libro di cui scriviamo, all’appendice ‘Risse e scontri’, con l’esaustiva tabella riepilogativa delle bande attive nel Cantone dal 1980 al 1989 – il picco nel 1984 – con tanto di coefficiente di cattiveria: si va dalle carezze dei Mesoraca Boys e delle Giubbe di cuoio (coefficiente 2) all’ultraviolenza kubrikiana dei famigerati Giovani picchiatori di Losone (o Gpl, coefficiente 10 nonostante l’acronimo che sa di bombole da campeggio e preistoria dell'automobile ibrida). C’è poi la tabella eventi, catalogati come vini pregiati (‘Megarissa del Lido di Locarno’ dell’88, ‘Scorribanda di Brissago’ dell’89, ‘Zuffa al Cincillà’ dell’82…).

Il ‘Breve trattato sui picchiatori nella Svizzera italiana degli anni Ottanta’ (Laurana Editore) non è un’analisi sociologica e non è un romanzo storico. Cioè: del problema si capisce il perché, ma dalla parte di chi il problema lo ha creato, con tutti gli annessi e connessi pulp che il cinema ci rende commestibili e la vita invece ci rende insopportabili. Il ‘Breve tratttato’ (abbreviamo) è «un non romanzo, o un romanzo non romanzesco», come lo descrive alla Regione la sua autrice Manuela Mazzi, giornalista caposervizio presso il settimanale ‘Azione’, già autrice di alcune opere narrative e responsabile di corsi e laboratori di scrittura creativa. Detto da altri – Ermanno Cavazzoni, scrittore e sceneggiatore italiano autore della postfazione – “è una cronaca del Paleolitico, come se il Paleolitico non fosse mai finito, ma vivesse latente e operante sotto la cosiddetta civiltà moderna”. Detto da altri ancora – Giulio Mozzi, editore e autore dell’introduzione – “il poema epico di una generazione che si è trovata nel disagio e che ha cercato di sopravvivere nell’unico modo che ha trovato disponibile: picchiando”. Riassunto in un solo vocabolo, “un bestiario”, con perle (un virgolettato che pare autentico) come “anni fa si menava un capannone intero, ma il giorno dopo nessuno scriveva niente sul giornale e nessuno si scandalizzava” (messaggio ricevuto).

Eufemismi

Lungo il ‘Breve trattato’, dalla corrispondenza con la realtà sulla quale, da un certo punto in avanti, si smette d’interrogarsi, sfilano eroi locali (si prendano “eroi” ed “epopea” e quanto di celebrativo arriverà in seguito come puri eufemismi) in giovane e giovanissima età nel pieno di sconvolgimenti ormonali più pericolosi della media degli sconvolgimenti ormonali, nell’atto d’intraprendere la carriera del picchiatore, o nel pieno di una già avviata. Con in primo piano Matt il pugile, detto Nitro – vedi intervista che segue – e un passo dietro Gerry detto Glicerina, pronti da mettere insieme a far reazione.

«Sei-sette anni fa mi scrisse un ex giovane picchiatore – racconta Mazzi – specificando che non era pentito, chiedendomi se fossi interessata a raccogliere la sua storia così come avevo fatto con un precedente libro, ‘Un gigolò in doppio petto’, la storia di un giovane gigolò ticinese che era rimasto incastrato in una rete di prostituzione in Ticino». Come diceva il comico, la domanda nasce spontanea: non si corre il rischio di esaltarne le gesta? Perché questo cantone, se si parla di menare le mani, un sua seppur breve Via Crucis ce l’ha. «Una delle cose che cerco di fare nella scrittura creativa – risponde l’autrice – è la sospensione totale del giudizio perché, diversamente, non è più letteratura. Non amo l’intento moralistico sebbene venti ragazzi che hanno picchiato un ragazzo a sangue a non moltissimi chilometri da qui solo pochi giorni fa non può che farmi effetto. Ma se m’infilo oggi in quella realtà, allora dovrei fare un discorso completamente diverso e non scriverei un romanzo. Qui, il discorso, cito Cavazzoni, diventa il “Paleolitico umano”. Qui diventano grandiose cose non particolarmente edificanti, anche perché inevitabilmente ironiche». Ironiche e gonfiate come «i racconti dei pescatori, per i quali il pesce non è mai di due centimetri, ma di un metro e venti».

