Ambrì
0
Lugano
0
1. tempo
(0-0)
Berna
0
Ginevra
0
1. tempo
(0-0)
Bienne
0
Langnau
0
1. tempo
(0-0)
Friborgo
0
Davos
0
1. tempo
(0-0)
Losanna
0
Lakers
0
1. tempo
(0-0)
Zurigo
0
Zugo
0
1. tempo
(0-0)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(0-0)
Olten
0
Winterthur
0
1. tempo
(0-0)
GCK Lions
Langenthal
20:00
 
Ticino Rockets
Turgovia
20:00
 
Ambrì
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Lugano
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Berna
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Ginevra
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Bienne
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Langnau
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Friborgo
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Davos
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Losanna
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Lakers
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Zurigo
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Zugo
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Zugo Academy
LNB
0 - 0
1. tempo
0-0
La Chaux de Fonds
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Olten
LNB
0 - 0
1. tempo
0-0
Winterthur
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
GCK Lions
LNB
0 - 0
20:00
Langenthal
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Ticino Rockets
LNB
0 - 0
20:00
Turgovia
Ultimo aggiornamento: 13.11.2018 19:46
Società
20.08.2018 - 17:590

I selfie e la nuova fobia da bruttezza

Uno studio mette in guardia dai filtri bellezza con cui ritoccare i propri selfie. Sempre più persone ricorrono alla chirurgia per somigliare alla propria versione “filtrata”...

La popolarità dei selfie può avere effetti psicologici negativi. I filtri bellezza, usati sempre più spesso, rischiano di scatenare una sorta di fobia dei difetti fisici e la conseguente corsa al “ritocchino” chirurgico. A mettere in guardia sulle conseguenze di app che restituiscono volti perfetti non aderenti alla realtà è un articolo apparso su Jama Facial Plastic Surgery.

Il Disturbo dismorfico del corpo (BDD), o dismorfofobia, è una condizione che colpisce una persona su 50 negli Stati Uniti. Le persone che hanno questo disturbo ossessivo-compulsivo sono ossessionate da imperfezioni minori o inesistenti nel loro aspetto e alcune hanno una storia di interventi di chirurgia estetica inutili o ripetuti. A scatenarlo sono diversi fattori, tra cui la genetica, l’errata elaborazione del neurotrasmettitore serotonina (l’ormone della felicità) ma anche traumi infantili e contesti ambientali.

Ora i ricercatori del Boston Medical Center (BMC), nel Massachusetts, suggeriscono che potrebbe esserci un ulteriore fattore di rischio: i selfie. Nel loro articolo, sottolineano che la crescente diffusione dei filtri in app come Snapchat e Facetune ha profondi effetti psicologici.

"La pervasività di queste immagini modificate può incidere sull’autostima, farci sentire inadeguati" e innescare un nuovo fenomeno chiamato ’Snapchat dysmorphia’, che ha come conseguenza anche la ricerca dell’intervento chirurgico "per apparire come la versione ’filtrata’ di se stessi".

A tal proposito, spiegano, un’indagine ha rilevato che nel 2017 il 55% dei chirurghi plastici si occupava di persone che stavano cercando di migliorare il loro aspetto nei selfie; solo 3 anni fa questa percentuale era del 42%. "I selfie con filtri – afferma il coautore dell’articolo, Neelam Vashi, direttore del Ethnic Skin Center del BMC – possono far perdere il contatto con la realtà" e "questo può essere particolarmente dannoso per gli adolescenti".

Tags
selfie
filtri
articolo
fobia
© Regiopress, All rights reserved