laRegione
Nuovo abbonamento
(Gerd Altmann/Pixabay)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
17 ore
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
17 ore
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
17 ore
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
18 ore
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
18 ore
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Scienze
1 gior
Seimila anni buttati via
L'aumento accelerato della temperatura media cancella millenni di clima temperato
Scienze
1 gior
Il bosco fa respirare l'Europa
Le foreste concorrono ad assorbire ogni anno 806 milioni di tonnellate di anidride carbonica
Scienze
2 gior
La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede
Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta
Spettacoli
2 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
2 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
2 gior
Premio d’onore del cinema svizzero per Markus Imhoof
Il regista premiato per “la sua perpetua ricerca dell'umanità, che mescola politica e aneddoti personali”
Spettacoli
2 gior
Covid-19, il Cirque du Soleil in bancarotta
Con i ricavi azzerati a causa della pandemia, la società ha deciso di ristrutturare il debito per garantire un futuro al gruppo
Spettacoli
2 gior
Marchè du film di Cannes, il virtuale piace
Festival cinematografico annullato, ma il tradizionale mercato del film si è tenuto, con successo, online
Spettacoli
2 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
Arte
3 gior
DE-PRESS-ME, una breccia artistica nella chiusura
Intrusione artistica benevola nei confini domestici sbarrati dall’emergenza sanitaria
Società
3 gior
Che la morte ci sia lieve (Pau come Nadia)
Donés, leader di Jarabe de Palo, che come la Iena Toffa ha raccontato in pubblico, fino in fondo, l’urgenza (e la bellezza) del vivere
Società
29.05.2020 - 06:300

Radio Free Twitter e i paradossi di Trump

Che cosa ci racconta lo scontro tra il presidente statunitense e il social network dopo la "censura" di un suo tweet

C’è qualcosa di paradossale, nello scontro tra il presidente Donald Trump e Twitter. Innanzitutto perché parte del successo mediatico e politico del presidente statunitense è legato proprio all’uso spregiudicato del social network; una situazione che certo non cambierà per un generico invito a “verificare i fatti” come quello aggiunto ad alcuni tweet di Trump. Paradossale è ovviamente la stretta sui social media annunciata da Trump, con un ordine esecutivo che dovrebbe limitare le protezioni legali dei social network “per amore della libertà”. Ma paradossale è anche pensare a come sono cambiati il ruolo e la percezione dei social media nell’ultimo decennio, passati in breve da “alfieri della libertà” a “pericolo per la democrazia”.

Torniamo al 2009: Obama era da poco stato eletto presidente degli Stati Uniti anche grazie a internet, usato tuttavia per organizzare e mobilitare la propria base non per disinformare, ma l’evento centrale per capire la considerazione di cui allora godevano i nuovi media sono state le elezioni in Iran e le proteste che sono seguite dopo la vittoria – dovuta a pesanti brogli ampiamente descritti dalla stampa internazionale – di Ahmadinejad. Si parlò di “Twitter Revolution”, perché era proprio tramite questa nuova piattaforma, lanciata da un paio d’anni appena, che le informazioni riuscivano a circolare, sfidando la censura delle autorità iraniane. Nella fase calda della rivolta, il Dipartimento di Stato contattò il fondatore di Twitter Jack Dorsey per chiedere di rinviare un intervento di manutenzione che avrebbe reso inaccessibile il sito: gli iraniani dovevano continuare a twittare. Si trattò l’iniziativa di un giovane, il non ancora trentenne Jared Cohen, che godeva di un certo prestigio all’interno del Dipartimento di Stato guidato da Hillary Clinton. Un “ciberutopista” secondo il sociologo Evgeny Morozov che ai pericoli di questi “sogni delle nuove tecnologie” ha dedicato un libro, ‘L’ingenuità della rete’. Perché l’idea era che i social network potessero essere la nuova Radio Free Europe, l’emittente finanziata dalla Cia per promuovere la libertà e la democrazia nei Paesi del blocco sovietico – ma alla fine la rivolta in Iran fu repressa dal governo con la violenza e diversi manifestanti identificati proprio sfruttando la loro attività online. E Jared Cohen andò a lavorare per Google.

L’ingenuità denunciata da Morozov non consisteva infatti nel pensare che i social media sono uno strumento potente, ma che questo potere sarebbe stato usato solo dai “buoni”. A far capire una volta per tutte che i social media non sono lì solo per promuovere gli ideali democratici – o per far propaganda statunitense, la linea è talvolta sottile – ci pensarono i terroristi quando iniziarono a usare Twitter e gli altri social media per far propaganda più o meno organizzata, dai filmati dei prigionieri decapitati ai proclami fino ad arrivare ai banali, per quanto talvolta violenti, post di cittadini qualunque. E se fino a grosso modo metà degli anni Dieci la strategia dei social media era sostanzialmente di chiamarsi fuori, lasciando ai singoli utenti la responsabilità dei contenuti condivisi sulle proprie piattaforme – la metafora preferita era quella del servizio postale, inconsapevole di quel che recapita in buste e pacchi –, di fronte al terrorismo si è iniziato a intervenire sui contenuti. Privandosi tra l’altro della possibilità di sfruttare i social media per monitorare la situazione, identificando ad esempio le comunità a maggior rischio di estremizzazione, ma questa è un’altra storia.

I social media hanno smesso di essere uno spazio aperto a chiunque, per diventare qualcosa di più vicino a un prodotto editoriale, con delle scelte sui contenuti che è possibile condividere. Niente terrorismo, quindi, poi giustamente ci si è concentrati sui reati d’odio, sulle discriminazioni, sul bullismo: tutte decisioni fatte per evitare di diventare, da quella forza di emancipazione con cui erano nati, a territorio di abusi e prevaricazioni. Ma il colpo più duro alla reputazione dei social media è arrivato con le fake news: ora, sull’effettiva influenza della disinformazione online si discute molto – e non senza ragione c’è chi sottolinea il potere dei media tradizionali, innanzitutto della televisione –, ma certo quella delle fake news è una delle principali preoccupazioni dopo l’elezione di Trump e il voto sulla Brexit.
È in questo contesto che si inseriscono i recenti sforzi di Twitter, Facebook e YouTube per contrastare la disinformazione, lasciando comunque ampio margine agli utenti. Seppur con differenti approcci, infatti, tutte le piattaforme considerano la rimozione di contenuti come intervento estremo da utilizzare solo nei casi più gravi, ad esempio quando c’è un pericolo per la vita delle persone (pensiamo, un esempio a caso, a consigliare di bere della candeggina). Per il resto, meglio intervenire in maniera più leggera, ad esempio con avvisi come quello che ha mandato su tutte le furie Trump, nonostante l’ampia libertà che, in quanto politico, gli era concessa dal regolamento di Twitter. Lo scontro che si sta aprendo, al di là delle conseguenze immediate – verosimilmente un aumento di popolarità per Trump e un calo in borsa per le aziende tecnologiche – potrebbe quindi aprire una nuova fase nel ruolo pubblico dei social media. Quale è difficile prevederlo, ma difficilmente i social network potranno continuare a mantenere un basso profilo su quello che anche i politici condividono.

© Regiopress, All rights reserved