‘Ogni decennio ha la sua violenza’

Mazzi, conscia dell’evidente impossibilità di tutti di non poter non sorridere alle gesta (altro eufemismo) dei picchiatori, è assai realista: «Mi hanno invitato a presentare il libro davanti a una quarta media e parlerò molto chiaramente con il docente: io non sono un’educatrice. Questa è la difficoltà di questo libro e ne sono consapevole, ma la letteratura si occupa anche di temi storici, e metterci dell’ironia è un po’ come sdrammatizzare». A proposito di sdrammatizzare: «Matt e un paio di suoi amici si sono riconosciuti, anche in quello che mi sono inventata». Da vedersi come apprezzamento: «Successe con un altro libro, in cui la protagonista era una donna della Valle Maggia che aveva due cani, coltivava canapa in casa e ammazzava galline nel giardinetto. Tutto inventato. Una persona della valle mi scrisse in privato dicendomi: “Io ho conosciuto questa famiglia, so dove abitano, sono proprio così!”. Ma è facile, il lettore accetta che gli si possa spostare leggermente la realtà, per prendere quel che gli serve».

Ci sono gli anni Ottanta nel ‘Breve trattato’, che per i giovani di oggi è «mitologia, quella che per noi sono stati i Sessanta», dice Mazzi. E guardando al decennio di giacche colorate con le spalline, capelli cotonati e scarpe da boscaioli assurte a status symbol, Mazza ci fa un sunto di violenza: «‘Rusty il selvaggio’, ‘I guerrieri della notte’, ‘I ragazzi della 56esima strada’, ‘Rambo’, ‘Rocky’, gli Schwarzenegger, gli Steven Seagal e i Van Damme. Oggi c’è violenza nei videogiochi. Ogni decennio ha la sua. Io ho ricordato questo perché, confrontandomi con il cliché della Svizzera, è difficile far passare, fuori dai nostri confini, l’idea che qui ci fossero dei picchiatori. L’editore Giulio Mozzi, quando ci confrontammo, mi chiese come sarebbe stato preso un libro così qui. Gli dovetti spiegare che queste cose accadevano veramente».

I racconti di Matt, per chi almeno un volta nella vita è stato braccato da una banda di picchiatori, producono un non irrilevante effetto amarcord. L’incontro con Matt alla ricerca dei suoi demoni è per noi l’incontro con i nostri. Vediamola da questo punto di vista: alla fine del ‘Breve trattato sui picchiatori nella Svizzera italiana degli anni Ottanta’, conforta constatare che – devitalizzazione più, devitalizzazione meno – abbiamo ancora tutti quanti i denti in bocca.

Peccato solo che a qualcuno sia andata peggio.


Manuela Mazzi (Photo Ma.Ma)

Matt (quello vero)

‘Sono andato alla ricerca dei miei demoni’

«È un po’ strano. Leggendo il libro trovo affinità con qualche amico, poi invece mi accorgo che sono io. Manuela ha messo insieme sapientemente le cose reali con quelle inventate, intrecciando dei personaggi che sono esistiti davvero, ma con altri nomi». Matt – possiamo chiamarlo soltanto col suo nome d’arte – nel ‘Breve trattato’ rivede «alcuni compagni di battaglia e altri che si conoscevano più a margine, gente alla quale ogni tanto capitava di dar manforte in qualche scazzottata». Non fosse che è il nostro incubo peggiore di gioventù (non lui; quelli come lui), Matt – così ci viene detto di chiamarlo prima d’incontrarlo – non fa parte di chi ha totalmente rinnegato quegli Anni Ottanta di botte da orbi.

Matt. Possiamo dire che lei non fa parte dei pentiti?

