laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
45 min
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
4 ore
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
5 ore
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
1 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
1 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
1 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
2 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
2 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
2 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
2 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
2 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Società
07.06.2020 - 15:110
Aggiornamento : 18:56

Guccini compie 80 anni e festeggia oggi online

Sarà un evento social online al quale tra gli altri parteciperanno Luciano Ligabue e il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini

 In barba ad ogni scaramanzia, Francesco Guccini festeggia oggi , dunque con una settimana di anticipo, il suo ottantesimo compleanno che cade il 14 giugno.

Sarà un evento social online al quale tra gli altri parteciperanno Luciano Ligabue e il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

Un bel regalo gli è già arrivato dalla giuria del Premio Campiello che lo ha inserito nella cinquina dei finalisti con "Tralummescuro - Ballata per un paese al tramonto". E, si badi bene, in questo caso la parola regalo va usata solo per la coincidenza temporale tra l'annuncio del Campiello e il compleanno perché Guccini è uno scrittore, oltre che uno dei più importanti cantautori e autori della musica italiana: non si tratta dunque del riconoscimento del valore letterario dei suoi testi ma proprio di dare valore al lavoro di un autore che scrive libri da decenni.

E scrivere oggi è la sua principale attività, visto che da qualche tempo si è ritirato dalla scena musicale. Anche se si tratta di un personaggio allergico alle celebrazioni e alla retorica, è giusto feteggiare un personaggio che oggi è un punto di riferimento, in un momento in cui si avverte drammaticamente la mancanza di figure simbolo.

È giusto perché il Maestrone, come viene chiamato da chi gli è più vicino, fa parte di quella generazione che con la canzone d'autore ha dato uno dei contributi più significativi e originali alla cultura italiana del secolo scorso. Modenese, Guccini per certi aspetti incarna il meglio della tradizione della Osterie di Bologna, un luogo dell'anima con le sue specificità, dove nelle notti infinite la musica faceva da colonna sonora a un universo composito e per sua natura mitopoietico.

Ha fatto l'insegnante per una vita ma anche il giovane cronista alla Gazzetta di Modena e il pubblicitario, nel mondo della musica ci è entrato con atteggiamento riluttante prima come autore, per Caterina Caselli e soprattutto per i gruppi Beat, Equipe 84 e Nomadi, che hanno portato al successo "Auschwitz", "Per fare un uomo", "Dio è morto", "Noi non ci saremo".

Contando su un bagaglio culturale ricchissimo, Guccini ha trovato col tempo una sua poetica precisa, fino ad arrivare, a partire dagli anni '70 a diventare uno dei personaggi più amati ed ascoltati della stagione dell'impegno, complici anche i suoi concerti, autentici happening in cui la musica e le canzoni si mescolavano con monologhi e accenti del miglior cabaret. Sono tante le sue canzoni che sono diventate degli inni collettivi: "La locomotiva", "Piccola città", "Il vecchio e il bambino", "Vedi cara", "Incontro", "Autogrill", "Canzone per un amica", "Cirano", "L'avvelenata" per fare qualche esempio.

Ma l'immagine del cantautore con l'eskimo è riduttiva per un autore che ha nobilitato la scrittura musicale attraverso riferimenti amplissimi che vanno dalla poesia italiana a Borges, da Dylan e la poetica Beat alla Bibbia e Procopio di Cesarea, da Cervantes a Dumas a Barthes, in un mix affascinante e sofisticato in cui emergono i suoi studi da linguista e la sua conoscenza della storia. La sua grande lezione, e per questo continua ad essere amato anche dalle generazioni più giovani, è nell'aver saputo dimostrare che non esiste un solo modo di raccontare la storia e la realtà.

E che attraverso il dubbio si può scoprire un altro punto di vista, a volte anche attraverso l'ironia. E anche così che le vicende delle sue canzoni sono diventate universali. Dal 2012, dopo aver pubblicato "L'ultima Thule", Guccini ha annunciato il suo ritiro dalla scena musicale attiva: niente più dischi e concerti per dedicarsi alla scrittura.

Vive a Pavana, il paesino dell'Appennino della sua infanzia e delle radici della sua famiglia. E grazie a lui, quel piccolo centro fuori da ogni rotta conosciuta è diventato un luogo che sconfina nel mito.

© Regiopress, All rights reserved