Sì, sempre che s’interpreti il concetto di “non pentito” nella maniera giusta. Io ho lanciato la palla a Manuela diversi anni fa perché leggevo di persone che si sono anche buttate in politica, che un tratto erano diventati sostenitori della non violenza, che facevano addirittura campagna elettorale con la non violenza. Mi sono detto: ma se fino all’altro giorno hai fatto casini a destra e sinistra? Detto in parole povere, questo per me è paraculismo. Si tratta di persone che andavano a fare rissa allo stadio, cosa che io non ho mai fatto, perché non è mai stato nel mio interesse andare a picchiarmi per il puro gusto di esercitare violenza su qualcosa o qualcuno.

Rivendica quindi di aver menato soltanto per motivi validi. Si definirebbe un picchiatore idealista?

Sì, chiaramente è capitato anche di andare sopra le righe per l’aver bevuto troppo, magari il gruppetto ti scanzonava e scattava la scintilla e in un attimo c’erano venti persone che si menavano…

Quindi idealista fino a un certo punto. Ammette di avere fatto cazzate…

Sì, ma non era per il puro gusto di picchiare qualcuno. Io ero anche mingherlino e quando qualcuno sapeva che io picchiavo, i più robusti volevano fare gli spacconi e poi si accorgevano che non era così. Magrissimo, poi, lo sono stato sempre. E tutto in un momento, dall’essere sfottuto e non considerato mi si salutava ovunque, mi si offrivano passaggi in auto, mi si pagava da bere, tutti ci tenevano a far vedere che erano miei amici e io mi dicevo che la gente era veramente suonata.

Ma una soluzione alternativa al menare per ottenere rispetto non l’ha mai valutata?

Sicuramente c’era, ma io sono sempre stato scherzato e sfottuto. Le spiego. La mia reazione inizia un po’ più tardi rispetto a quanto si dice nel romanzo. Essendo svizzero-tedesco in Ticino, ero il zucchino di turno, mi si stuzzicava spesso. Io stavo molto tempo per i fatti miei, potevo passare anche pomeriggi interi in casa ad ascoltare musica. Anche nel contesto scolastico, chi faceva gruppo mi prendeva in giro. Una sera mi hanno stuzzicato, uno mi ha preso da dietro per il collo, altri mi canzonavano in faccia e ho pensato di fare come nei film: mi sono girato, ho piantato un pugno, ha funzionato e da quel momento mi sono accorto che la gente stava alla larga, mi rispettava. Lo so che è brutto da dire, ma è stato effettivamente così.

Nei suoi momenti meno idealistici, definiamoli così, lei ci pensa ogni tanto a chi si è fatto male e non c’entrava niente?

Qualcuno che non c’entrasse completamente niente non è quasi mai successo, e se è successo potrei essere stato annebbiato dall’alcol. Durante i pestaggi di massa meni a destra e sinistra e non guardi proprio dove stai picchiando. È capitato anche che durante un pestaggio mi arrivasse da dietro, con altre intenzioni, un amico che non ho riconosciuto: ho pensato che fosse qualcuno con intenzioni ostili, gli ho tirato dritto, gli ho rotto il naso. Quella notte sono finito in ospedale e il primo che è venuto a trovarmi è stato lui. Confesso che mi sono un pochino vergognato.

Lei è padre di famiglia. Che insegnamenti di vita dà ai suoi figli? Il suo passato ritorna o ha imparato la tolleranza?

La tolleranza è arrivata. La mia bimba è stata bullizzata nel contesto scolastico. Fosse stato per me le avrei detto: “Dagliele indietro, e di santa ragione”. Chiaramente non l’ho fatto. Ho parlato con la scuola, ho contattato l’ufficio di polizia che si occupa di violenza giovanile tramite un amico che in polizia ci lavora. E mi sono purtroppo stupito di come in trent’anni sia cambiato poco. Si cerca di nascondere, minimizzare. E mi sono ritrovato a dire a mia figlia che al prossimo atto di bullismo è il caso di dargliele indietro.

So che ha anche un bimbo. Com’è con lui?

È piccolo, ma vuole già fare la boxe. Ma è molto tranquillo ed è un bambino molto dolce. Anche la grande, ma a un certo punto uno si stufa. È successo anche a me. Io sono andato sopra le righe, lo riconosco, ed è arrivato il momento in cui mi sono tirato insieme.

E cosa l’ha spinta a tirarsi insieme?

Ho fatto dodici anni di pugilato agonistico e il mio allenatore ha una buona parte di merito nel mio cambiamento. Le sue prediche sono servite, mi ha sempre detto che non potevo andare avanti così. E il resto è arrivato da solo, perché con gli anni si matura. E mi sono occupato di filosofia orientale, mi sono messo alla ricerca dei miei demoni…

Li ha trovati?

Parecchi sì. Ci sono dei momenti in cui, in positivo, la mia vecchia rabbia viene ancora fuori. È quella che mi ha permesso di risolvere problemi di lavoro, anche con i miei superiori…

Nei modi ortodossi spero…

Sì, senza menare le mani, cercando la diplomazia, che è una parola che è entrata nella mia vita per forza di cose. Perché poi, lo dicevo alla radio, alla fine sono sempre stato amico di tutti.

A parte quelli che ha menato…

Ma anche di quelli sono diventato amico!

Dopo.

Sì, dopo. Ma il bello era che ai nostri tempi potevi anche menarti, ed erano solo pugni, e poi andavi a bere insieme. Oggi mi danno fastidio quelli che sono forti in banda, picchiano e poi ci sono epiloghi spiacevoli. Ho seguito la cosa del Foce a distanza, sul web, ed è vergognoso che la polizia abbia dovuto indietreggiare davanti a questi personaggi. Negli anni Ottanta con la polizia c’era una certa conoscenza, non davi addosso al poliziotto, che spesso mediava. Mi è successo anche di essere stato riportato a casa dalla polizia, di sentirmi dire “ti porto a casa prima che ne fai un’altra…”. Ma quando senti di due, tre, quattro, cinque che danno addosso a uno da solo, mi dico che vorrei essere stato io quell’uno…

Giancarlo Piffero

‘Dai quattro cazzotti si è passati all’infierire’

Alla lettera: “Misure di prevenzione rivolte in particolare ai giovani che si sono già resi autori di reati o che sono a grave rischio di divenirlo”. Nel giugno del 2006, in seno alla Polizia cantonale, veniva creato il Gruppo visione giovani (Gvg), attualmente composto da un responsabile cantonale, quattro agenti coordinatori regionali per Locarnese, Bellinzonese, Luganese e Mendrisiotto e circa 40 antenne (agenti prevalentemente delle polizie comunali) dislocate sul territorio cantonale, persone di riferimento per le varie sedi scolastiche. Il Gvg svolge principalmente un lavoro di prevenzione e mediazione con le scuole elementari, medie, professionali e medie superiori, e interviene su richiesta degli Istituti scolastici e di privati in nome del “prevenire e mediare per evitare di denunciare”.

‘Bullismo fino a un certo punto’

Fino alla fine del 2019, a capo del Gvg è stato Giancarlo Piffero, che di violenza giovanile qualcosa sa, e molto ricorda anche degli anni Ottanta di Matt. «In quel periodo – racconta alla Regione – facevo parte della polizia stradale, ma lavoravo già a contatto coi giovani, essendo monitore di Gioventù + sport. Ricordo bene le teste calde del Locarnese, i Giovani picchiatori di Losone (Gpl). Qualcosa c’era anche a Gordola, ma i più eclatanti furono quelli di Losone, la generazione di adolescenti che aveva una decina d’anni in meno di me. Erano atti di prepotenza che si possono chiamare bullismo solo fino a un certo punto». Se per bullismo s’intende minacciare con un arma un coetaneo perché consumi un atto sessuale con la fidanzatina davanti agli occhi dei bulli e via via più su, o più giù, nella scala dei reati odiosi, con l’assai gettonato ‘Traino di adolescente agganciato all’auto’ di cui sempre si parla, e delle scazzottate gratuite. «E poi ci fu il periodo in cui toglievano i coperchi ai tombini nelle strade lasciandoli aperti, e potevi finirci dentro e farti male davvero». Per questi comportamenti illegali, alcuni di loro sono anche stati condannati.

A inizio anni Duemila, quando Piffero diventa responsabile del Gruppo visione giovani, i Gpl – «Che fantasia, poi, chiamarsi come il gas propano liquido…» – avevano già smesso di dare spettacolo. Non che il branco, inteso nella sua accezione più generale e meno nobile, abbia smesso di agire: «Oggi, oltre alle forme di violenza conosciuta al tempo, esistono anche altre forme di violenza, come quella psicologica esercitata dai ‘leoni da tastiera’ che si sentono forti facendo leva sull’anonimato». Una violenza «non conosciuta negli anni 80 e 90 ma sicuramente molto dannosa e pericolosa per chi la subisce», sostiene Piffero.

Involuzione

«Una volta, praticamente a ogni festa campestre – continua l’ex capo del Gvg – c’era una scazzottata, che però finiva perché l’uno se ne andava via o l’altro restava a terra sopraffatto. Da lì, nel tempo, si è arrivati a Damiano Tamagni, le cui lesioni fatali furono dovute alle percosse ricevute quando ancora si trovava a terra. Oggi s’infierisce quando una persona è a terra, incapace di difendersi, con pugni e pedate, e non è più il voler prevaricare qualcuno limitatamente al voler uscirne vincitore, ma il volerlo annientare».

Il sensibilizzatore e l’ex testa calda Matt concordano sul poco rispetto di cui godono oggi le forze dell’ordine: «Mi fa piacere che un ex giovane ribelle abbia fatto questa riflessione da adulto. È vero, un tempo c’era una forma di maggior rispetto nei confronti dell’autorità, e questo non solo da parte dei giovani ma anche da parte degli adulti. Negli ultimi 20-30 anni, vuoi per l’involuzione della comunicazione, vuoi per il linguaggio aggressivo e a volte sboccato e sgarbato di certi politici, molta violenza verbale passa come ‘normale’ e senza controllo». E «se una volta era “il signor maestro” e “il signor sindaco”, ora è “quel pirla del docente di seconda media” e “quel cretino di un sindaco”. Perché se a tavola dico davanti a mio figlio che fa le medie che “quel cretino di un poliziotto mi ha fatto la multa”, mio figlio penserà che il poliziotto è quel cretino che gli porta via i soldi, non colui che fa rispettare le regole. È la nostra società che è cambiata radicalmente, non solo i giovani». Il passo dal rispetto alla notte di guerriglia al Foce è assai breve: «La pandemia, le restrizioni, la frustrazione per la mancanza della possibilità di svago sono comprensibili, ma non si giustificano».

Aggiornando il detto

Il 23 dicembre del 2019 alla ‘Regione’, dopo 44 anni in polizia, Giancarlo Piffero faceva il bilancio della sua esperienza a capo del Gvg della Cantonale. Esperienza che il pensionamento non ha interrotto. Le richieste d’informazioni e le consulenze continuano, e il legame con le nuove generazioni è ancora aperto. «Oggi lavoro ancora coi giovani in ambito sportivo e formativo perché è gratificante. Mi piace stare con loro perché sono brillanti, spontanei, vivono le emozioni diversamente dagli adulti che a volte sono poco trasparenti, capaci di fingere, e adattati. I giovani vivono in modo molto marcato la fase adolescenziale della loro vita e normalmente trasmettono segnali se qualcosa non va». Meglio, a questo proposito, «se ce ne accorgiamo e ne discutiamo con loro».

Per concludere. «Il ritrovarsi in un gruppo dove si identificano, il gruppo che incita e provoca, può fare molto in senso negativo, oltre alla sensazione d’onnipotenza data da alcol, sostanze varie e abuso di giochi violenti su internet, che offuscano la percezione della gravità delle loro azioni e le relative conseguenze. Poi, magari, capita che incontrino una ragazza più tranquilla che riesce a condizionarli positivamente. Quel detto un po’ sempliciotto per il quale dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna potremmo aggiornarlo così: “Accanto a un ragazzo problematico, se ci mettiamo una ‘brava’ ragazza, magari lo raddrizza”.


Giancarlo Piffero, ex Polizia cantonale, già responsabile del Gruppo visione giovani (Ti-Press)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved